Ue e Coronovirus. Via ai “Corridoi verdi”

275

La Presidente della commissione parlamentare per il mercato interno e la protezione dei consumatori, Petra De Sutter (Verdi/ALE, BE) e la Presidente della commissione parlamentare per i trasporti, Karima Delli (Verdi/ALE, FR), hanno accolto con favore la rapida decisione odierna dei ministri dei trasporti dell’UE di garantire delle rotte di approvvigionamento privilegiate per beni di prima necessità e di attrezzature mediche vitali, i “corridoi verdi”, come suggerito dai deputati e dalla Commissione. L’obiettivo delle nuove e urgenti misure COVID-19 è quello di proteggere la salute e di mantenere i beni e i servizi essenziali disponibili nel mercato interno dell’UE.

Petra De Sutter ha dichiarato: “Chiudere completamente le frontiere potrebbe sembrare il modo più sicuro per proteggere i nostri cittadini, ma tutti noi dipendiamo dalle importazioni da altri Stati membri per mantenere le nostre forniture ininterrotte. Garantire il trasporto, senza ostacoli, di beni essenziali come i generi alimentari e garantire una fornitura ininterrotta di attrezzature mediche vitali e protettive fa sì che questa crisi non si trasformiin una catastrofe. Dobbiamo renderci conto che, a causa della nostra interdipendenza economica, dipendiamo l’uno dall’altro anche per quanto riguarda la nostra salute pubblica”.

“L’installazione dei cosiddetti “corridoi verdi” – soprattutto per le attrezzature mediche e di protezione – è qualcosa di estremamente importante per i prossimi giorni e le prossime settimane”, ha poi aggiunto, riferendosi all’impegno assunto dal Consiglio europeo in merito alla fornitura di attrezzature mediche.

Karima Delli ha affermato che il passaggio delle frontiere e il coordinamento tra gli Stati membri saranno essenziali per superare questa crisi. “Dobbiamo trovare il modo di mantenere in funzione i nostri sistemi di trasporto e di ridurre le code per risparmiare tempo e denaro. Siamo pronti ad agire insieme e in fretta, sosteniamo gli autisti e l’intero settore dei trasporti che sta lavorando instancabilmente per mantenere il flusso delle merci durante questa crisi”, ha aggiunto.

Ha poi concluso ricordando “il bisogno urgente di attuare misure che mettano fine ai voli fantasma. Le compagnie aeree devono ricevere garanzie sugli slot futuri. Questo è l’unico modo per prevenire i voli vuoti nell’UE”