Enpaf, misure di sostegno fino a chiusura emergenza sanitaria

651

Continuano le misure straordinarie che l’Ente presieduto da Emilio Croce mette in campo a causa della pandemia Covid 19, misure che resteranno in vigore fino a quando non saremo fuori dall’emergenza sanitaria.

In caso di ricovero dell’iscritto, l’Enpaf ha previsto un contributo pari a 200 euro per ogni giorno di ricovero fino ad un massimo di 6 mila euro. In caso, invece, di decesso dell’iscritto, anche se pensionato, che alla data del 1° gennaio 2021, abbia compiuto 75 anni spetta un contributo pari a 11.500 euro che verrà corrisposto dall’Ente. Per gli under 75 invece si applica la copertura temporanea causa morte, pari a sempre a 11.500 euro, garantita esclusivamente da EMAPI, al quale deve essere presentata la relativa domanda in base ai termini di decadenza previsti da questo Fondo Sanitario.

Per quanto riguarda l’isolamento obbligatorio domiciliare o presso struttura dedicata, disposto con provvedimento dell’Autorità sanitaria competente, del farmacista iscritto, anche se titolare di pensione, a seguito di positività al Covid-19, il contributo è pari a 100 euro per ogni giornata di isolamento, fino a un massimo di 3.000 euro.

Infine, in caso di chiusura temporanea della farmacia o della parafarmacia, il contributo al titolare dell’esercizio, anche se titolare di pensione, è pari a 400 euro per ogni giornata di stop fino ad un massimo di 4 mila euro.

Novità assoluta è che l’erogazione del contributo a favore del richiedente prescinde dalla verifica della sua situazione di bisogno economico, non sarà, quindi, necessario produrre né la documentazione fiscale né il modello ISEE.

E’ consentito, inoltre, il cumulo di più di un contributo.

La domanda dovrà avvenire esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata all’indirizzo [email protected].

In caso di decesso del farmacista gli eredi possono presentare domanda solo per la liquidazione del contributo connesso a questo evento mentre non hanno diritto a richiedere la copertura per le altre fattispecie (ricovero, isolamento o chiusura dell’esercizio) che abbiano riguardato il farmacista deceduto.