Mise, 20mln a garanzia delle professioniste

394

La circolare n°11 del 6 luglio u.s. allarga anche alle professioniste l’ombrello di garanzia per le richieste di credito bancario offerto dal MISE (Ministero dello Sviluppo Economico), prima riservato alle PMI. Un’altra conferma, dunque, dell’equivalenza economica tra imprese e professioniste, con un’attenzione particolare per le donne.

Possono prenotare la garanzia del fondo, che ha una copertura di 20 milioni di Euro, le professioniste richiedenti iscritte agli ordini professionali o aderenti alle associazioni professionali iscritte nell’elenco MISE.

E’ bene specificare che si tratta di una garanzia su un prestito bancario e che, quindi, le professioniste dovranno comunque essere considerate in grado di restituire il finanziamento secondo le normali regole bancarie, ma sulla parte di credito garantita dal MISE (fino all’80% del finanziamento) non possono essere acquisite garanzie reali, assicurative o bancarie.

La garanzia può essere richiesta su tutti i tipi di finanziamento, indipendentemente dalla durata o dalla finalità: non è necessario sia destinato a un investimento nella struttura, può anche essere una semplice iniezione di liquidità.

Può essere garantito al massimo un credito di 2,5 milioni di Euro, che può anche essere ripartito in più operazioni.

La domanda non va presentata direttamente al fondo, ma alla banca e, contestualmente, occorre richiedere che sul finanziamento sia acquisita la garanzia; sarà direttamente la banca ad inoltrare domanda.

In alternativa ci si può rivolgere a Confidi che garantirà il credito in prima istanza, richiedendo poi al MISE la controgaranzia.