Ministri Finanze Ue “Mitigare impatto negativo shock economie”

319

“Negli ultimi due anni e mezzo l’economia dell’area dell’euro è stata caratterizzata da forti oscillazioni dell’attività economica. La guerra d’aggressione russa in Ucraina ha portato alla ribalta nuove perturbazioni e ha spinto l’inflazione globale già in aumento ai massimi da diversi decenni. Previsioni recenti e indicatori di indagine indicano un deterioramento delle prospettive di crescita e inflazione a breve termine con ulteriori interruzioni dell’approvvigionamento di gas. D’altra parte, nella prima metà dell’anno, la crescita economica è stata superiore alle attese ei mercati del lavoro sembrano essere una fonte di resilienza per il futuro, mentre l’RRF continua a sostenere le riforme e gli investimenti volti a favorire la crescita” questo l’incipit del documento pubblicato ieri dopo la riunione dei ministri delle Finanze dell’area euro riunitosi a Lussemburgo.

“Un ampio sostegno alla domanda aggregata attraverso le politiche di bilancio nel 2023 non è giustificato – hanno ricordato i Ministri – poiché l’attenzione è invece rivolta alla protezione dei soggetti vulnerabili, pur mantenendo l’agilità di regolazione, se necessario. Le politiche di bilancio dovrebbero mirare a preservare la sostenibilità del debito e ad aumentare il potenziale di crescita in modo sostenibile, facilitando così anche il compito della politica monetaria di garantire il tempestivo ritorno dell’inflazione all’obiettivo di medio termine del 2% della BCE”.

“È nostra responsabilità mitigare l’impatto negativo di questo shock esterno sulle nostre economie. Pertanto, negli ultimi mesi, abbiamo adottato una serie di misure a sostegno delle famiglie e delle imprese vulnerabili. Data l’urgenza di questo problema, abbiamo adottato misure di emergenza che possono essere implementate facilmente e rapidamente, molte delle quali sono state basate su un’ampia base e mirate ai prezzi. Tuttavia, tali misure peseranno sempre più sui nostri bilanci nazionali e potrebbero, in alcuni casi, rallentare il necessario adeguamento della domanda di energia”.

Quindi aiuti destinati alle famiglie e alle imprese più vulnerabili con “un occhio attento” ad evitare “politiche che aggiungano pressioni inflazionistiche”, e, date le forti ricadute sui mercati energetici europei della crisi attuale, a “coordinare le nostre misure per preservare condizioni di concorrenza paritetiche e l’integrità del mercato unico, anche evitando aggiustamenti dannosi a livello fiscale”.

Certo è che “Accelerare la nostra riduzione del consumo di energia” resta un punto fondamentale per stabilizzare i prezzi dell’energia e ridurre la dipendenza dai combustibili fossili russi.  Come? I Ministri non hanno dubbi. “Ricordiamo – si legge nella nota – l’importanza degli investimenti nell’efficienza energetica e nell’interconnettività delle reti energetiche, nella diversificazione delle fonti energetiche, nello sviluppo della produzione di energia a basse emissioni di carbonio e nel buon funzionamento dei mercati energetici. Questi sono fondamentali per migliorare la resilienza, proteggere le nostre economie da futuri aumenti dei prezzi dei combustibili fossili e gettare le basi per una crescita sostenibile a lungo termine. RRF e RePowerEU possono fornire un importante supporto a questo riguardo. Potrebbero essere necessarie politiche mirate e temporanee che non distorcano il mercato unico per aiutare le imprese esposte a prezzi elevati dell’energia a passare a esposizioni ridotte, con quelle che realizzano entrate straordinarie dai prezzi elevati dell’energia contribuendo alla loro quota in solidarietà con il resto della società. “Restiamo fiduciosi nella resilienza della nostra economia e nella nostra capacità di superare le sfide della crisi dei prezzi dell’energia – hanno concluso i ministri- i  nostri fondamentali rimangono solidi e le riforme e gli investimenti nell’ambito della RRF miglioreranno ulteriormente la sostenibilità e la resilienza delle nostre economie, rendendole più preparate per le sfide e le opportunità della transizione verde e digitale. Sottolineiamo l’importanza di uno stretto coordinamento e di soluzioni comuni a livello europeo, ove appropriato, e ci impegniamo a raggiungere i nostri obiettivi politici in modo unito. L’Eurogruppo continuerà a monitorare da vicino gli sviluppi economici e si impegna a rafforzare ulteriormente il nostro coordinamento, al fine di fornire una risposta politica decisa e agile”.

 

https://www.consilium.europa.eu/it/press/press-releases/2022/10/03/eurogroup-statement-on-the-fiscal-policy-response-to-high-energy-prices-and-inflationary-pressures/