Inpgi e Cassa Ragionieri, ancora in attesa del Decreto Crescita

99

L’Inpgi e la Cassa di previdenza dei Ragionieri sono stati, anche questa settimana, al centro dell’attenzione quotidiana dei media. A riempire le pagine dei quotidiani e delle agenzie stampa il Decreto Crescita e l’emendamento che, una volta approvato, dovrebbe permettere l’allargamento della platea degli iscritti per entrambi.

“Saltano i lavori su dl Crescita” titola l’Ansa che scrive “Ancora niente di fatto alla Camera per il decreto crescita. Le Commissioni Finanze e Bilancio hanno riunito l’ufficio di presidenza e deciso di rivedersi direttamente lunedì pomeriggio. Sul tavolo mancano infatti ancora le soluzioni su alcuni temi centrali del provvedimento: il Salva Roma, ribattezzato Salva Comuni, le banche e l’Inpgi”.

Ed ancora . “Il Fatto Quotidiano” scrive “Se sullo Sblocca cantiere è stata trovata la quadra, ancora niente di fatto alla Camera per il decreto Crescita. Le Commissioni Finanze e  Bilancio hanno riunito l’ufficio di presidenza e deciso di rivedersi direttamente lunedì pomeriggio. Sul tavolo mancano infatti ancora le soluzioni su alcuni temi centrali del
provvedimento. In primis il Salva Roma, ribattezzato Salva Comuni, perché un’intesa tra M5s e Lega potrebbe essere trovata riproponendo il meccanismo che farebbe tornare allo Stato la maxiobbligazione da 1,4 miliardi di euro emessa dal Campidoglio nel 2004. Dalla rinegoziazione degli interessi con i creditori si punta ad accumulare un tesoretto (circa 100 milioni di euro, scrive il Sole 24Ore) da destinare agli altri Comuni per estinguere i loro
debiti. Gli altri nodi riguardano le banche e l’Inpgi ma anche il salvataggio di Radio Radicale, su cui si cerca ancora però un compromesso politico. Il provvedimento, ha spiegato il relatore Giulio Centemero (Lega), dovrebbe essere portato in Assemblea
alla fine della prossima settimana, appunto dopo lo Sblocca cantieri calendarizzato in Aula martedì 11″.

Anche Il Manifesto, Il Sole 24 Ore, Repubblica e Corriere della Sera annunciando l’approvazione del Decreto Sblocca cantieri fanno riferimento al “dimenticato” Decreto Crescita e agli emendamenti che dovrebbero affrontare il tema “INPGI. Nelle loro pagine trova spazio anche la richiesta della Fieg, la Federazione degli Editori, di partecipare ai tavoli di discussione sul futuro dell’Istituto di previdenza dei giornalisti e sulla proposta di allargare la platea degli iscritti ai comunicatori.