06 Maggio 2016

"Meno burocrazia, più autonomia "

“Il lavoro che abbiamo fatto in questi anni è frutto di un gruppo forte e coeso che ha portato a casa risultati importanti. Ne cito due tra i tanti: il nuovo regolamento dei contributi e il nuovo regolamento dell’assistenza. Si è passati dalla centralità del solo approccio previdenziale alla elaborazione di un nuovo paradigma all’insegna della ricerca di equilibrio costante fra le ragioni della previdenza e quelle dell’assistenza, sia attiva sia passiva” A parlare è il rieletto presidente di Cassa Forense, Nunzio Luciano, che nella nostra intervista parla di futuro e dice: “ Un Ente per poter guardare al futuro deve tener conto delle difficoltà del presente, per conoscerle è stato importante stare molto sul territorio al fianco degli iscritti”.

E lancia la parola d'ordine "Meno burocrazia, più autonomia" perché le difficoltà, sostiene Luciano,  “Sono quelle che incontriamo spesso per colpa della burocrazia e della non conoscenza del Sistema. Abbiamo dimostrato negli anni di saper amministrare i nostri patrimoni. Voglio ricordare a tutti quello che eravamo e cosa siamo oggi. Farebbe bene la classe politica a ricordare cosa eravamo quando eravamo pubblici e cosa siamo oggi che siamo privati. Noi non vogliamo sottrarci ai controlli del pubblico però questi non devono essere devastanti e lo sono quando comprimono il lavoro dei nostri uffici che sempre più spesso devono lavorare per soddisfare le richieste che ci arrivano dalla burocrazia togliendo risorse professionali ai nostri iscritti"

" Prevalga la via della ragione e si tenga conto dei risultati conseguiti. La politica del sospetto  - sottolinea il Presidente di Cassa Forense - va sgombrata da ogni equivoco altrimenti si rafforzano le tendenze di giustizialismo che comprimono il lavoro e annullano le potenzialità". E sul fronte Europa Luciano non ha dubbi sul da farsi, gettando però uno sguardo al passato: "Il lavoro fatto finora è stato vitale ed importante perchè ha fatto comprendere a chi ad esempio come me era fuori da certe logiche, era entrato da poco in AdEPP e non sapeva quanto invece fosse importante perseguire con tenacia e forza una certa linea e per questo voglio ringraziare pubblicamente Andrea Camporese e i componenti del direttivo da lui presieduto che ci hanno indicato una strada. Oggi spetta a noi continuare quella strada, allargando il confronto sulle libere professioni affinché ci sia sempre più la consapevolezza che noi siamo imprenditori della conoscenza". 

 Continua a leggere

 

Ultime notizie

Casse di previdenza. E' tempo di bilanci

Dall'Enpam alla Cassa dei Dottori Commercialisti fa da padrone il segno +, a dimostrazione di come gli Enti abbiano saputo gestire al meglio anche una situazione di crisi che ha pesato su tutte le categorie. Unico neo la Cassa di assistenza dei giornalisti che porta a casa una sofferenza della professione più volte denunciata dal Presidente Cerrato.  

Continua a leggere

Dipendenza da cibo, arriva l'indagine Enpab.

Uno studio che nasce dalla collaborazione tra la Rete ENPAB-Fondazione BRF e che prevede , oltre la diffusione dei risultati e dell'interpretazione degli studi, la preparazione di corsi, seminari, convegni e quant'altro potrà rivelarsi utile nella comprensione del comportamento alimentare e alla crescita scientifica, culturale e professionale dei biologi nutrizionisti.

Continua a leggere

"Il futuro per le professioni nella Ue". Il 23 a Roma 

L’equiparazione dei professionisti alle Piccole e medie imprese per l’accesso ai fondi strutturali è stato un passo importante nel quadro economico italiano ed europeo. Di questo e di molto altro si parlerà nel convegno organizzato nella Capitale.

Continua a leggere


 Flessibilità in uscita...interviene il Premier  Fiducia e ripresa. Sì. Forse. Ce lo dicono i dati Istat Una direttiva per studenti, ricercatori e tirocinanti