Riforma copyright. Dall’Unione europea arriva il via libera all’accordo

Parlamento, Consiglio e Commissione Europea hanno trovato un accordo (in allegato il comunicato) sulla riforma del copyright.

Le nuove norme garantiscono maggiori diritti e una remunerazione più equa a editori, artisti, autori e giornalisti nei confronti delle grandi piattaforme online come Google, Facebook o Youtube. L’intesa è stata preceduta da quella tra i governi degli Stati membri, approvata con il voto contrario dell’Italia e di altri sette Paesi.

Accordo raggiunto sul copyright!», ha commento con soddisfazione il vicepresidente della Commissione Ue Andrus Ansip su Twitter. Ora «gli europei avranno finalmente regole moderne per il copyright adatte all’era digitale con reali benefici per tutti: diritti garantiti per gli utenti, equa remunerazione per i creatori, chiarezza delle regole per le piattaforme». «I creativi inclusi musicisti, attori, giornalisti sono rafforzati» dalle nuove regole, scrive il Parlamento europeo, mentre «meme, gif, e gli snippet degli articoli sono salvi» e «le piattaforme start up protette».