Ursula von der Leyen “Il futuro? Lavoriamo per costruirlo”

106

“Il popolo europeo sta ancora soffrendo, è un periodo di ansia, le persone sono preoccupate di come sbarcare il lunario, la pandemia e l’incertezza non sono ancora superati e la ripresa è ancora in fase iniziale, nostra priorità è superare questa fase, e l’Europa può farlo”, così la Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen durante il suo discorso sullo Stato dell’Unione.

“Abbiamo la visione, abbiamo il piano, abbiamo l’investimento. Adesso è il momento di mettersi al lavoro”.

“Gli europei vogliono uscire da questo mondo del Coronavirus, da questa fragilità, fuori da questa incertezza – la detto la Presidente – Sono pronti per un cambiamento e sono pronti ad andare avanti. Questo è il momento per l’Europa per allontanarsi da questa fragilità e verso una nuova vitalità” aggiungendo “Dobbiamo costruire una unione della sanità, assieme al presidente Giuseppe Conte, in occasione della presidenza italiana del G20, organizzerò un vertice mondiale sulla sanità in Italia e questo dimostrerà agli europei che l’Europa c’è ed è pronta a proteggerli”.

“La nostra prima priorità è aiutarci a vicenda. Per essere lì per chi ne ha bisogno. E grazie alla nostra straordinaria economia sociale di mercato, l’Europa può fare proprio questo. È soprattutto un’economia umana che ci protegge dai grandi rischi della vita: malattia, disoccupazione o povertà. Offre stabilità e ci aiuta ad assorbire meglio gli urti. Crea opportunità e prosperità promuovendo innovazione, crescita e concorrenza leale. Mai prima d’ora quella promessa duratura di protezione, stabilità e opportunità è stata maggiore importante di quanto lo sia oggi.”

“Sappiamo quanto velocemente i numeri possono sfuggire al controllo. Quindi dobbiamo continuare a gestire questa pandemia con estrema cura, responsabilità e unità. Negli ultimi sei mesi, i nostri sistemi sanitari e i nostri lavoratori hanno fatto miracoli. Ogni paese ha lavorato per fare del suo meglio per i suoi cittadini. Quando gli Stati membri hanno chiuso le frontiere, abbiamo creato corsie verdi per le merci. Quando più di 600.000 cittadini europei sono rimasti bloccati in tutto il mondo, l’UE li ha portati a casa. Quando un Paese ha introdotto divieti di esportazione per prodotti medici necessari, l’abbiamo fermato e ci siamo assicurati che quel rifornimento medico arrivasse dove era necessario. Abbiamo collaborato con l’industria europea per aumentare la produzione di maschere, guanti, test e ventilatori.

E sul lavoro “Tutti nell’Unione devono avere i salari minimi. Funzionano ed è giunto il momento che il lavoro ripaghi. La verità è che per troppe persone il lavoro non paga, il dumping salariale distrugge la dignità del lavoro e penalizza gli imprenditori, distorce la concorrenza del mercato interno, e bisogna porre fine a questa situazione. La commissione avanzerà una proposta su una normativa per sostenere gli stati membri e istituire un quadro sui salari minimi. Tutti devono avere accesso ai salari minimi o attraverso contrattazioni collettive e con salari mini statutari”.

“L’accordo su Next Generation Eu ( ndr il programma che istituisce il Recovery fund) è stato un accordo storico, ma ora dobbiamo cogliere questa opportunità per riforme strutturali nella nostra economia” ha detto la Presidente sottolineando che  l’economia europea subirà un calo del Pil del 12% a causa della pandemia. “La risposta europea per sostenere le economie dei 27 è stata forte, tuttavia – ha aggiunto – bisogna trovare un equilibrio tra il sostegno finanziario e la sostenibilità dei bilanci”.

“Le nostre economie hanno bisogno di un sostegno politico continuo e sarà necessario trovare un delicato equilibrio tra di esse per fornire sostegno finanziario e garantire la sostenibilità fiscale. Non c’è modo migliore per la stabilità e la competitività che attraverso un più forte Unione economica e monetaria. La fiducia nell’euro non è mai stata così forte. Dobbiamo abbattere le barriere del mercato unico. Dobbiamo ridurre la burocrazia. Dobbiamo fare un passo avanti . l fulcro di tutto ciò è uno spazio Schengen di libera circolazione pienamente funzionante. Lavoreremo con  il Parlamento e gli Stati membri per portare questo tema in cima alla nostra agenda politica e proporremo una nuova strategia per il futuro di Schengen”.

“Per raggiungere gli obiettivi del Green Deal, occorre abbassare almeno del 55%” le emissioni di CO2 nell’Ue rispetto al precedente obiettivo del 40%. La nostra analisi di impatto dimostra che se l’Unione europea raggiungesse questo nuovo obiettivo sarebbe sulla giusta strada per raggiungere neutralità climatica entro il 2050 e rispettare accordi di Pari”.

“Onorevoli deputati, Tutto ciò farà sì che l’Europa si rimetta in piedi. Ma dobbiamo anche spingere verso il mondo di domani. Non c’è bisogno di accelerazione più urgente di quando si tratta del futuro del nostro fragile pianeta. Mentre gran parte dell’attività nel mondo si è congelata durante i blocchi e gli arresti dovuti alla pandemia, il pianeta ha continuato a crescere pericolosamente più caldo. Ma abbiamo anche visto la natura tornare nelle nostre vite. Desideravamo spazi verdi e aria più pulita per la nostra salute mentale e il nostro benessere fisico. Sappiamo che il cambiamento è necessario e sappiamo anche che è possibile. Il Green Deal europeo è il nostro modello per realizzare questa trasformazione”.

 

“Ma la missione del Green Deal europeo implica molto di più che la riduzione delle emissioni. Si tratta di modernizzare sistematicamente la nostra economia, società e industria. Si tratta di costruire un mondo più forte in cui vivere. I nostri attuali livelli di consumo di materie prime, energia, acqua, cibo e uso del suolo non sono sostenibile. Dobbiamo cambiare il modo in cui trattiamo la natura, come produciamo e consumiamo, viviamo e lavoriamo, mangiamo e riscaldiamo, viaggi e trasporti. Quindi affronteremo tutto, dalle sostanze chimiche pericolose alla deforestazione all’inquinamento. Questo è un piano per una vera ripresa. È un piano di investimenti per l’Europa. Ed è qui che NextGenerationEU farà davvero la differenza” detto la Presidente annunciando “In primo luogo, il 37% di NextGenerationEU sarà speso direttamente per i nostri obiettivi del Green Deal europeo. E garantirò che anche i finanziamenti verdi portino al livello successivo. Siamo leader mondiali nella finanza verde e il più grande emittente di obbligazioni verdi a livello mondiale. Stiamo guidando il modo in cui sviluppare uno standard affidabile per i green bond dell’UE. E oggi posso annunciare che fisseremo un obiettivo del 30% dei 750 miliardi di euro di NextGenerationEU da raccogliere tramite green bond”.

“Allestiremo un nuovo Bauhaus europeo, uno spazio di co-creazione in cui gli architetti, artisti, studenti, ingegneri, designer lavorano insieme per realizzare questo obiettivo. Questa è NextGenerationEU.  Un mondo servito da un’economia che taglia le emissioni, aumenta la competitività, riduce la povertà energetica, crea posti di lavoro gratificanti e migliora la qualità della vita. Un mondo in cui utilizziamo le tecnologie digitali per costruire una società più sana e più verde. Questo può essere raggiunto solo se lo facciamo tutti insieme e insisterò sul fatto che i piani di ripresa non ci portano solo a uscire dalla crisi, ma ci aiutano anche a spingere l’Europa verso il mondo di domani”.

“Signore e signori – ha concluso la Presidente von der Leyen – Questo è il mondo in cui vogliamo vivere. Il mondo in cui siamo uniti nella diversità e nelle avversità. Dove lavoriamo insieme per superare le nostre differenze e dove ci sosteniamo a vicenda momenti difficili. Il mondo di domani più forte, più rispettoso e più sano per il quale stiamo costruendo oggi I nostri figli. Ma mentre cerchiamo di insegnare ai nostri figli la vita, i nostri figli ci insegnano che questa è la vita. Possiamo parlare dei milioni di giovani che chiedono un cambiamento per un pianeta più salutare. O centinaia di migliaia di bellissimi arcobaleni di solidarietà esposti nelle finestre di tutta l’Europa dai nostri figli. Ma c’è un’immagine che è rimasta impressa nella mia mente negli ultimi sei mesi. Un’immagine che cattura il mondo attraverso gli occhi dei nostri figli. È l’immagine di Carola e Vittoria. Le due ragazze che giocano a tennis sui tetti della Liguria in Italia. Non è solo il talento e il coraggio delle ragazze che emerge da questa immagine. Ci insegna di non farci bloccare mai dagli ostacoli, non lasciarci mai trattenere dalle convenzioni e di cogliere sempre l’attimo. Questo è ciò che Carola, Vittoria e tutti i giovani d’Europa ci insegnano sulla vita ogni giorno. Questa è la prossima generazione di europei. NextGenerationEU”.

“Quest’anno l’Europa ha seguito il loro esempio e fatto un balzo in avanti insieme Quando abbiamo sentito la fragilità intorno a noi, abbiamo colto il momento per regalare una nuova vitalità alla nostra Unione. Abbiamo dimostrato che siamo insieme in questa storia e che ne usciremo insieme. Signore e signori, Il futuro sarà ciò che ne faremo. E l’Europa sarà ciò che vogliamo. Quindi smettiamola di abbassarlo. E lavoriamo per costruirlo. Per renderla forte. E per costruire il mondo in cui vogliamo vivere. Viva l’Europa”