Davos 2021. “Ecco perché c’è bisogno della sanità digitale

753

“Il COVID ha dimostrato che le visite sanitarie possono essere eseguite con successo attraverso la telemedicina. La disponibilità di dati sanitari integrati è stata parte integrante degli aspetti della risposta alla pandemia, compreso il monitoraggio e la distribuzione di miliardi di dosi di vaccino. La pandemia ha motivato i lavoratori del settore tecnologico a portare le loro capacità nel lavoro di miglioramento della salute umana” è quanto emerge dall’intervento di Vasant Narasimhan, Amministratore delegato Novartis, durante il World Economic Forum.

L’intervento

Dall’inizio della rivoluzione dell’intelligenza artificiale e della scienza dei dati alcuni decenni fa l’assistenza sanitaria è costantemente rimasta indietro rispetto ad altri settori nel capitalizzare la potenza di queste tecnologie, che potrebbero essere utilizzate per migliorare la salute umana. Oggi, la pandemia COVID-19 ha messo a nudo le debolezze dei sistemi sanitari e degli approcci sanitari mentre il mondo lavora per far fronte alla doppia sfida di una pandemia globale e alle continue esigenze dei pazienti.

La pandemia ci ha anche portato a un momento unico in cui stiamo imparando su larga scala che la scienza dei dati e la tecnologia digitale possono migliorare la salute umana in modi potenti. Questo è il momento della sanità digitale e ci sono passi chiari che la comunità internazionale può intraprendere per affrontarlo.

Innanzitutto, è giunto il momento dell’adozione diffusa della telemedicina. Mentre i dati hanno a lungo suggerito che grandi percentuali di visite sanitarie possono essere eseguite con successo attraverso la telemedicina , COVID-19 ha confermato questo fatto. Mentre è preoccupante che le cure ambulatoriali durante la pandemia siano state interrotte in modo drammatico: un tempo il 40% degli americani ha rinviato le cure mediche a causa del COVID-19 e 2,4 milioni di pazienti nel Regno Unito stavano aspettando screening, trattamenti o test del cancro – globale ei sistemi locali hanno risposto il più rapidamente possibile e hanno sostenuto i modelli di telemedicina per necessità.

Piuttosto che tornare ai modelli di assistenza precedenti quando la pandemia si attenua, dovremmo mantenere questi spostamenti verso la telemedicina – incluso il monitoraggio remoto per le sperimentazioni cliniche – come elementi sostenuti nell’assistenza sanitaria e svilupparli ulteriormente.

Ciò creerà stabilità per i pazienti a breve e lungo termine e aumenterà la preparazione per eventuali future crisi sanitarie, aiutando a evitare le interruzioni che i pazienti oggi sono costretti a sopportare. Questa evoluzione richiede un quadro politico di supporto, compresi gli investimenti in infrastrutture di dati interoperabili, una legislazione coerente e coerente, come la protezione dei dati, e reti ben regolamentate – reti che supportano e facilitano la cooperazione e lo scambio di dati e servizi sanitari tra i paesi.

Allo stesso modo, attraverso la politica e la pratica dobbiamo migliorare la standardizzazione e l’interoperabilità delle cartelle cliniche elettroniche (EHR). Diversi fattori, tra cui strutture di dati disallineate e un lento assorbimento, impediscono alle società di beneficiare della maggiore qualità dell’assistenza sanitaria e dei risparmi sui costi che le EHR potrebbero rendere possibile. La pandemia ha messo in luce alcuni dei benefici correlati, poiché avere dati sanitari integrati è stato parte integrante degli aspetti della risposta COVID-19, incluso il monitoraggio e la distribuzione di miliardi di dosi di vaccino in tutto il mondo.

In secondo luogo, i progressi nell’assistenza sanitaria digitale promettono enormemente di portare le cure necessarie e l’innovazione medica nei paesi a basso e medio reddito e, in ultima analisi, alle popolazioni di pazienti più svantaggiate del pianeta. Queste comunità e paesi non solo hanno il massimo da guadagnare all’intersezione tra scienza dei dati, tecnologia e salute, ma molti stanno anche superando il resto del mondo nell’adozione e nel ridimensionamento dei modelli di assistenza digitale.

Ad esempio, in Nigeria, un’app per smartphone basata sull’intelligenza artificiale viene già utilizzata per diagnosticare con precisione l’asfissia alla nascita, che spesso non viene diagnosticata e non viene trattata. La diagnosi dell’asfissia alla nascita è stata storicamente una sfida, in particolare nelle regioni remote, dato che le misure diagnostiche tradizionali richiedono l’accesso a una serie di attrezzature speciali ed esperti medici, ma l’accessibilità di questa tecnologia può cambiare le dinamiche e fare una differenza notevole per i bambini e le famiglie .

In Brasile, abbiamo visto una delle prime piattaforme AI integrate a livello nazionale prevedere focolai di dengue. La piattaforma è in grado di prevedere le epidemie con 30 giorni di anticipo con un tasso di accuratezza dell’80%, mentre consiglia dove e quanto insetticida, larvicida e risorse umane dovrebbero essere impiegati. Durante la pandemia, la piattaforma è stata utilizzata in Brasile, Filippine e Malesia per aiutare il tracciamento COVID-19 e il rilevamento dei casi. Le opportunità per reimmaginare la salute globale con soluzioni digitali sono infinite.

Infine, oltre ai comprovati risultati positivi che l’assistenza sanitaria digitale può influenzare, la pandemia ha motivato una marea crescente di talenti tecnologici ad essere interessati a portare le proprie ambizioni e competenze nel lavoro di miglioramento della salute umana. Una ricerca condotta di recente mostra che l’ 86% dei talenti tecnologici concorda sul fatto che il momento digitale della sanità è adesso e il 72% è più attratto dal settore rispetto a prima della pandemia.

Dobbiamo riunire il meglio della scienza con il meglio della tecnologia per affrontare le più grandi sfide per la salute del nostro tempo e abbiamo più data scientist, esperti di tecnologia e leader di settore interessati a partecipare a questo sforzo che mai. Questo è il momento giusto per i talenti tecnologici per combinare le loro capacità con la loro passione per la salute e unirsi a uno degli sforzi più mirati che ci siano. In tutta l’industria, i governi, il mondo accademico e le ONG, dobbiamo continuare a esplorare e aprire con urgenza nuove aree per l’innovazione e il partenariato.

La comunità internazionale è al punto di svolta di una nuova era nella salute, un’era in cui abbiamo l’opportunità di abbracciare l’assistenza sanitaria digitale e migliorare notevolmente la salute umana su scala globale. Di fronte a una devastante pandemia che ha sconvolto il mondo, abbiamo portato alla nostra portata i giusti progressi tecnologici, il giusto talento e un rinnovato senso di impegno per affrontare questo momento.

Se ci uniamo attorno a uno scopo condiviso per plasmare un futuro più sano nel nostro tempo e per le generazioni a venire, possiamo garantire che la storia della pandemia COVID-19 si concluda con un audace movimento globale che abbraccia l’assistenza sanitaria digitale. E possiamo assicurarci di uscire dall’altra parte di questa pandemia con sistemi sanitari più forti e un collettivo di leader intersettoriali rifornito di carburante, riorientato che dimostrerà ancora una volta, come la nostra specie ha fatto per secoli, che il progresso basato sulla scienza sale a l’occasione in cui l’umanità ha più bisogno.