Il Mattinale AdEPP – Martedì 1 Giugno 2021

598

PRIME PAGINE
Visco (Bankitalia) scommette sulla ripresa: “Il rialzo del Pil supererà il 4%” (Stampa e tutti). Il
governatore: “Crescita del Pil oltre il 4%. Pnrr sfida formidabile per l’Italia” (Sole e tutti).
Lavoro, la Stampa intervista Landini (Cgil), che avverte Draghi: “Ascolti o è rottura sociale”.
Intanto al Messaggero parla Bonomi (Confindustria): “Roma può rilanciare l’impresa-Paese”.
Ex Ilva, la maxi condanna (Corriere). Disastro ambientale: su Repubblica e tutti la condanna a
vent’anni ai Riva. Tre anni a Vendola. “Verità calpestata” (Stampa). Stangati i Riva e 4 governi
complici (Fatto). Il governo: l’Italia non fermerà la fabbrica e un futuro di acciaio verde
(Repubblica).
Italia-Politica. Corriere intervista Giorgia Meloni: “Per noi nessuna fusione. Ecco cosa dirò a
Draghi”. Al Messaggero parla Zingaretti: “Capitale al centro”. Il governatore dice no alla Rai a Milano.
Covid, via libera alle dosi per i ragazzi: resta l’incognita dei genitori no vax (Repubblica). Pass
verde attivo, ma Italia in ritardo (Messaggero). L’Europa: basta quarantena per i viaggiatori già
vaccinati (Corriere). Green pass, Europa più severa dell’Italia (QN).
Italia-Libia. Draghi: l’Italia a fianco della Libia nella transizione, serve intervento Ue (Sole).
Accordi su affari e sbarchi, il piano-Libia di Draghi (Giornale).
Su tutti i quotidiani la scarcerazione di Brusca, il killer di Capaci: uccise Falcone, poi collaborò￾Libero in anticipo per buona condotta.

ADEPP
“Ddl malattia, costi ridotti escludendo le società”. Su Italia Oggi (p.31), il disegno di legge sul differimento dei termini per il professionista malato, o infortunato (1474) di nuovo in pista, grazie alla (drastica) sforbiciata della copertura finanziaria, che si otterrebbe eliminando l’articolo 7 (che dispone l’applicazione del «congelamento» delle scadenze tanto «alla persona fisica che svolge attività di lavoro autonomo», quanto alle società di capitali). È il sottosegretario alla Giustizia Francesco Paolo Sisto ad esprimersi sulla «soluzione» che consentirebbe al provvedimento trasversale, primo firmatario il senatore di Fdl, Andrea de Bertoldi, di proseguire l’iter a palazzo Madama, durante un convegno dell’Ungdcec (Unione giovani dottori commercialisti), riferendo del
dialogo avviato con l’omologa all’Economia Maria Cecilia Gnerra; individuato nell’articolo 7 il
capitolo che fa «lievitare» i costi della sospensione degli obblighi, potrebbe, dunque, con la sua cancellazione, calare la quantificazione della Ragioneria generale dello Stato, pari a circa 236 milioni, rendendo verosimile il calcolo del centro studi dell’Adepp (l’Associazione degli Enti di previdenza privati), che si aggira sui 30 milioni.
Su Italia Oggi (p.34), borsaitaliana.it, askanews.it e altri quotidiani online, “Il Pnrr per ridurre il
gender gap”: l’argomento è stato trattato durante il webinari organizzato da Cassa Ragionieri. La
lotta al ‘gender gap’ trova come nuova alleata proprio quella trasversalità di misure che devono
accompagnare la transizione digitale e quella ecologica del nostro Paese e che impongono la
riduzione di diseguaglianze che vedono le donne manager guadagnare un quinto dello stipendio
medio dei loro colleghi maschi, e buste paga ridotte del 9% alle lavoratrici di aziende private e
autonome rispetto ai loro pari grado di sesso maschile.
Torna di nuovo l’allarme della mancanza di medici e infermieri su Corriere di Romagna di Ravenna e Imola (p.9). Se in Emilia Romagna i medici di famiglia nel 2014 erano 3.086, oggi sono poco più di 2.800 unità, problematica denunciata da tempo dal presidente dell’ordine dei medici di Ravenna.
L’ente previdenziale dei medici (Enpam) ha fornito da tempo delle proiezioni sulle uscite dal
lavoro. I prossimi due anni saranno i più complicati perché coincidono con il pensionamento di coloro che sono nati tra il 1953 e il 1955, che corrispondono alle generazioni che sono state caratterizzate da un boom delle iscrizioni all’Ordine.

Per artigiani e commercianti slitta il versamento della prima rata INPS. Rinviato al 20 agosto il
termine del versamento della prima rata dei contributi fissi INPS dovuti per l’anno 2021 da artigiani e commercianti. L’originaria scadenza era prevista per il 17 maggio 2021. Gazzetta del Sud Cosenza (p.29).
Su ansa.it, la parità ancora lontana nelle libere professioni. Mediamente la differenza tra iscritti
uomini e donne è in rapporto 70 a 30. Con punte a favore di iscritte solo in 3 Ordini: infermieri,
biologi e psicologi. Ma tra gli ingegneri, ad esempio, non si arriva nemmeno a quota 20 di iscritte.
Fisascatcislagenti.it riporta il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Enasarco ha
approvato il programma annuale delle prestazioni assistenziali 2021 per garantire misure di welfare a sostegno della vita professionale e familiare dei circa 217mila iscritti. Il budget di 22,5 milioni di
euro verrà integrato con una prestazione a sostegno della salute delle circa 30mila iscritte alla Fondazione, il “Progetto Salute Donna”, così come auspicato e richiesto dall’Assemblea dei
Delegati nel corso della riunione del 30 novembre 2020 per l’approvazione del Bilancio
previsionale 2021.

PROFESSIONI SCENARIO
Sul Sole (p.41) “Dal 110% agli aiuti: Telefisco si fa in tre per l’appuntamento estivo”, e le novità
normative si susseguono. Per fare il punto sui decreti Sostegni e sulle ultime disposizioni dei
Governo scalda i motori anche Telefisco. Con un pacchetto di opportunità che comprende il
convegno dell’Esperto risponde «Bonus, 110% e aiuti per ripartire Speciale Telefisco», che si terrà
online il 23 giugno dalle 9 alle 13. Su Italia Oggi (p.31), parla il presidente dell’ordine degli
architetti, Miceli: i Superbonus in piani integrati di rigenerazione urbana, attraverso il
coordinamento di enti pubblici che potrebbero sfruttare l’agevolazione per interi quartieri, in ottica di riqualificazione. E necessario però procedere subito con le semplificazioni già da tempo annunciate.
La riforma del Fisco: il confronto tra politici ed esperti sul So le (p.2). Convegno in streaming
giovedì 10 giugno del Sole, dedicato al tema «Quale Fisco per il futuro: obiettivo riforma».
“Più dignità per i professionisti”: su Italia Oggi (p.32), la Filp-Cisal approva la norma introdotta in fase di conversione del decreto sostegni. Positivo lo stop degli adempimenti in caso di malattia