Accesso al credito. Ai professionisti ci pensa la Provincia di Bolzano

575

A “lanciare” il nuovo bando il gruppo Europa dell’Enpab, sull’area del sito ad hoc e sui social.

Due le linee di finanziamento messe in campo dalla giunta provinciale di Bolzano. La prima prevede un accordo con gli istituti di credito e le cooperative di garanzia per la concesisone di crediti da 35 mila a 300 mila euro. Obiettivo: creare liquidità.

In base all’accordo possono accedere al credito, che ha la durata di 6 anni, anche i liberi professionisti. Gli iInteressi saranno i primi due a tasso zero.La Provincia si farà infatti carico degli interessi fissati al tasso dello 0,40%.Per i restanti quattro anni sarà applicato il tasso d’interesse Euribor più lo spread, per un massimo dell’1,90%.

Garanzia: Il prestito sarà garantito fino al 100% da Confidi e Garfidi, le due cooperative di garanzia altoatesine, e verrà erogato con una procedura semplificata e accelerata.

Spese: per i clienti non vi sono né spese né commissioni.

Possono accedere ai crediti agevolati immediati i liberi professionisti che hanno la propria sede o un sito produttivo in provincia di Bolzano in situazione di difficoltà finanziaria a causa dell’emergenza epidemiologica dovuta al COVID19.

Nella seconda linea di finanziamento, i liberi professionisti possono ottenere prestiti da 300.000 a 1,5 milioni di euro. La durata è sempre di 6 anni ma a differenza della prima linea di finanziamento, gli interessi nei primi due anni saranno al tasso d’interesse dello 0,40%.
La Provincia si farà carico del restante 0,50% del tasso d’interesse fissato allo 0,90%.
Per i restanti quattro anni poi il tasso a carico del cliente sarà quello dell’Euribor più lo spread, per un massimo dell’1,90%.

Costi: I costi relativi a spese e commissioni sono dello 0,25% per un massimo di 2.500 euro.

Garanzia: Il prestito sarà garantito fino al 100% da Confidi e Garfidi, le due cooperative di garanzia altoatesine, e verrà erogato con una procedura semplificata e accelerata.

DOMANDE: le domande possono essere presentate entro il 7 giugno 2021 alle banche che aderiscono al protocollo d’intesa.