23 Settembre 2015

ZFU. Il Mise apre ai professionisti

Le Zone Franche Urbane introdotte in Italia dal 2007 anche se hanno trovato attuazione solo nel 2012, riguardano solo centri urbani con almeno 25mila abitanti e un tasso di disoccupazione superiore alla media nazionale (al momento Andria, Cagliari, Campobasso, Catania, Crotone, Erice, Gela, Iglesias, Lamezia Terme, Lecce, Massa- Carrara, Matera, Mondragone, Napoli, Pescara, Rossano Calabro, Sora, Torre Annunziata, Taranto, Velletri, Ventimiglia, Quartu sant’Elena e l'Aquila).

Queste consentono  a piccole e medie imprese di usufruire di agevolazioni fiscali fino a 5 anni, in regime de minimis, al fine di rafforzare la crescita imprenditoriale e occupazionale sul territorio urbano.

E lo spiraglio si è aperto grazie al tavolo di confronto voluto dal Ministero dello Sviluppo Economico, aperto e coordinato dal Sottosegretario, Simona Vicari, con le rappresentanze dei professionisti in cui, tra le molte proposte, una è stata proprio quella di allargare i benefici delle zone franche ai professionisti.

“Una proposta importante che viene da un Ministero che ha colto la rilevanza di considerare le attività professionali come produttive di PIL e posti di lavoro, e quindi meritevoli di accedere alle agevolazioni tipicamente riservate alle imprese – sottolinea il prof. Francesco Verbaro, rappresentante AdEPP al tavolo ministeriale – Anche i professionisti, come le PMI, sono stati duramente colpiti dalla crisi degli ultimi 10 anni e oramai il reddito medio di un professionista under 35 è minore di quello corrispondente di un giovane lavoratore dipendente. Senza contare che il professionista sopporta anche il peso del proprio welfare e del rischio d’attività".

"I professionisti, esattamente come le PMI - sottolinea il professor Verbaro -  vivono in un mercato ad alta concorrenza e gli interventi loro destinati devono non solo agire nel breve termine, aiutando l’uscita dalla crisi, ma avere un’ottica di lungo termine saldando la capacità competitiva e dinamica delle professioni. ”

E Verbaro rilancia: "L’allargamento delle ZFU, tra l’altro, è solo una delle proposte uscite dal tavolo MISE che ha allo studio anche la costruzione di una misura agevolativa specifica per i professionisti che, finalmente, vedranno riconosciuto quel contributo al PIL e all’economia del paese che l’Europa dà per certa da sempre".

Continua a leggere

Ultime notizie

Al via la Settimana della programmazione. La parola d'ordine è informatica.

Un appuntamento che avrà come obiettivo quello di favorire la diffusione delle conoscenze legate alla programmazione, oggi divenute fondamentali dopo i grandi cambiamenti intervenuti nella tecnologia e nei modi di comunicare. "La programmazione - scrivono gli organizzatori -  è infatti alla base di qualsiasi interazione tra gli uomini e i computer e inoltre oggi rappresenta il punto di partenza per molte startup e imprese innovative nel panorama europeo".

Continua a leggere

Disoccupazione. Arrivano le proposte della Commissione Europea.

Dopo il rilancio dell’Iniziativa a favore dell’occupazione giovanile in maggio - si legge nella nota divulgata dalla Commissione - questa è un’altra iniziativa concreta nel quadro della più ampia agenda economica e sociale della Commissione Juncker per sviluppare la creazione di posti di lavoro, la ripresa economica e l’equità sociale in Europa. E i dati sul Bel Paese non dicono nulla di nuovo.

Continua a leggere

 



Avvocati, Notai, Consulenti del lavoro e Psicologi, i bandi aperti. Occhio agli eventi!


Chi sono i professionisti? Che cosa chiedono? Ce lo dice la ricerca targata Censis/AdEPP

Lazio, parte la maratona #PinkHack. In Calabria e Sicilia la Ue "analizza" i progetti.
---