Incentivi 4.0. Il Mise fa la sua parte

32

23 milioni di euro su un costo complessivo di 66 milioni, è quanto ha deciso di mettere in campo il Ministero dello sviluppo economico per progetti di ricerca e sviluppo in alcune regioni italiane. Tra i destinatari anche la Lombardia e la Sicilia. Il Ministero dello Sviluppo Economico eroga 23 milioni di euro per progetti di R&S in Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia e Sicilia.

Il Mise ha, infatti, firmato i decreti che autorizzano sei nuovi accordi per l’innovazione indirizzati nello specifico al Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia e Sicilia. Obiettivo, favorire la competitività del territorio e tutelarne l’occupazione tramite investimenti d’impresa in progetti di ricerca e sviluppo al alto impatto tecnologico.

I progetti selezionati:

innovazione nei processi di fabbricazione di navi complesse e ad alto valore aggiunto (Fincantieri, siti produttivi di Monfalcone e Trieste);

sviluppo di una piattaforma digitale integrata e innovativa articolata in una profonda verticalizzazione di tutte le aree di business dell’azienda (De Agostini Publishing Itali, unità produttiva di Milano);

realizzazione di una piattaforma di tecnologie innovative per i trattamenti mini-invasivi in radioterapia e chirurgia robotica mini-invasiva (Istituto di ricerca biomedica e clinica G.Giglio di Cefalù con Gesan Com Srl, siti della Regione Sicilia);

applicazione della tecnologia pirolitica allo smaltimento di pneumatici (TM.E. TermoMeccanica Ecologica, stabilimenti di Milano e La Spezia);

sviluppo di un sistema di tracciabilità dei prodotti della filiera alimentare e vinicola dalle coltivazioni fino al consumatore finale, mutuato dalle tecnologie di tracciabilità già in uso nel settore farmaceutico (Antares Vision, stabilimento di Travagliato);

realizzazione di un innovativo impianto di fotoincisione laser ad alte prestazioni e a basso impatto ambientale nell’ambito della produzione di imballaggi (Cellografica Gerosa, stabilimento di Inverigo).