Agricoltura di precisione e digitale. Via ai contributi per investire su redditività e competitività

249

La Regione Toscana  concede contributi in conto capitale, agli Imprenditori agricoli professionali (Iap) o soggetti ad essi equiparati ai sensi della legge regionale 45/2007 che intendono realizzare investimenti, materiali ed immateriali che consentono di introdurre o potenziare in azienda pratiche di agricoltura di precisione.

Il bando è stato promosso nell’ambito di Giovanisi, ossia il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani, che mette in atto l’operazione 4.1.1 “Miglioramento della redditività e della competitività delle aziende agricole” ai fini dell’agricoltura di precisione e digitale del Programma di sviluppo rurale (Psr) del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (Feasr) 2014-2022.

Il bando ha l’obiettivo finale di contribuire nel rendere più efficiente e sostenibile il processo produttivo, attraverso l’ottimizzazione nell’uso degli input esterni (ad esempio fitofarmaci, fertilizzanti, etc.) e delle risorse (ad esempio umane, mezzi etc..), minimizzando l’impatto ambientale. Questo risultato lo si può ottenere grazie all’introduzione e al potenziamento in azienda di tecnologie/attrezzature e sistemi/sensori di “agricoltura di precisione e digitale” come, ad esempio, i dispositivi che compongono l’universo IoT- Internet of Things – per l’agricoltura, il monitoraggio, lo sviluppo di mappe ed interventi colturali nei limiti di ciò che è previsto dalle normative e dagli strumenti ad oggi disponibili.

Attraverso le suddette “tecnologie / sensori” l’imprenditore agricolo professionale (Iap) potrà essere in grado di eseguire le seguenti attività:

Beneficiari

Sono ammessi a presentare domanda d’aiuto e a beneficiare del sostegno i soggetti con qualifica di “Imprenditore agricolo professionale” (Iap) o con status equivalente allo Iap, secondo i termini espressi nel bando.

Tutta la normativa sull’Imprenditore agricolo professionale è reperibile al link.

Interventi finanziabili

Sono finanziabili i seguenti interventi:

  • Realizzazione di nuove serre fisse hi-tech;
  • Acquisto di tecnologie/attrezzature e sistemi/sensori di agricoltura di precisione e digitale o di macchinari e attrezzature dotati della suddetta tecnologia / sistemi / sensori da impiegarsi nel settore delle produzioni vegetali per operazioni colturali e di raccolta o nel settore zootecnico.
  • Cartelloni, poster, targhe per azione di informazione e pubblicità ai sensi del Regolamento di esecuzione (UE) n. 808/2014
  • Investimenti immateriali (programmi informatici e siti web)
  • Spese generali

Tipologia di agevolazione

Il bando ha lo scopo di concedere contributi con intensità pari al 75% dei costi ammissibili per tutti gli investimenti, incluse le spese generali. Sono inoltre state previste le maggiorazioni di seguito elencato (la percentuale massima consentita in questo caso è pari al 90%):

  • 15% per gli investimenti in zona montana ai sensi del comma 1 dell’articolo 32 del Regolamento Ue n. 1305/2013
  • 15% in caso di giovane agricoltore che soddisfi le seguenti condizioni
    • Avere un’età non superiore a 40 anni al momento della presentazione della domanda di aiuto
    • Aver acquisito la partita Iva come azienda agricola entro i 5 anni precedenti alla presentazione della domanda di aiuto
    • Avere capacità professionale dimostrata con una qualifica Iap a titolo definitivo, entro i 5 anni precedenti la presentazione della domanda di aiuto.
  • 15% per investimenti collegati ad operazioni elencate agli articoli 28 e 29 del Regolamento UE n.1305/2013

Dotazione finanziaria

Il bando ha un budget finanziario complessivo di euro 8 milioni 250 mila euro interamente finanziati tramite risorse mese a disposizione dallo strumento dell’Unione europea per la ripresa: European Recovery Instrument (EURI) del Next Generation UE istituito dal Regolamento (UE) 2020/2094 del 14 dicembre 2020 del Consiglio.

 Scadenze e modalità di presentazione della domanda

Le domande di aiuto devono essere presentate a partire dal 20 gennaio 2023 ed entro le ore 13.00 del 6 marzo 2023, esclusivamente mediante procedura informatizzata impiegando la modulistica disponibile sulla piattaforma gestionale dell’anagrafe regionale delle aziende agricole gestita da ARTEA raggiungibile dal sito www.artea.toscana.it.
Le domande ricevute oltre il suddetto termine di scadenza non sono ammissibili a finanziamento

Per maggiori informazioni, è attivo il servizio di Regione toscana scrivici, un form di richiesta informazioni e chiarimenti da compilare e inviare online.