Lagarde Bce “Mantenere il cambiamento climatico all’ordine del giorno

35

“Se non teniamo conto dell’impatto del cambiamento climatico sulla nostra economia, rischiamo di perdere una parte cruciale nel nostro lavoro per mantenere i prezzi stabili, afferma Christine Lagarde nel blog della BCE. Questa è la seconda voce di una serie di voci relative al clima in occasione della COP27”.

L’intervento

Un anno fa, nel suo discorso alla COP26 di Glasgow, Sir David Attenborough ci ha chiesto: “È così che la nostra storia dovrebbe finire? Una storia della specie più intelligente condannata da quella caratteristica fin troppo umana di non riuscire a vedere il quadro più ampio nel perseguimento di obiettivi a breve termine? Questa domanda rimane sempre più pressante e, cosa preoccupante, senza risposta.

Il mondo, e in particolare l’Europa, devono affrontare una serie di sfide urgenti che richiedono un’attenzione urgente, anche da parte della Banca centrale europea: le ricadute economiche della pandemia di coronavirus (COVID-19), l’invasione russa dell’Ucraina e il costo -crisi della vita dovuta all’aumento dei prezzi dell’energia, solo per citarne alcuni

Queste sfide sono complicate e dolorose, in particolare per coloro che lottano ogni giorno per sbarcare il lunario. In qualità di guardiani dell’euro, siamo pienamente impegnati a svolgere la nostra parte negli sforzi comuni per affrontarli qui e ora. In particolare, siamo determinati a fare di tutto per garantire che l’inflazione torni al nostro obiettivo di medio termine del 2%. Tuttavia, non dobbiamo perdere di vista le sfide che dovremo affrontare domani e negli anni a venire.

L’estate scorsa ci siamo già trovati di fronte a siccità da record in tutto il mondo, ondate di caldo e inondazioni che hanno causato sofferenze e danni in tutti i continenti. La scienza ci dice che questa è solo un’anteprima dell’impatto che il cambiamento climatico avrà sul nostro pianeta. Sappiamo anche che l’unico modo per evitare il peggio è rendere più verde la nostra economia. Dobbiamo ridurre le nostre emissioni di gas serra fino allo zero netto. Se lo facciamo all’inizio, i benefici a lungo termine supereranno di gran lunga i costi a breve termine.

Rendere la nostra politica monetaria adatta al cambiamento climatico

Alla Banca Centrale Europea, il nostro obiettivo primario è mantenere i prezzi stabili. Questa è la bussola che guida ogni nostra azione, ora più che mai. Per adempiere a questa responsabilità fondamentale, abbiamo bisogno di un quadro completo di tutti i fattori che influenzano l’inflazione in modo che le nostre politiche rimangano efficaci.

Il cambiamento climatico è uno di questi fattori, dato il suo effetto diffuso sulla nostra economia. Gli eventi meteorologici estremi possono danneggiare le infrastrutture, devastare i raccolti e interrompere le catene di approvvigionamento. Ciò può far aumentare i prezzi dei prodotti chiave e quindi alimentare l’inflazione, rendendo più difficile per noi mantenere i prezzi stabili. Al contrario, gli sforzi rafforzati per spostare la nostra fornitura di energia verso energie rinnovabili più economiche dovrebbero in definitiva contribuire a rallentare l’inflazione.

Se non teniamo conto dell’impatto del cambiamento climatico sulla nostra economia, rischiamo di perdere una parte cruciale del quadro generale. Ciò significa che il nostro compito di preservare la stabilità dei prezzi deve includere un ulteriore lavoro per comprendere meglio come il cambiamento climatico influisca sul nostro ruolo. Dobbiamo incorporare il cambiamento climatico in tutto ciò che facciamo: i nostri modelli, dati, proiezioni e analisi. In definitiva, dobbiamo garantire che la nostra politica monetaria tenga conto dell’impatto del cambiamento climatico.

 

Nell’ultimo anno, siamo andati oltre le parole e siamo passati all’azione reale. Abbiamo adeguato le nostre partecipazioni in obbligazioni societarie, il quadro delle garanzie e le pratiche di gestione del rischio per tenere meglio conto dei rischi legati al clima. In qualità di autorità di vigilanza, lavoriamo per garantire che le banche tengano conto dei rischi legati al clima nelle loro decisioni aziendali e di prestito. Analizziamo anche l’impatto del cambiamento climatico sull’economia e sulla stabilità finanziaria. E, naturalmente, lavoriamo per ridurre l’impronta ambientale delle nostre attività aziendali quotidiane in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

Con il nostro lavoro sui cambiamenti climatici, miriamo a gestire meglio i rischi legati al clima, sostenere la transizione verde in linea con gli obiettivi dell’Unione Europea di “zero netto” e promuovere un’azione più ampia da parte degli altri, sempre nell’ambito del nostro mandato.

Guardare avanti: spianare la strada a un’economia più verde

Accelerare la transizione verde non è mai stato così importante: l’aumento dei prezzi dell’energia ha evidenziato quanto dipendiamo dai combustibili fossili e quanto questo ci renda vulnerabili. Sfruttare l’opportunità di portare avanti un tempestivo spostamento del nostro sistema energetico verso più energie rinnovabili non solo renderebbe la nostra economia più verde e più autosufficiente, ma ridurrebbe anche il rischio di picchi nei prezzi dell’energia. I tassi di inflazione più bassi e più stabili che ne derivano farebbero funzionare meglio le nostre economie a beneficio di tutti.

Naturalmente, non possiamo farlo da soli. Tutti noi dobbiamo lavorare sodo per gettare le basi per un mondo più verde e più luminoso. La cooperazione e la trasparenza internazionali saranno fondamentali per realizzare questa trasformazione a lungo termine. La determinazione del prezzo degli effetti negativi del carbonio, investimenti abbondanti in tecnologie verdi innovative e adattamento climatico, informative coerenti e comparabili relative al clima e percorsi di transizione chiari e tempestivi con tappe intermedie sono solo alcuni degli strumenti che possiamo utilizzare per rendere più ecologica la nostra economia. Se tutti conosciamo i processi in atto e siamo trasparenti sui veri costi del cambiamento climatico e sui benefici della transizione verde, le persone e le imprese capiranno che cambiare i propri comportamenti e le proprie pratiche non è solo un bene per il pianeta, ma rende anche semplice senso economico.

Dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere per impedire che le peggiori paure di Sir David si avverino. Dobbiamo assicurarci di poter voltare pagina e continuare la nostra storia. In tal modo, possiamo trovare incoraggiamento anche nelle sue parole: “Se lavoriamo separati siamo forze abbastanza potenti da destabilizzare il nostro pianeta, sicuramente lavorando insieme siamo abbastanza potenti da salvarlo”.