Occupazione 2. Al via “Welfare che impresa!”

266
Semaforo verde per la quarta edizione del concorso “Welfare, che Impresa!”, selezione promossa da Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Bracco, Fondazione Snam, Fondazione Con il Sud e Ubi Banca, insieme a Fondazione Peppino Vismara e altri enti, che ha come obiettivo sostenere i migliori progetti di welfare che saranno convertiti in vere e proprie imprese.
 Possono partecipare al concorso gli Enti giuridici costituiti da non più di 5 anni o ancora da costituire, promotori di progetti che possano produrre benefici in termini di sviluppo locale relativamente a specifici settori:
agricoltura sociale
valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio
restituzione alla collettività dei beni pubblici inutilizzati o di beni confiscati alla criminalità organizzata per fini di interesse generale e per le comunità locali
soluzioni e servizi diretti a rispondere ai bisogni di cura, socio-assistenziali, sanitari, culturali e formativi delle comunità, anche con il fine di includere soggetti vulnerabili
soluzioni e azioni per la salvaguardia e il miglioramento delle condizioni ambientali e climatiche.
Gli obiettivi dei progetti devono favorire l’occupazione, utilizzare la tecnologia anche digitale, rispettare i criteri di sostenibilità economica. Deve anche essere stata verificata la fattibilità attraverso un proof of concept o un prototipo.
Al primo progetto classificato verrà dato un premio di 40mila euro, 20mila euro al secondo, terzo e quarto classificato. Tutti i progetti vincitori, inoltre, potranno accedere a un percorso di mentorship individuale e personalizzato erogato dagli Incubatori partner, ottenendo un finanziamento a tasso zero e beneficiando della possibilità di avviare una campagna di crowdfunding.
Per candidarsi è necessario inviare le proposte entro il 27 marzo 2020, come illustrato sul sito dell’iniziativa.