Equo compenso. Oliveti “Talvolta il cliente più ostico è la PA”

270

Equo compenso: Adepp, talvolta il cliente più ostico è la Pa. Oliveti, ‘crisi prolungata e trasformazione settore professioni’, così titola l’Ansa che riporta alcune dichiarazioni del Presidente dell’AdEPP, Alberto Oliveti, durante l’audizione in Commissione Giustizia del Senato sul tema dell’equo compenso.

“Dobbiamo sottolineare – scrive l’Ansa – che, talvolta, il committente, o il datore di lavoro, più ostico sia proprio quello pubblico”: parola del presidente dell’Adepp, l’Associazione degli Enti previdenziali privati, Alberto Oliveti, ascoltato stamattina dalla Commissione Giustizia del Senato, che sta esaminando il disegno di legge sull’equo compenso per le prestazioni dei liberi professionisti. “Il settore delle professioni sta attraversando una crisi prolungata ed una trasformazione di forte rilievo, a causa degli eventi demografici, economici e tecnologici”, nonché legati allo scenario post-pandemico, prosegue, annunciando che “presenteremo dei dati dell’Adepp in cui questi verrà dimostrato” (il 21 dicembre prossimo, quando verrà illustrato l’XI Rapporto dell’Associazione delle Casse, ndr). Per Oliveti “sono particolarmente interessati da questa crisi quei professionisti che operano nelle regioni del Meridione d’Italia, che sono giovani e che sono di sesso femminile”, mette in luce. (ANSA).