NextGenerationEU, opportunità irripetibile

252

“NextGenerationEU è un’opportunità irripetibile per l’Europa in un duplice significato. Solo un’attuazione tempestiva e di successo manterrà la promessa di rendere le nostre economie più forti e resilienti. Allo stesso tempo, e in caso di successo, potrebbe diventare un modello per un’ulteriore integrazione economica nell’Unione europea. È un’opportunità che l’Europa non deve perdere” questa l’analisi pubblicata sul sito della Banca centrale Europea che sottolinea anche come tale considerazione non corrisponda ad azioni politiche ad hoc.

Secondo le stime BCE, se completamente implementato, il piano potrebbe aumentare il livello del PIL reale nell’area dell’euro fino all’1,5% entro il 2026. Le sue erogazioni hanno finora raggiunto i 130 miliardi, oltre il 30% della dotazione totale. Inoltre, “il 2023 sarà un anno cruciale da esaminare su entrambi i fronti degli investimenti e delle riforme”.

Eppure, gli esborsi ai paesi dell’area dell’euro hanno finora raggiunto i 130 miliardi di euro. Ciò equivale a oltre il 30% della dotazione totale che dovrebbe essere richiesta da questi paesi nel periodo 2021-2026.

L’attuazione tempestiva è a rischio

Nel 2021-2022, 14 membri della zona euro hanno presentato 22 richieste di pagamento nell’ambito del RRF, di cui 12 sono state approvate.[ 6 ] Mentre entro la fine del 2022 solo il 7% delle pietre miliari e degli obiettivi era stato completato in tutta l’UE, questa quota ha raggiunto il 22% in Spagna e Francia e il 18% in Italia. Mentre questo dimostra che NGEU sta facendo buoni progressi, ci sono anche alcuni ritardi. Perchè è questo? In primo luogo, diversi paesi dell’area dell’euro hanno rinviato le loro richieste di esborso.[ 7 ] In alcuni casi le necessarie riforme strutturali sono state ritardate e, poiché si tratta di condizioni preliminari per l’erogazione dei fondi, vi è stato un effetto a catena sul calendario dei pagamenti.[ 8 ] In secondo luogo, alcuni paesi hanno posticipato i loro investimenti finanziati dalla RRF. Ciò è illustrato nel Grafico 1, che riporta stime aggregate[ 9 ] dello scostamento annuale della spesa pubblica finanziata da NGEU rispetto ai piani iniziali di ripresa e resilienza (RRP). I valori negativi indicano una spesa insufficiente. Il grafico mostra che nel 2021 e nel 2022 i piani di spesa NGEU non sono stati eseguiti completamente. Le previsioni per il periodo 2023-2026 indicano che gli Stati membri prevedono di recuperare il ritardo sugli obiettivi di investimento nei restanti anni dell’NGEU, in particolare nel 2025.

Dati gli ingenti importi previsti, i ritardi degli ultimi due anni metteranno alla prova la capacità dei paesi di assorbire completamente i fondi RRF entro la fine del programma nel 2026. Praticamente in tutti i paesi dell’area dell’euro vengono rilevate due categorie principali di rischi di attuazione NGEU. In primo luogo, la crisi energetica e l’aumento dell’inflazione hanno sollevato nuove sfide. I contratti di appalto e gli appalti pubblici devono spesso essere rivisti a causa dell’aumento dell’inflazione. Anche la persistenza di colli di bottiglia nell’approvvigionamento, ovvero problemi di accesso ai materiali, alle attrezzature e ai lavoratori qualificati necessari, ha creato ostacoli.[ 10 ] Il secondo fattore chiave sono le limitazioni nella capacità amministrativa e gli ostacoli politici,[ 11 ] ad esempio: carenze nel coordinamento tra le autorità centrali/federali e locali[12]; competenze tecniche inadeguate nella pubblica amministrazione; pratiche amministrative troppo complesse e procedure rapide insufficienti quando necessario; qualità insufficiente del monitoraggio e dei controlli, dell’audit e della valutazione d’impatto; E scarso consenso politico su alcune misure critiche.

I responsabili politici devono intensificare i loro sforzi per affrontare queste carenze

La qualità e la capacità della pubblica amministrazione, compresa la gestione delle finanze pubbliche, è di per sé un settore chiave per i progetti di riforma nei PRR degli Stati membri con minore capacità amministrativa. I precedenti risultati dei paesi nell’assorbimento dei fondi dell’UE offrono un ammonimento. Alla fine del 2020, non più del 60% dei fondi dell’UE nell’ambito del quadro finanziario pluriennale 2014-2020 era stato assorbito nei quattro maggiori paesi della zona euro. Nel precedente periodo 2007-2013 era stato necessario un periodo di grazia di altri tre anni prima che potesse essere assorbita una quota di fondi prossima al 100% (Grafico 2, linee tratteggiate). Sorge quindi la domanda se l’orizzonte di sei anni di NGEU sarà sufficiente per assorbire molto più grande[ 13 ] – e ormai in parte già rinviati – fondi UE lungo il percorso previsto indicato nel grafico 2 (vedi linee continue). È quindi troppo presto per trarre conclusioni definitive sull’attuazione di NGEU. A dire il vero, il 2023 sarà un anno cruciale da esaminare su entrambi i fronti degli investimenti e delle riforme.

NGEU come test per un’ulteriore integrazione dell’UE

Un NGEU di successo può rafforzare la necessità di una capacità fiscale centrale permanente per gli investimenti in beni pubblici europei come la mitigazione dei cambiamenti climatici, l’autonomia energetica, la sicurezza e la trasformazione digitale.

Una capacità di bilancio europea, se adeguatamente progettata, potrebbe anche svolgere un ruolo nel migliorare la stabilizzazione e la convergenza macroeconomiche nell’area dell’euro nel lungo periodo.

Collegando i finanziamenti dell’UE all’attuazione delle riforme strutturali di proprietà nazionale, NGEU è anche pioniere di un approccio innovativo e più integrato alla governance economica dell’UE. Questo approccio riconosce che le riforme, gli investimenti e la sostenibilità fiscale si rafforzano a vicenda e dovrebbero essere integrati meglio nella sorveglianza fiscale e macrostrutturale.