11 Novembre 2015

Tajani, Action plan passare alla fase 2

Il Vice Presidente al Parlamento Europeo, intervenendo al convegno organizzato dall'AdEPP, ha sottolineato come sia importante continuare a pungolare la nuova Commissaria affinché continui il lavoro fatto fino ad ora dal working Group sull'Action Plan for Entrepreneurship 2014.2020.

"Quando c’è una grande sfida da affrontate non possiamo non farla a livello comunitario – ha detto Tajani – Io credo che dobbiamo sottolineare il valore del professionista nella nostra società. I professionisti sono 4 milioni e sono 11milioni i posti di lavoro creati grazie a loro, quindi il fatto di aver scelto i professionisti per farli essere equiparati agli imprenditori mi sembra quantomeno dovuto. Inoltre non si può avere una crescita di impresa se non ci sono i professionisti di alto livello, di grande qualità perché ormai tutte le imprese hanno bisogno della loro assistenza".

"La formazione all’imprenditorialità, è un punto importante,  perché il professionista con il suo status è anche imprenditore. Quando comincia ad avere uno studio associato, 10, 15, 20 a volte 30 dipendenti svolge tra virgolette un’attività imprenditoriale quindi secondo me deve anche avere questo tipo di mentalità  pur nella sua specificità . Non è che noi vogliamo trasformare il professionista in imprenditore e togliere l’appartenenza all’ordine ma dare un valore aggiunto". 

Ma c'è un'altra specificità dell'essere professionista che il Vice Presidente Tajani ha voluto sottolineare, tirando in ballo la riduzione degli oneri amministrativi: " Il libero professionista ha bisogno di essere libero per sua natura,  se togli la parola libero  rischi di tarpare le ali al lavoratore che punta molto sulla sua creatività, sulla sua intelligenza. Una normativa che permetta ai liberi professionisti di avere regole più semplici deve essere uno sforzo che dobbiamo fare".

E salutando la platea, Tajani da appuntamento nei prossimi mesi "per rifare il punto della situazione,  per sollecitare la Commissione a fare tutto ciò che è possibile per un mondo che rappresenta un punto fondamentale per l’occupazione e il lavoro nel nostro Paese”.

 

Continua a leggere

Ultime notizie

Un patto europeo per i giovani. Imprese a raccolta 

E’ stato lanciato all’ Enterprise 2020 Summit  dalla Commissione europea e dalla Rete imprenditoriale europea per la responsabilità sociale delle imprese (CSR Europa) l’invito alle imprese, alle parti sociali, al sistema educativo e alle altre parti interessate a dare sostegno all’occupabilità e all’inclusione dei giovani. Obiettivo creare 10mila partenariati di qualità tra il mondo del lavoro e il sistema educativo, per arrivare a dare vita ad altrettanti nuovi apprendistati, tirocini e primi impieghi di qualità.

Continua a leggere

Due infografiche svelano il Bilancio europeo 2016 .

Chi approva il documento economico dell'Unione europea? Quanto contribuisce il nostro Paese? Dove vanno i soldi contenuti negli obiettivi economici? A queste ed altre domande rispondono le due infografiche che la stessa Ue ha voluto mettere on line sul proprio sito in nome di quella trasparenza e comunicazione che oggi piace anche a Bruxelles.

Continua a leggere

 



Le Call . Giornalisti, per loro un tender. "L'agenda digitale, niente più alibi" il convegno a Roma.  


Bandi per i liberi professionisti. Passa l'emendamento che li equipara alle PMI.

Sardegna, un bando per i Neet mentre la Provincia di Bolzano pensa alle donne.  
---