Cassa Forense. Sostegno alla professione

48

L’ente presieduto da Valter Militi ha indetto un bando per l’assegnazione di contributi, fino allo stanziamento di 1.800.000 euro per l’acquisto di strumenti informatici destinati all’esercizio della professione legale.

Destinatari
Sono destinatari del bando gli Avvocati e i Praticanti Avvocati che, alla data della sua
pubblicazione, siano iscritti alla Cassa o con procedimento di iscrizione alla Cassa in
corso, non sospesi ai sensi dell’art. 20 della L. n° 247/12 né cancellati dall’Albo/Registro
dei Praticanti Avvocati, non titolari di alcun trattamento di pensione e siano in possesso
dei requisiti di cui all’art. 4.

Sono, inoltre, destinatari del bando coloro che, alla data della sua pubblicazione, siano
titolari di pensione di invalidità erogata dalla Cassa, in possesso dei requisiti di cui all’art. 4.
Sono esclusi coloro che hanno percepito il contributo in forza del bando n. 1/2023.

Ai sensi dell’art. 1 comma 6 del Regolamento dell’Assistenza, i destinatari non possono
beneficiare nello stesso anno di più prestazioni della medesima tipologia erogata tramite
bandi.

Importo
Il contributo è pari al 50% della spesa complessiva, al netto dell’IVA, sostenuta per
l’acquisto di strumenti informatici destinati all’esercizio della professione nel periodo dal
1° gennaio 2023 al giorno antecedente la data di pubblicazione del presente bando.
Non sono riconoscibili contributi di importo inferiore a € 300,00 o superiore a €
1.500,00.

Sono rimborsabili esclusivamente le spese relative all’acquisto dei seguenti strumenti
informatici, limitatamente ad uno per ciascuna tipologia:
– desktop pc;
– notebook;
– monitor;
– monitor con webcam microfono casse audio integrale;
– tablet;
– cuffie, auricolari, microfono;
– webcam;
– stampante multifunzione laser;
– sistema video ed audio per videoconferenze;
– lavagne interattive e sistema audio video per video conferenze;
– licenza antivirus e software per la gestione degli studi legali e relativi applicativi e
aggiornamenti;
– firewall;
– abbonamento per l’utilizzo di piattaforme per videoconferenze;
– dispositivi per l’archiviazione, server protezione e/o condivisione dei dati dello
studio;
– abbonamento e/o acquisto di servizi di cyber security per la protezione delle reti
professionali dello studio legale.

Per informazioni cliccare su https://www.cassaforense.it/media/hxtmmspe/bando-n-1-2024-strumenti-informatici.pdf