Biodiversità Cop15. Ue e Africa, Caraibi e Pacifico chiedono accordo globale

261
3d rendering of green hydrogen icon in a green plant environment with blue sky

COP15: l’Unione Europea e l’Organizzazione degli Stati dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico chiedono un accordo globale ambizioso

A Dicembre l’Unione europea e l’Organizzazione degli Stati dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico (OACPS) sosterranno l’adozione di un quadro globale post-2020 sulla biodiversità ambizioso, completo e trasformativo per arrestare e invertire la perdita di biodiversità . Questo è fondamentale poiché l’allarmante declino della biodiversità sta minacciando la sicurezza alimentare, la salute, le economie e i mezzi di sussistenza per miliardi di persone.

Le aspettative per questo storico incontro sono state discusse tra i ministri dell’Unione europea, dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico, riuniti a Bruxelles il 29 novembre in occasione del Consiglio congiunto dei ministri tra l’OACPS e l’UE. Per avere successo, il quadro futuro dovrà includere obiettivi quantificabili, supportati da un solido quadro di monitoraggio e revisione e mezzi adeguati per sostenerne l’attuazione.

La COP 15 s- ha detto Jří Kozák, Vice Ministro degli Affari Esteri della Cechia – sarà una conferenza rivoluzionaria in cui i leader mondiali si riuniranno per concordare la protezione globale della nostra biodiversità. Stiamo già assistendo a un grave declino di diverse specie ed è tempo di agire. Proteggere i nostri ecosistemi è un obbligo comune per noi come umanità. Siamo felici di poter lavorare insieme all’OACPS e ai suoi membri per affrontare questa sfida globale”.

“Sono lieto che siamo determinati a lavorare insieme per preservare la biodiversità, una priorità comune e un prerequisito per la vita sulla terra. Abbiamo una cooperazione di lunga data con l’Organizzazione degli Stati dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico in questo settore con molti programmi che sostengono i paesi nell’arrestare la perdita di biodiversità. Pur sostenendo la fauna selvatica e la biodiversità, ci impegniamo a garantire il sostentamento delle comunità locali e indigene. Abbiamo raddoppiato il nostro finanziamento esterno per la biodiversità, che rappresenta un investimento di 7 miliardi di euro nella protezione della biodiversità in tutto il mondo, soprattutto per i paesi più vulnerabili. Siamo pronti a continuare il nostro impegno con i nostri partner” ha sottolineato Jutta Urpilainen, commissario europeo per i partenariati internazionali.

Per Amery Browne, Ministro degli affari esteri e CARICOM di Trinidad e Tobago Un milione di specie animali e vegetali, su un totale stimato di 8 milioni, sono a rischio estinzione, molte nel giro di decenni colpendo tutti noi e soprattutto i più vulnerabili. Con i suoi 79 Stati membri, l’OACPS è disposto a garantire che i risultati della COP 15 contribuiscano in modo significativo a questa sfida globale della biodiversità”.

Durante la COP15, l’OACPS, l’UE e l’UNEP organizzeranno un evento di alto livello per riflettere sull’attuazione del quadro globale per la biodiversità post-2030.

Sfondo

Un milione di specie sono a rischio di estinzione. Con metà della produzione economica mondiale che dipende dalla natura, proteggere la biodiversità significa essenzialmente salvaguardare i mattoni fondamentali da cui tutti noi dipendiamo.

La Conferenza delle Nazioni Unite sulla Biodiversità La quindicesima riunione della Conferenza delle Parti (COP-15) della Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD) vedrà l’adozione del quadro globale per la biodiversità post-2020. Il quadro fornisce una visione strategica e una tabella di marcia globale per la conservazione, la protezione, il ripristino e la gestione sostenibile della biodiversità e degli ecosistemi per il prossimo decennio.

L’UE e l’OACPS stanno sostenendo diversi programmi sulla biodiversità che riguardano ad esempio:

Visita la pagina dell’incontro