L’UE adotta ulteriori misure per rispondere all’aggressione militare russa

174

Arriva la risposta dell’Unione europea all’aggressione militare “non provocata e ingiustificata perpetrata dalla Federazione russa nei confronti dell’Ucraina.”

Il 28 febbraio il Consiglio ha approvato queste sanzioni:

  • un divieto di effettuare operazioni con la Banca centrale russa
  • un pacchetto di sostegno da 500 milioni di EUR per finanziare l’invio di attrezzature e forniture alle forze armate ucraine
  • un divieto di sorvolo dello spazio aereo dell’UE e di accesso agli aeroporti dell’UE da parte di vettori russi di ogni tipo
  • nuove sanzioni nei confronti di persone ed entità

Il 25 febbraio 2022 l’UE ha deciso di congelare i beni di Vladimir Putin, presidente della Federazione russa, e di Sergey Lavrov, ministro degli Affari esteri della Federazione russa.

Il 23 febbraio 2022 il Consiglio ha concordato un primo pacchetto di sanzioni in risposta al riconoscimento, da parte della Russia, delle zone non controllate dal governo delle regioni ucraine di Donetsk e Luhansk come entità indipendenti.

Per leggere o scaricare l’info grafica cliccare su https://www.consilium.europa.eu/it/infographics/eu-sanctions-against-russia-over-ukraine/

Per maggiori informazioni: