La nuova agenda europea per l’innovazione

381
Railroad and beautiful sky at sunset with motion blur effect in summer. Industrial landscape with railway station and blurred background with colorful sky. Railway platform in speed motion. Sleepers

La nuova agenda europea per l’innovazione, adottata il 5 luglio 2022, mira a posizionare l’Europa in prima linea nella nuova ondata di innovazione e start-up deep tech. Aiuterà l’Europa a sviluppare nuove tecnologie per affrontare le sfide sociali più urgenti e a portarle sul mercato. L’Europa vuole essere il luogo in cui i migliori talenti lavorano fianco a fianco con le migliori aziende e dove l’innovazione tecnologica prospera, portando soluzioni innovative rivoluzionarie in tutto il continente.

L’innovazione, e in particolare la nuova ondata di innovazione deep-tech, è la risposta europea per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, rendere le economie più digitali e garantire la sicurezza alimentare, energetica e delle materie prime in Europa. Nonostante le numerose iniziative politiche e gli strumenti a sostegno dell’innovazione, l’UE beneficerà di un’agenda generale per l’innovazione che articola tutti gli aspetti in modo da consentire un’attuazione efficiente e il massimo impatto sugli obiettivi strategici.

Negli ultimi due anni, l’Europa ha affrontato una serie di sfide drammatiche, che tuttavia hanno fornito l’opportunità di migliorare: più sostenibili, più digitali, più resilienti e più autonomi. È necessario che le start-up crescano in PMI innovative e poi si trasformino in grandi aziende di successo che contribuiscano alla sovranità tecnologica dell’UE. Questi attori svolgono un ruolo chiave e rappresentano una nuova generazione di innovatori che utilizzano innovazioni dirompenti e trasformative per risolvere le nostre profonde sfide sociali.

La politica dell’innovazione è un settore politico cruciale con iniziative e investimenti significativi dell’UE.

Ciò è completato dal lavoro sullo Spazio europeo della ricerca (ERA) volto a costruire un vero mercato unico europeo per la ricerca e l’innovazione. Le misure proposte nella presente comunicazione, raggruppate in cinque settori faro, sfrutteranno i punti di forza del mercato unico dell’UE, una solida base industriale, talenti, istituzioni stabili e società democratiche per promuovere l’innovazione tecnologica profonda in Europa e sfruttare le opportunità offerte dalla duplice transizione e dalla necessità di una futura autonomia strategica.

Il toolkit della politica dell’innovazione dell’UE si è ampliato nel corso degli anni e il panorama istituzionale è cambiato con esso. Con il suo pilastro Europa innovativa, Horizon Europe ha dato origine a strumenti per sostenere le start-up, le scale-up e le piccole e medie imprese (PMI). Il Consiglio europeo per l’innovazione (EIC), istituito nel 2021 con un bilancio di 10 miliardi di euro, mira a sostenere l’innovazione durante l’intero ciclo di vita della stessa, dalle prime fasi della ricerca alla prova di concetto, al trasferimento di tecnologia, al finanziamento e all’espansione delle start-up e delle PMI. L’Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT) ha assunto compiti aggiuntivi istituendo nuove comunità della conoscenza e dell’innovazione (CCI), ad esempio nel settore della cultura e della creatività, ponendo maggiormente l’accento sulla lotta agli squilibri regionali e cercando di aumentare la capacità imprenditoriale e di innovazione degli istituti di istruzione superiore. Attraverso l’iniziativa Ecosistemi europei dell’innovazione di Horizon Europe, l’UE mira anche a creare ecosistemi dell’innovazione più connessi ed efficienti per sostenere l’espansione delle imprese, incoraggiare l’innovazione e stimolare la cooperazione tra gli attori dell’innovazione nazionali, regionali e locali.

Il 12 aprile 2022 la Commissione europea ha lanciato un “invito a presentare prove” per raccogliere feedback sui piani per una nuova agenda europea per l’innovazione.

Di fronte a molte sfide, l’UE manca di una strategia globale per l’innovazione. Nel corso di lunghe consultazioni e processi di co-creazione con le parti interessate, sono emersi cinque ampi settori d’azione essenziali per migliorare le prestazioni dell’Europa in materia di innovazione e possono essere affrontati attraverso una nuova agenda europea per l’innovazione. Questi sono: accesso ai finanziamenti, sandbox normativi, ecosistemi di innovazione, definizione di politiche di innovazione migliori e talento.

La nuova agenda europea per l’innovazione dovrà:

  • migliorare l’accesso ai finanziamenti per le start-up e le scale-up europee, ad esempio mobilitando fonti di capitale privato non sfruttate e semplificando le norme di quotazione;
  • migliorare le condizioni per consentire agli innovatori di sperimentare nuove idee attraverso sandbox normativi;
  • contribuire a creare “valli regionali dell’innovazione” che rafforzeranno e collegheranno meglio gli attori dell’innovazione in tutta Europa, anche nelle regioni in ritardo di sviluppo;
  • attrarre e trattenere talenti in Europa, ad esempio formando 1 milione di talenti deep tech, aumentando il sostegno alle donne innovatrici e innovando con le stock option dei dipendenti delle start-up;
  • migliorare il quadro strategico attraverso una terminologia, indicatori e set di dati più chiari, nonché un sostegno politico agli Stati membri.

 

La nuova Agenda europea per l’innovazione sfrutta i numerosi talenti e competenze che l’Europa già possiede, concentrandosi sull’importanza di sfruttare una nuova ondata di innovazione sulla sua strada: la tecnologia profonda. La deep tech è radicata nella scienza, nella tecnologia e nell’ingegneria all’avanguardia, spesso combinando i progressi nelle sfere fisica, biologica e digitale. Le innovazioni deep tech che stanno emergendo da una crescente coorte di start-up innovative nell’UE hanno il potenziale per guidare l’innovazione in tutta l’economia e la società. Hanno il potere di trasformare il panorama imprenditoriale dell’UE e i mercati associati e di contribuire ad affrontare le sfide sociali più urgenti, tra cui il conseguimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

La nuova agenda europea per l’innovazione si concentra su cinque iniziative faro:

  • Mobilitare investitori istituzionali e altri investitori privati in Europa per investire e beneficiare del ridimensionamento delle start-up europee di deep-tech attraverso Funding Scale-Ups.
  • Consentire l’innovazione attraverso spazi di sperimentazione e appalti pubblici faciliterà l’innovazione attraverso migliori condizioni quadro, compresi approcci sperimentali alla regolamentazione (ad esempio sandbox normativi, banchi di prova, laboratori viventi e appalti per l’innovazione).
  • Accelerare e rafforzare l’innovazione negli ecosistemi europei dell’innovazione in tutta l’UE e affrontare il divario in materia di innovazione sostenendo la creazione di valli regionali dell’innovazione e aiutando gli Stati membri e le regioni a destinare almeno 10 miliardi di EUR a progetti concreti di innovazione interregionale, anche nell’innovazione deep-tech per le principali priorità dell’UE; sostenere gli Stati membri a promuovere l’innovazione in tutte le regioni attraverso l’uso integrato della politica di coesione e degli strumenti di Horizon Europe.
  • Promuovere, attrarre e trattenere i talenti garantirà lo sviluppo e il flusso di talenti essenziali nel settore della tecnologia profonda all’interno e verso l’UE attraverso una serie di iniziative, tra cui un programma di tirocini per l’innovazione per le start-up e le scale-up, un pool di talenti dell’UE per aiutare le startup e le imprese innovative a trovare talenti extra-UE, un programma di imprenditorialità e leadership femminile e un lavoro pionieristico sulle stock option dei dipendenti delle startup.
  • Migliorare gli strumenti di elaborazione delle politiche sarà la chiave per lo sviluppo e l’uso di set di dati solidi e comparabili e di definizioni condivise (startup, scale-up) in grado di informare le politiche a tutti i livelli in tutta l’UE e per garantire un migliore coordinamento delle politiche a livello europeo attraverso il Forum del Consiglio europeo per l’innovazione.