Consiglio notariato nel progetto Aldricus.giustizia.it

635

Aldricus.giustizia.it è il nuovo portale web che fornisce informazioni e segnala attualità nel campo della cooperazione giudiziaria in materia civile fra Stati. Aldricus si rivolge a magistrati, avvocati, notai e altri operatori del diritto (fra i quali cancellieri, ufficiali giudiziari, ufficiali dello stato civile) che si occupano di rapporti civili a carattere internazionale.

L’iniziativa si inserisce nel progetto EJNita-Building Bridges, co-finanziato dall’Unione europea e guidato dal Ministero della Giustizia in collaborazione con il Consiglio Nazionale del Notariato, la Scuola Superiore della Magistratura, l’Università degli Studi di Ferrara e l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Il progetto mira a consolidare le relazioni fra le diverse professionalità che operano nell’ambito della cooperazione giudiziaria civile “costruendo ponti” (building bridges) per condividere le esperienze e così migliorare il servizio giustizia ove connotato da implicazioni internazionali.

“Si tratta del primo portale istituzionale al servizio di chi lavora nel settore del diritto internazionale privato – commenta Raffaele Piccirillo, Capo di Gabinetto del Ministero della Giustizia – Uno strumento operativo che mira a far conoscere meglio le norme italiane, europee e internazionali che interessano la vita di persone e imprese coinvolte in situazioni giuridiche transfrontaliere. In un Paese come l’Italia, con un’economia fortemente legata agli scambi commerciali con l’estero e una popolazione costituita in misura non trascurabile da persone che hanno all’estero interessi familiari e patrimoniali, le norme sulla cooperazione giudiziaria civile rivestono un’importanza pratica notevole, sia pure spesso misconosciuta”.

“Aldricus – conclude Piccirillo – vuol dare un aiuto concreto a chi si serve di queste norme negli uffici giudiziari, nell’esercizio delle professioni legate al diritto e nell’amministrazione”.

Il portale Aldricus opera in tre modi: fungendo da punto di ingresso unico ad altre informazioni sulla cooperazione giudiziaria presenti sul web; mettendo a disposizione strumenti di conoscenza pratica delle norme, come schede tematiche e casi pratici risolti; segnalando, tramite un blog, le principali attualità della materia.

Il nuovo portale, curato da una redazione di giuristi di estrazione accademica e professionale, mira ad agevolare l’azione, in Italia, della Rete giudiziaria europea in materia civile e commerciale, una struttura creata dall’Unione europea per facilitare il dialogo fra giudici e altre autorità degli Stati membri e la soluzione delle concrete difficoltà che possono insorgere nell’applicazione delle norme sulla cooperazione giudiziaria.