Bilancio Enpap. Torricelli “Obiettivo, rivalutare i versamenti previdenziali”

189

L’avanzo dell’esercizio è di 78,6 milioni di euro. Il rendimento netto della gestione finanziaria è pari al 3,3534% su un patrimonio investitodi oltre 2 miliardi di euro. Continua il trend di crescita degli iscritti all’ENPAP: oltre 77 mila Psicologi attivi, + 6,21% rispetto all’anno precedente.

Felice Damiano Torricelli, Presidente ENPAP: “Nonostante il conflitto Russia-Ucraina abbia moltiplicato i costi dell’energia, creato grande volatilità dei mercati finanziari e sostenuto l’aumento fuori controllo dell’inflazione, un’attenta politica degli investimenti e l’ampia diversificazione del nostro portafoglio ci hanno consentito di raggiungere, anche nel 2022, obiettivi di rendimento in linea con gli anni precedenti. Ora potremo utilizzarli anche per rivalutare i versamenti previdenziali dei nostri Iscritti, come facciamo dal 2015. Le azioni a favore degli Iscritti e dei Cittadini si sono ampliate nel 2022 anche con l’attivazione operativa del progetto “Vivere Meglio”, che ci ha visto investire 5milioni di euro per un intervento innovativo, di valorizzazione della professione di Psicologo. Erogando Borse Lavoro agli Psicologi più colpiti dagli eventi drammatici degli ultimi anni, questo progetto di ENPAP sta infatti consentendo, a più di 10.000 cittadini in difficoltà, di usufruire di trattamenti gratuiti per ansia e depressione, così necessari in questo periodo. I dati di ricerca raccolti da “Vivere Meglio” cominciano ora ad essere elaborati e presto saranno disponibili interessanti anteprime, che stimano in modo estremamente positivo l’efficacia complessiva e l’impatto socio-economico di questo intervento”.

Approvato dal Consiglio di Indirizzo Generale (CIG) tenutosi il 29 aprile, il Bilancio 2022 dell’ENPAP evidenzia un avanzo di oltre 78,6 milioni di euro (77,8 nel 2021) e un risultato finanziario di oltre 228 milioni di euro (197,3 nel 2021). Il patrimonio investito sale a oltre 2 miliardi, con una crescita di +12,77% rispetto all’anno precedente, mentre il patrimonio netto contabile è di 237 milioni di euro (210,6 nel 2021). Il rendimento netto degli investimenti è stato di 66,4 milioni di euro (rendimento positivo netto del 3,3534%). Continua a salire anche il numero degli iscritti attivi, oltre 77.000 (+6,21% rispetto al 2021), di cui l’83,8% Psicologhe.

L’incremento medio del 25% dei redditi degli Psicologi dichiarati a ottobre 2022, ha portato all’aumento del gettito della contribuzione 2022, risultando pari a 223,9 milioni di euro (+33,50%). Dal 2021, è entrata in vigore la rimodulazione delle aliquote per il versamento della contribuzione soggettiva, dando facoltà all’Iscritto di scegliere la percentuale da versare in un range compreso tra il 10% (minimo obbligatorio) e il 30% del reddito professionale netto. La contribuzione soggettiva è salita del 32,23%, quella integrativa del 40,85%, quella di maternità del 31,5%. Aumento dovuto anche alla prosecuzione delle azioni avviate dall’Ente a partire dall’anno 2018 con l’introduzione dei NUDGE, finalizzati ad accrescere la consapevolezza dei meccanismi previdenziali attraverso l’uso di questi strumenti, pur mantenendo la massima libertà di scelta per gli Iscritti, e dando loro la possibilità di fare una scelta di contribuzione superiore al livello minimo obbligatorio del 10%.

Nel corso del 2022, ENPAP, in attuazione della forma di assistenza “Contributo Borse Lavoro” prevista dal Regolamento delle Forme di Assistenza, ha dato avvio al progetto “Vivere Meglio: promuovere l’accesso alle terapie psicologiche”, con il fine di favorire l’accesso gratuito dei Cittadini, attraverso il portale viveremeglio.enpap.it alle terapie psicologiche per ansia e depressione, attività già presente in molti altri Paesi, con un grande vantaggio per tutta la collettività. “Vivere Meglio”, per la prima volta in Italia, ha permesso di sperimentare un Percorso Diagnostico e Terapeutico (PDT) strutturato secondo le modalità indicate dalle più recenti e solide linee guida e buone prassi clinico-assistenziali estrapolate dalla Consensus Conference sulle Terapie Psicologiche per Ansia e Depressione e realizzato in collaborazione con le più prestigiose Università italiane. La pubblicazione del primo bando ha potuto contare sullo stanziamento straordinario di 5 milioni di euro per il finanziamento di 1.000 “Borse Lavoro” assegnate agli Iscritti vincitori che attraverso la loro attività hanno consentito a più di 10.000 cittadini di accedere a trattamenti psicologici gratuiti.

Nel 2022 è proseguita anche l’attuazione degli interventi di welfaredi assistenza agli iscritti e per il sostegno all’attività professionale, con un impegno economico da parte di ENPAP di un importo superiore all’anno precedente. Le quasi 2mila domande di maternità (in lieve aumentato rispetto al 2021) hanno determinato un onere complessivo di 14,1 milioni di euro. La copertura assicurativa per i “Grandi interventi chirurgici e gravi eventi morbosi” unitamente alla garanzia aggiuntiva “Pacchetto Maternità” hanno raggiunto una platea di 71.290 Iscritti. La copertura Temporanea Caso Morte (TCM) ha visto un ampliamento della platea degli assicurati, raggiungendo i 69.784 Iscritti.

“Anche per il 2022 abbiamo destinato una parte consistente delle risorse disponibili a fornire benefici assistenziali e previdenziali alle Iscritte e agli Iscritti. Abbiamo in particolare destinato 7,9 milioni di euro ad integrare il fondo conto pensioni, per finanziare anche quella parte di pensioni non coperte da contributi e sostenere così, per quanto possibile, i 6000 pensionati ENPAP. Abbiamo inoltre erogato 14,1 milioni di euro in indennità di maternità per un totale di 1.973 iscritte che hanno avuto figli nel 2022. Abbiamo infine erogato benefici assistenziali per 12 milioni di euro a 5.044 iscritti, con un incremento del numero di beneficiari del 57% rispetto ai 3.208 del 2021. Siamo consapevoli di non poter risolvere i problemi sociali e pensionistici della categoria, ma continueremo a fornire sostegno al meglio delle nostre possibilità. Nei primi mesi del 2023 abbiamo già assunto decisioni di aumento delle risorse e dei benefici per diverse forme di assistenza”, conclude Federico Zanon, Vicepresidente ENPAP.