INPS Via all’ammissione alla Pratica Forense

155

Sono stati pubblicati sia i bandi territoriali sia il bando relativo al Coordinamento generale Legale sia presso le Direzioni interessate, nonché presso i Consigli degli ordini degli avvocati territorialmente competenti.  I provvedimenti integrali sono disponibili sia sul sito istituzionale (www.inps.it).

Per svolgere la pratica presso l’Avvocatura dell’INPS è necessario essere in possesso delle qualifiche richieste per l’iscrizione nel registro dei praticanti Avvocati tenuto dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati presso il Tribunale locale relativo all’Ufficio legale INPS indicato nella domanda. Coloro che sono già iscritti nel registro speciale dei praticanti presso il Consiglio dell’Ordine, inoltre, non devono avere una anzianità di iscrizione superiore a due mesi.

E’ necessario essere cittadino italiano, di uno Stato membro dell’Unione Europea o extra-UE in possesso dei requisiti previsti dall’art. 17, comma 2 della L. 247/2012.

La domanda può essere presentata esclusivamente in modalità telematica, utilizzando il PIN INPS oppure le credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), ma anche i parametri CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o la CIE (Carta di identità elettronica 3.0). Sul portale dell’istituto è presente l’apposito form da compilare per inviare la candidatura.

La scadenza è stata fissata per il 10 luglio 2020.

Una commissione valuterà i candidati sulla base dei criteri riportati nel bando. Le liste definitive saranno pubblicate sul sito istituzionale dell’INPS.