Enpaia “Cogliere le opportunità derivanti dalle innovazioni”

59

Previdenza e assistenza sono due principi sanciti dall’articolo 38 della Costituzione Italiana, cardini del nostro “stato sociale”. Rappresentano, unitamente all’istruzione e alla salute, i diritti attraverso cui si garantiscono condizioni adeguate di vita a tutti i cittadini che si trovano in una condizione di maggior debolezza per affrancarli dal “bisogno”.

Le Casse di previdenza, ed Enpaia tra queste, costituiscono quindi, un fondamentale strumento di politica sociale tramite cui erogare prestazioni al fine di porre rimedio alle conseguenze derivate da quegli eventi previsti ed individuati dalla legislazione, quali infortuni, malattie, vecchiaia, disoccupazione involontaria.

L’universo delle professioni, negli ultimi dieci anni, ha subito una profonda trasformazione in linea con i mutamenti del mercato del lavoro che oggi è caratterizzato dalla necessità di una continua formazione professionale, a causa dell’avvento delle nuove tecnologie, dell’intelligenza artificiale e di ritmi incalzanti, nel nome della produttività.

Questi cambiamenti hanno generato nuove opportunità ma anche nuovi squilibri, insicurezze e pericoli di esclusione sociale.

La Fondazione Enpaia, l’Ente di previdenza degli impiegati e dei dirigenti dell’agricoltura, è pienamente consapevole di queste trasformazioni epocali in atto nella società e, con la nuova governance, è fortemente impegnata in questa sfida.

Per questo, è di fondamentale importanza, per la Fondazione, consolidare i risultati raggiunti in passato coniugandoli alle innovazioni che stanno investendo il mondo agricolo, anche per rafforzare il proprio ruolo di investitore istituzionale nell’economia reale che riconosce nell’agricoltura uno dei settori portanti del nostro “sistema-paese”, soprattutto alla luce dei mutamenti ambientali e in relazione alle complesse normative comunitarie e nazionali.

In tale contesto, il Presidente Giorgio Piazza e il Direttore Generale Roberto Diacetti, entrambi nominati nello scorso autunno, sono impegnati a perseguire quegli indirizzi strategici indispensabili per il raggiungimento dei risultati attesi dagli iscritti alla Fondazione, attraverso la massimizzazione degli attuali asset, l’ottimizzazione della gestione e del controllo dei rischi, la stabilizzazione degli obiettivi di investimento e l’implementazione delle azioni di contenimento dei costi.

Occorre, tuttavia, tener conto di un altro aspetto fondamentale. La Fondazione è un formidabile punto di vista per osservare le dinamiche dei citati mutamenti in atto in campo agricolo, riguardo l’occupazione e le competenze, e in tutte le aree geografiche del nostro Paese. Questo è un punto di forza della Fondazione che è in grado di monitorare lo stato di solidità dei redditi, le fluttuazioni degli stessi, per assecondare necessità e bisogni degli iscritti, fornire prospettive su dinamiche demografiche, interpretare gli eventi alla luce dei cambiamenti; elementi da cui lo stesso legislatore può attingere per l’attivazione e il perfezionamento delle politiche passive sul lavoro.

Da sempre la Fondazione Enpaia si distingue per la sua solidità finanziaria, testimoniata dai risultati dei bilanci tecnici, e per la produttività coniugata con la prudenza negli investimenti che insieme sono a garanzia dei diritti degli iscritti.

Queste caratteristiche, fondamentali per un ente previdenziale, si sono ora maggiormente arricchite di un assetto organizzativo capace di dare risposte più efficaci ed efficienti ad aziende e iscritti.