Mercati interni del gas rinnovabile e del gas naturale e dell’idrogeno: accordo raggiunto tra Consiglio e Parlamento

52

Il Consiglio e il Parlamento hanno raggiunto, nei hiorni scorsi, un accordo politico provvisorio sulla direttiva che stabilisce norme comuni per i mercati interni del gas rinnovabile e del gas naturale e dell’idrogeno. La direttiva mira ad agevolare la penetrazione dei gas rinnovabili e a basse emissioni di carbonio nel sistema energetico, consentendo così l’abbandono del gas naturale, allo scopo di conseguire l’obiettivo dell’UE della neutralità climatica entro il 2050.

“Questo accordo rappresenta un grande risultato – ha sottolineato Teresa Ribera Rodriguez, terza Vice presidente del Governo e Ministra della Transizione ecologica e della sfida demografica della Spagna – in quanto promuoverà la transizione del settore del gas verso le energie rinnovabili e a basse emissioni di carbonio; inoltre stabilisce norme per la tutela dei consumatori e rafforza la sicurezza dell’approvvigionamento. Si tratta indubbiamente di un grande passo avanti verso l’obiettivo dell’UE di raggiungere la neutralità climatica nel 2050, un passo avanti di cui tutti dovremmo essere orgogliosi”.

La direttiva fa parte del pacchetto sulla decarbonizzazione dei mercati dell’idrogeno e del gas, che comprende anche un regolamento. Sia la direttiva che il regolamento fanno parte del pacchetto “Pronti per il 55%” e mirano a predisporre un quadro normativo per infrastrutture e mercati dedicati all’idrogeno come pure per la pianificazione di rete integrata. Stabiliscono inoltre norme per la tutela dei consumatori e rafforzano la sicurezza dell’approvvigionamento. La parte restante del pacchetto sul gas sarà approvata dal Consiglio e dal Parlamento in una fase successiva.

Modifiche della direttiva concordate dal Consiglio e dal Parlamento

Il Consiglio e il Parlamento hanno concordato la distinzione tra gestori dei sistemi di trasporto e gestori dei sistemi di distribuzione per l’idrogeno.

Per quanto riguarda la protezione dei gruppi vulnerabili, gli Stati membri devono provvedere affinché il diritto di cambiare fornitore o partecipante al mercato sia riconosciuto ai clienti in modo non discriminatorio in termini di costi, oneri e tempi. L’accordo provvisorio prevede disposizioni sulle modalità in cui possono essere effettuate le interruzioni della fornitura, al fine di tutelare i clienti dalla futura dismissione della rete del gas o dalla sua conversione all’idrogeno: dovranno essere consultate le organizzazioni opportune, il cliente dovrà essere informato in anticipo e si terrà conto delle esigenze specifiche dei clienti vulnerabili.

Gli Stati membri hanno il potere di decidere come tutelare i clienti vulnerabili dalle interruzioni della fornitura e come sostenerli al meglio.

Infine, l’accordo provvisorio prevede un maggiore coordinamento tra i piani di sviluppo della rete per l’idrogeno, l’elettricità e il gas naturale. I piani di sviluppo della rete si baseranno sull’integrazione settoriale, sul principio “l’efficienza energetica al primo posto” e sulla priorità conferita all’utilizzo dell’idrogeno nei settori di difficile decarbonizzazione.

Prossime tappe

L’accordo provvisorio raggiunto oggi con il Parlamento europeo deve ora essere approvato e formalmente adottato da entrambe le istituzioni.

Informazioni generali

La Commissione ha presentato la sua proposta il 15 dicembre 2021 all’interno del secondo gruppo di proposte nell’ambito del pacchetto “Pronti per il 55%”, che mira ad allineare le norme dell’UE in materia di clima ed energia agli obiettivi dell’UE di ridurre le emissioni di gas a effetto serra di almeno il 55% entro il 2030 e punta a conseguire la neutralità climatica entro il 2050.

La direttiva fa parte del pacchetto sulla decarbonizzazione dei mercati dell’idrogeno e del gas, che comprende anche un regolamento. Il Consiglio e il Parlamento concorderanno il regolamento in una fase successiva.