Enpam. Per i camici bianchi c’è SaluteMia

653

“Per i medici e gli odontoiatri che sottoscrivono uno o più piani sanitari proposti da SaluteMia – si legge sul sito web di Enpam – è previsto un indennizzo di 5mila euro nel malaugurato caso in cui si finisca in terapia sub-intensiva o intensiva. E in ogni caso SaluteMia è a disposizione per dare consulenza agli associati colpiti da Covid-19 su tutte le prestazioni disponibili”.

Già da mercoledì scorso è possibile aderire o rinnovare l’adesione alle coperture sanitarie integrative, il cui costo per il prossimo anno è rimasto invariato, compilando il modulo di adesione che si trova sul sito www.salutemia.net in tutte le sue parti.

La novità per il 2021 è la possibilità di pagare il premio, cioè il costo dei piani, a rate mensili.

PIANO BASE, INTEGRATIVI E OPTIMA SALUS

I piani sanitari nascono per essere strutturati e combinati tra loro in base alle esigenze personali e del nucleo familiare. SaluteMia offre un piano Base con quattro opzioni aggiuntive (Ricoveri, Specialistica, Specialistica Plus, Odontoiatria) e, in più, Optima Salus a cui è possibile aderire in aggiunta al piano Base o in modo esclusivo.

Dallo scorso anno, inoltre, è stata introdotta una prestazione denominata “Critical illness” che prevede la corresponsione di una somma ‘una tantum’ con un massimale di 4mila euro per anno e nucleo familiare nel caso in cui si manifesti, in data successiva all’effetto della copertura, una delle gravi patologie indicate nel piano, e con le eccezioni prevista dal regolamento.

COVID-19, INDENNITÀ DI 5MILA EURO

A seguito dell’emergenza Covid-19, SaluteMia ha – come detto sopra – istituito una copertura che prevede una indennità di convalescenza post ricovero a seguito di ricovero in terapia intensiva e/o sub intensiva in conseguenza della positività al virus Covid-19 (coronavirus), pari a 5mila euro per nucleo familiare.

DETRAZIONE FISCALE

Il costo della copertura sanitaria, fino a circa 1.300 euro si può detrarre dalle tasse al 19 per cento. Il costo, infatti, grazie alla gestione attraverso una Società di mutuo soccorso, è assimilato ai contributi associativi che per legge possono essere sottratti alle imposte da pagare (articolo 15, lettera i-bis del Testo Unico delle Imposte sui Redditi).