Efficientamento energetico. Upgrade e i casi Italia

518

Il progetto Upgrade DH supporterà e avvierà il processo di miglioramento di otto casi dimostrativi europei di teleriscaldamento in 8 paesi, tra i quali l’Italia, al fine di creare le basi per replicare queste pratiche in altre città.

Le attività principali del progetto Upgrade DH includono la raccolta delle migliori metodologie applicate di recente per il rinnovamento di reti di teleriscaldamento. Modelli organizzativi e di business sostenibili saranno adottati per il supporto al processo di miglioramento delle reti selezionate. Saranno inoltre organizzate misure di capacity building per il miglioramento dei sistemi oltre a modelli di business e di finanziamento. Saranno, inoltre, sviluppati piani d’azione nazionali e regionali.

Nello specifico gli obiettivi del progetto Upgrade DH sono:

Iniziare il processo di miglioramento di otto sistemi di teleriscaldamento (dalla generazione di calore alla sua distribuzione ed utilizzo) fino allo stadio in cui avviene l’investimento. Il processo di miglioramento include misure di efficientamento, integrazione con energie rinnovabili, combinazione di infrastrutture energetiche termiche ed elettriche. I progressi del processo decisionale verranno accuratamente monitorati.

Risparmiare tramite gli otto casi studio più di 190 GWh/a di energia primaria e 77,000 tonnellate equivalenti di CO2 (gas serra).

Incrementare negli otto casi di studio la frazione di calore di scarto/residuale (attualmente al 7%) di oltre il 6% e la frazione di calore rinnovabile (attualmente al 28% nei casi studio) più del 20% ed oltre.

Replicare le soluzioni di miglioramento proposte in tutta Europa facendo leva su associazioni di categoria e sulle Piattaforme Tecnologiche di Innovazione Europee (ETIPs)

Sviluppare concreti piani d’azione regionali / nazionali per il retrofitting delle reti di teleriscaldamento inefficienti, includendo i risultati degli approcci di miglioramento presi in esame.

Intanto sia Ferrara sia Bologna sono inseriti nel progetto come “casi dimostrativi” visto che il teleriscaldamento è una realtà