L’OCSE pubblica l’Employment Outlook 2023″

159

L’11 luglio è stato ufficialmente rilasciato dall’OCSE il rapporto sull’occupazione per il 2023.

Nel quadro che vede la ripresa post-pandemica perdere slancio, migliora la qualità dei posti di lavoro offerti ma si osserva una diminuzione significativa dei salari reali in quasi tutti i Paesi OCSE, nonostante una ripresa della crescita dei salari nominali.

Nella maggior parte dei Paesi, i profitti sono cresciuti in modo robusto, spesso più dei salari nominali. I salari minimi nominali stanno tenendo il passo con l’inflazione, ma gli eventuali guadagni reali potrebbero svanire rapidamente nel caso in cui l’inflazione continuasse a rimanere elevata.

Per contro, i salari negoziati nei contratti collettivi tra le parti datoriali e sindacali stanno reagendo con un certo ritardo anche in quei Paesi dove la maggioranza dei lavoratori è coperta da un contratto collettivo, anche se ci si attende una fase di recupero nei prossimi trimestri.

Per fornire input ai decisori politici nello sviluppo di una risposta adeguata, questa edizione dell’Employment Outlook passa in rassegna i dati emergenti sull’impatto dell’intelligenza artificiale (IA) sul mercato del lavoro, evidenziando al contempo il significativo livello di incertezza che circonda l’impatto attuale e soprattutto futuro dell’IA sul mercato del lavoro, nonché le azioni politiche più adatte a promuovere un uso affidabile dell’intelligenza artificiale.

 

I mercati del lavoro rimangono rigidi nonostante alcuni segnali di distensione

La robusta ripresa dalla recessione derivata dal COVID-19 ha perso slancio a partire dal 2022, mentre si è diffusa una crisi del costo della vita a causa della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, che ha contribuito ad aumentare l’inflazione in molti Paesi.

Ciò nonostante, l’occupazione ha tenuto il passo e i tassi di disoccupazione hanno raggiunto i livelli più bassi degli ultimi decenni. Con poche eccezioni, i tassi di inattività sono inferiori ai livelli pre-pandemici, anche tra gli adulti più anziani. I mercati del lavoro rimangono rigidi nella maggior parte dei Paesi, ma ci sono alcuni segnali di allentamento, dato che il numero di posti vacanti per disoccupato è leggermente diminuito rispetto ai picchi storicamente elevati.

 

I salari reali sono in calo in quasi tutti i Paesi OCSE a causa della crisi del costo della vita

Nonostante la ripresa della crescita dei salari nominali, i salari reali sono in calo in quasi tutti i Paesi OCSE. In molti paesi, i profitti sono aumentati più del costo del lavoro, contribuendo in modo insolitamente consistente alle pressioni sui prezzi interni e determinando un calo della quota di lavoro. Sebbene i trasferimenti pubblici e il sostegno fiscale abbiano fornito un certo sollievo, la perdita di potere d’acquisto è particolarmente impegnativa per i lavoratori delle famiglie a basso reddito, che hanno meno margine di manovra per far fronte agli aumenti dei prezzi attraverso i risparmi o i prestiti e spesso si trovano ad affrontare tassi d’inflazione effettivi più elevati perché una quota maggiore della loro spesa è destinata all’energia e ai generi alimentari.

 

Con pochi segnali di una spirale prezzi-salari, i salari minimi e la contrattazione collettiva possono aiutare ad attutire le perdite di potere d’acquisto.

Secondo l’OCSE è possibile attivare diverse leve politiche per limitare l’impatto dell’inflazione sui lavoratori e garantire un’equa ripartizione dei costi tra governi, imprese e lavoratori. Il modo più diretto per aiutare i lavoratori è un aumento dei loro salari, compresi i minimi legali, che sono sotto il controllo del governo. In media, nei Paesi dell’OCSE, i salari minimi legali nominali hanno tenuto il passo dell’inflazione grazie ad aumenti discrezionali o a meccanismi di indicizzazione. Al contrario, i salari negoziati nei contratti collettivi sono diminuiti in termini reali, poiché reagiscono con un certo ritardo a causa della natura scaglionata e piuttosto infrequente della contrattazione salariale.

 

L’AI avrà probabilmente un impatto significativo sul mercato del lavoro.

L’intelligenza artificiale sembra essere diversa dai precedenti cambiamenti tecnologici digitali per alcuni aspetti specifici: i) espande in modo significativo la gamma di compiti che possono essere automatizzati al di là di quelli di routine e non cognitivi; ii) l’IA è una tecnologia di uso generale, il che significa che quasi tutti i settori e le occupazioni saranno interessati; e iii) la velocità di sviluppo è senza precedenti.

In base alla letteratura attuale (che per lo più precede l’ultima ondata di IA generativa), finora non ci sono prove di effetti negativi significativi sull’occupazione dovuti all’IA.

Ciò può essere dovuto al fatto che l’adozione dell’IA è ancora relativamente bassa e/o che le imprese preferiscono affidarsi ad aggiustamenti volontari della forza lavoro. Eventuali effetti negativi dell’IA sull’occupazione potrebbero quindi richiedere del tempo per concretizzarsi. Allo stesso tempo, l’IA crea nuovi compiti e posti di lavoro, in particolare per i lavoratori altamente qualificati che hanno le competenze giuste per lavorare con l’intelligenza artificiale. Il monitoraggio della distribuzione della perdita e della creazione di posti di lavoro sarà importante in un’ottica di inclusione.

L’impatto maggiore evidenziato dalla letteratura finora è stato quello sulla qualità del lavoro. I lavoratori e i datori di lavoro riferiscono che l’IA può ridurre i compiti noiosi e pericolosi, portando a un maggiore impegno dei lavoratori e a una maggiore sicurezza fisica.

Tuttavia, ci sono anche dei rischi. Sono stati segnalati casi in cui l’IA ha automatizzato compiti semplici, lasciando ai lavoratori un ambiente di lavoro più intenso e con ritmi più elevati. L’IA può anche cambiare il modo in cui il lavoro viene monitorato o gestito, il che può aumentare l’equità percepita, ma comporta anche rischi per la privacy e l’autonomia dei lavoratori nell’esecuzione dei compiti. Infine, ma non ultimo, l’IA può anche introdurre o perpetuare pregiudizi.

 

Le politiche e il dialogo sociale giocheranno un ruolo fondamentale

I rischi legati all’utilizzo dell’intelligenza artificiale sul posto di lavoro, insieme alla rapidità del suo sviluppo e della sua diffusione (compresi i più recenti modelli di IA generativa), sottolineano la necessità di un’azione decisa per lo sviluppo di politiche che consentano di cogliere i benefici che l’IA può apportare sul posto di lavoro, affrontando al contempo i rischi per i diritti fondamentali e il benessere dei lavoratori.

La legislazione esistente – ad esempio in materia di discriminazione, protezione dei dati o diritti sindacali dei lavoratori – costituisce una base importante per gestire l’uso dell’intelligenza artificiale sul posto di lavoro, ma non è ancora certo in che misura possa essere applicata all’IA perché la giurisprudenza in materia è ancora limitata. Di conseguenza, i diversi paesi stanno sviluppando una legislazione e una soft law specifiche per l’IA (ad esempio, strategie di IA, principi etici, standard).

L’impatto dell’IA sulle mansioni e sui posti di lavoro comporterà un cambiamento nelle skills richieste. Sebbene le aziende che utilizzano l’IA dichiarino di fornire formazione adeguata, la mancanza di competenze digitali rimane una delle principali barriere all’adozione dell’IA.

Le politiche pubbliche avranno quindi un ruolo importante da svolgere, non solo per incentivare la formazione dei datori di lavoro, ma anche perché una parte significativa della formazione richiesta avviene nell’istruzione formale. L’IA stessa può presentare opportunità per migliorare la progettazione, l’orientamento e l’erogazione della formazione, in particolare l’opportunità di fornire soluzioni formative personalizzate su scala. Tuttavia, l’uso dell’IA nella formazione potrebbe esacerbare le disuguaglianze e perpetrare i pregiudizi umani e queste sfide devono essere affrontate.

Anche la contrattazione collettiva e il dialogo sociale hanno un ruolo importante da svolgere nel sostenere i lavoratori e le imprese nella transizione all’IA. L’adozione dell’intelligenza artificiale tende a produrre risultati migliori per i lavoratori, quando i loro rappresentanti vengono consultati in materia. Tuttavia, le caratteristiche specifiche dell’IA e il modo in cui viene implementata, come la sua rapida diffusione, la sua capacità di apprendimento e il maggiore squilibrio di potere che può creare, mettono ulteriormente sotto pressione le relazioni sindacali. Sebbene le tecnologie dell’IA abbiano il potenziale per aiutare le parti sociali a perseguire i loro obiettivi e le loro strategie, la mancanza di competenze in materia tra le parti sociali rappresenta una sfida importante.

Per leggere il report cliccare su

https://read.oecd-ilibrary.org/employment/oecd-employment-outlook-2023_08785bba-en#page1