Il Sistema AdEPP interessa le Casse argentine

157

Il Presidente Oliveti è intervenuto ieri sera, su invito del Segretario Generale Arch. Gustavo Beveraggi, all’Assemblea annuale della Coordinadora de Cajas de Previsión y Seguridad Social para Profesionales de la República Argentina, per portare l’esperienza degli enti di previdenza privata  riuniti in AdEPP nella gestione della previdenza dei professionisti nel contesto attuale.

L’intervento, che si è tenuto alle 21.15 a causa della differenza di fuso orario, ha suscitato notevole interesse in particolare in relazione alla sostenibilità dei sistemi previdenziali dei professionisti messi alla prova dall’andamento demografico, dalla digitalizzazione dei servizi professionali e dalla scarsa capacità reddituale dei giovani professionisti (anche nella crisi da Covid19).

Il Presidente Oliveti ha ricordato che “Le sfide di fronte alle quali si trovano oggi le Casse di previdenza e i professionisti iscritti, ci hanno obbligato ad una profonda riflessione sui modelli di organizzazione della rappresentanza degli interessi e di erogazione dei servizi” e, ha aggiunto, “all’ideazione e implementazione del progetto WISE che ha contraddistinto gli ultimi anni di attività di AdEPP”.

E’ stata apprezzata dai partecipanti la capacità di realizzare interventi complementari e sinergici tra gli ambiti del welfare, degli investimenti, dei servizi e della dimensione europea delle Casse e dei loro iscritti con economie e azioni comuni che hanno avuto ricadute positive sul sistema delle casse e, indirettamente, sul sistema paese.

Il Segretario generale, Gustavo Beveraggi, ha ricordato come solo poche ore prima in Italia i sottosegretari al Lavoro e all’Economia, in occasione della presentazione del Rapporto Investimenti di AdEPP, avevano proprio sottolineato quanto le Casse di previdenza italiane fossero interlocutori economici importanti per il Paese e quanto queste potessero intervenire sullo sviluppo del mercato del lavoro riconoscendo, inoltre, il ruolo determinante avuto nella protezione dei professionisti in difficoltà, ruolo svolto “puntualmente e celermente”.