Dalla Ue via libera all’Italia per FER2

42

La Commissione Europea ha approvato lo schema di decreto messo in campo dal nostro Paese per promuovere la realizzazione di impianti di produzione da fonti rinnovabili non pienamente mature o con costi elevati di esercizio, il cosiddetto FER2.

Obiettivo dell’intervento è incentivare la realizzazione di una capacità di 4,6 GW di impianti entro il 31 dicembre 2028, tra cui: impianti eolici off-shore, geotermoelettrici a emissioni nulle, geotermoelettrici tradizionali, alimentati a biomassa e biogas, fotovoltaici floating su acque interne e a mare, nonché impianti da energia mareomotrice, del moto ondoso e altre forme di energia marina e impianti solari termodinamici.

Per il Ministro dell’Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin “è un passo in avanti importante verso i nostri obiettivi energetici, che arriva dopo un lungo e costruttivo confronto con le istituzioni europee. Questo provvedimento, molto atteso, consentirà di abilitare nuove tecnologie fondamentali per la decarbonizzazione”

La Commissione europea ha dato il via libera al progetto fissando a 35,3 miliardi l’importo massimo che l’Italia potrà erogare. Il progetto messo a punto dal governo italiano, si legge in una nota della Commissione, contribuisce al conseguimento degli obiettivi strategici del Green Deal europeo, aiutando nello stesso tempo a porre fine alla dipendenza dai combustibili fossili russi.