Il Mattinale AdEPP – Venerdì 9 Luglio 2021

230

PRIME PAGINE
L’intesa sulla prescrizione in primo piano su Messaggero e tutti: “Giustizia, riforma sofferta. Draghi: “Ora serve lealtà”. In cdm arriva l’intesa sulla prescrizione dopo una seduta tempestosa. Il premier media, poi l’altolà alla maggioranza: “Dobbiamo voltare pagina”. “La giustizia divide il governo ma Draghi salva la riforma (Repubblica). Libero attacca: “Draghi arresta Bonafede e Travaglio” mentre Giornale titola: “Giustizia, riforma a metà”, passa il ricatto M5s sui tempi lunghi per la corruzione.
Pandemia e quadro contagi in evidenza su Giornale e altri. “Olimpiadi senza tifo e crescono i contagi” (Giornale). “Paura in Giappone. Le olimpiadi senza spettatori (Repubblica). L’appello di Speranza su Repubblica: “Tifate Italia però tenete la mascherina”.
Gli effetti della pandemia sull’economia: “Paura Covid sui mercati, Milano -2,5%. Svolta Bce sull’obiettivo inflazione” (Sole e Mf). “La variante Delta spaventa i Giochi e affossa le Borse (Messaggero). “Falchi Ue all’attacco. Piazza Affari trema (Giornale).
Nel decreto sostegni bis, sosepsa òl’Imu lo Stato rimborserà la rata già pagata su Messaggero, “Blocco degli sfratti, sospesa l’Imu lo Stato rimborserà la rata già pagata”. A Stampa parla la leader di Fdi, Meloni , “La sinistra sta usando i gay come scudi umani”. L’assoluzione di Gianni Alemanno su Giornale, Messaggero e Libero. “Alemanno assolto dopo 7 anni. I pm chiedano almeno scusa”.

ADEPP
L’Enpam, in assenza del decreto sugli investimenti delle Casse, si è mosso avviando una «policy» delle operazioni finanziarie, con apposite «procedure di controllo». Vi sono due «strisce strategiche», quella di base «più attenta al rischio» e quella relativa alla «costruzione di un portafoglio di performance, che realizzi correttamente il rapporto di un Ente di previdenza tra redditività attesa, rischio e durata dell’investimento». E’ uno dei passaggi dell’audizione del presidente Alberto Oliveti, presso la Commissione parlamentare per il controllo degli Enti previdenziali. Per ciò che concerne il panorama dei 20 Istituti pensionistici ed assistenziali aderenti all’Adepp, «abbiamo mutuato dal decreto 166 del 2014», che disciplina le attività finanziarie dei fondi pensione, «il 90% delle indicazioni per costituire un codice di autoregolamentazione, in attesa», appunto, del provvedimento ministeriale. (Italia Oggi p.32).
Supera il miliardo l’ammontare dei crediti contributivi vantati dalla Cassa geometri, cifra che, però, va (gradualmente) diminuendo; nei primi sei mesi dell’anno infatti sono stati già recuperati 215 milioni.  A tracciare il quadro della situazione, il presidente dell’Ente previdenziale, Diego Buono che evidenzia il numero degli associati ad oggi, pari a 78.500 (il 15% sono donne). (Italia Oggi p.32).
“Professioni: ente medici, 375mila iscritti, 132mila pensionati”. Su ansa.it e mondoprofessionisti.it, la situazione iscritti dell’Enpam.

PROFESSIONI SCENARIO
“Equo compenso esteso alle professioni prive di Ordine”, (Sole p.30). Ieri, nell’Aula della Camera, si è svolta la discussione generale sul disegno di legge bipartisan (prima firmataria Giorgia Meloni FdI che rivede una serie di elementi chiave come la platea dei professionisti, come pure quella delle imprese clienti della prestazione. Così, agli avvocati e ai professionisti iscritti a Ordini, si aggiungeranno ora anche tutti coloro che svolgono professioni non ordinistiche.
Rilevanti i compensi ai medici forfetari (Italia Oggi p.26).  I compensi erogati a medici in regime forfetario in esecuzione di contratti di collaborazione coordinata e continuativa costituiscono redditi di natura professionale, fiscalmente rilevanti ai sensi dell ‘ art. 53, comma 1, del Tuir. Lo ha chiarito l’Agenzia delle entrate nella risposta a interpello n. 463.
“Più tutele per i professionisti”, le novità nel testo all’esame della Camera valide per gli iscritti agli ordini e non regolamentati su Italia Oggi (p.32). Protagonisti della disciplina, gli iscritti a ordini e collegi: per gli avvocati, si applicano le remunerazioni previste dal decreto del ministero della giustizia emanato in virtù delle disposizioni della riforma forense (247/2012), per tutti gli altri, valgono i decreti ministeriali adottati a seguito della legge sulle Liberalizzazioni e la concorrenza (27/2012). Inclusi, a seguito del voto sugli emendamenti, i professionisti non regolamentati (legge 4/2013), per i quali occorrerà emanare un decreto del ministero dello Sviluppo economico entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge e, a seguire, «con cadenza biennale, sentite le associazioni» delle varie categorie.
“I centri commerciali puntano ai fondi del Pnrr”. Digitalizzazione, 5G e banda ultra larga, efficientamento energetico e non degli immobili, mobilità sostenibile, rigenerazione urbana e sociale sono le aree del Pnrr in cui i centri commerciali vogliono offrire il loro contributo. «Nell’ambito del Pnrr siamo interessati in particolare, a 4 missioni che valgono circa 130 miliardi sui 233 complessivi. Riteniamo infatti di poter dare un contributo fattivo per il raggiungimento di quegli obiettivi e siamo pronti a presentare le nostre proposte alle istituzioni» Roberto Zoia, presidente del Cncc, durante la presentazione a Roma di una ricerca di Cncc e Nomisma. (Sole p.19).