Lanciato il Piano d’azione comune per la salute (‎2022‒2026)‎

85

Oggi è stato lanciato un nuovo Piano d’azione congiunto unico per la salute dal Quadripartito: l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e l’Organizzazione mondiale per la salute degli animali (WOAH, fondata come OIE).

Questo primo piano congiunto su One Health mira a creare un quadro per integrare sistemi e capacità in modo che possiamo collettivamente prevenire, prevedere, rilevare e rispondere meglio alle minacce per la salute. In definitiva, questa iniziativa mira a migliorare la salute degli esseri umani, degli animali, delle piante e dell’ambiente, contribuendo allo stesso tempo allo sviluppo sostenibile.

Il piano d’azione congiunto One Health, sviluppato attraverso un processo partecipativo, fornisce una serie di attività che mirano a rafforzare la collaborazione, la comunicazione, lo sviluppo delle capacità e il coordinamento in modo equo in tutti i settori responsabili dell’affrontare i problemi di salute nell’ambiente umano-animale-vegetale interfaccia.

Il piano d’azione congiunto One Health (OH JPA)

Il piano quinquennale (2022-2026) si concentra sul sostegno e sull’espansione delle capacità in sei aree: One Health capacità per i sistemi sanitari, epidemie zoonotiche emergenti e riemergenti, zoonosi endemiche, malattie tropicali trascurate e trasmesse da vettori, rischi per la sicurezza alimentare, resistenza antimicrobica e ambiente. 

Questo documento tecnico è basato su prove, migliori pratiche e linee guida esistenti. Copre una serie di azioni che si sforzano di far progredire One Health a livello globale, regionale e nazionale. Queste azioni includono in particolare lo sviluppo di una prossima guida all’attuazione per paesi, partner internazionali e attori non statali come organizzazioni della società civile, associazioni professionali, università e istituti di ricerca.

Il piano stabilisce obiettivi operativi, che includono: fornire un quadro per un’azione collettiva e coordinata per integrare l’approccio One Health a tutti i livelli; fornendo consulenza politica e legislativa a monte e assistenza tecnica per aiutare a fissare obiettivi e priorità nazionali; e promuovere la collaborazione multinazionale, multisettoriale e multidisciplinare, l’apprendimento e lo scambio di conoscenze, soluzioni e tecnologie. Promuove inoltre i valori di cooperazione e responsabilità condivisa, azione e partenariato multisettoriale, equità di genere e inclusività.

Perché una salute?

One Health è l’approccio principale per affrontare le complesse sfide sanitarie che la nostra società deve affrontare, come il degrado dell’ecosistema, i fallimenti del sistema alimentare, le malattie infettive e la resistenza antimicrobica.

“L’uso di una lente One Health che riunisce tutti i settori rilevanti è fondamentale per affrontare le minacce per la salute globale, come il vaiolo delle scimmie, il COVID-19 e l’Ebola”. Il direttore generale della WOAH, la dott.ssa Monique Eloit, sottolinea la necessità di una maggiore capacità di prevenzione delle malattie in tutti i settori. “Tutto inizia con la tutela della salute degli animali. La salute degli animali è la nostra salute, è la salute di tutti”.

Il Direttore Generale della FAO QU Dongyu aggiunge: “One Health dovrebbe partire da una corretta gestione del territorio e dall’arresto della deforestazione, che aiuterà le persone e i loro animali nell’ambiente circostante. Abbiamo bisogno che tutti i settori lavorino a stretto contatto per identificare e attuare misure di adattamento e mitigazione”.

Il Direttore Esecutivo dell’UNEP Inger Andersen afferma che “Ognuno ha diritto a un ambiente pulito e sano, il fondamento di tutta la vita sulla Terra. L’attuale pandemia dimostra inequivocabilmente che il degrado della natura sta aumentando i rischi per la salute su tutta la linea”. Gli sforzi di un solo settore o specialità non possono prevenire o eliminare le malattie infettive e altre minacce complesse a One Health. Ha proseguito: “Le popolazioni vulnerabili di tutte le specie, compresi gli esseri umani più poveri ed emarginati, sopportano i costi più pesanti. Il piano d’azione congiunto ridurrà i rischi per la salute attraverso un approccio integrato alla salute umana, animale e ambientale”.

 “È chiaro che un approccio One Health deve essere centrale nel nostro lavoro condiviso per rafforzare le difese del mondo contro epidemie e pandemie come COVID-19. Ecco perché One Health è uno dei principi guida del nuovo accordo internazionale per la prevenzione, la preparazione e la risposta alla pandemia, che i nostri Stati membri stanno ora negoziando”. Lo ha affermato il direttore generale dell’Oms, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Basandosi sulle strutture e sugli accordi esistenti, sono in fase di sviluppo meccanismi di finanziamento coordinato per sostenere l’attuazione del piano. Il Quadripartito unirà le forze per sfruttare le risorse necessarie a sostegno dell’approccio comune per affrontare le minacce critiche per la salute e promuovere la salute delle persone, degli animali, delle piante e dell’ambiente.