Ocse. Pubblicato il “Regions and Cities at a Glance 2022”

72

E’ stato pubblicato, ieri 15 novembre, il report 2022 “OCSE Regions and Cities at a Glance”.

L’OCSE Regions and Cities at a Glance  – si legge nell’abstract – presenta indicatori su singole regioni e città dall’inizio del nuovo millennio. Fornisce un quadro completo dei successi passati e delle probabili sfide che le regioni e le città dei membri dell’OCSE e dei paesi partner dovranno affrontare nei loro sforzi per costruire economie più forti, più sostenibili e più resilienti. Basandosi su una combinazione di fonti di dati tradizionali e più innovative, l’OCSE Regions and Cities at a Glance descrive la natura in evoluzione delle disparità all’interno dei paesi. I nuovi argomenti trattati in questa edizione includono l’impatto economico dei recenti shock, come la pandemia e la crisi energetica”.

“La pandemia di COVID-19 ha avuto effetti particolarmente consistenti e diffusi sulle economie, sulla salute delle persone e sui loro mezzi di sussistenza. Alcuni effetti sono stati transitori e i loro schemi si sono invertiti quando le regioni si sono riprese; altri si sono mantenuti ben oltre le fasi iniziali della crisi. Tra il 2019 e il 2020, la regione mediana dell’OCSE ha registrato un calo del 5% del PIL pro capite, ma un quinto delle regioni ha registrato cali del 10% o più. Combinando le statistiche ufficiali con indicatori provenienti da fonti di dati meno convenzionali, il rapporto evidenzia le differenze territoriali nella crescita economica e nel progresso ambientale insieme a tendenze sociali come la disparità di reddito”

“Poiché le regioni e le città mirano a recuperare le perdite dovute alla pandemia di COVID-19, i prezzi dell’energia nettamente più elevati e gli shock per l’approvvigionamento di gas pongono nuove sfide per le economie dell’OCSE. Nonostante la robusta e diffusa ripresa economica nella maggior parte delle regioni OCSE negli ultimi due anni, questi shock stanno colpendo le regioni e le città in modo diverso. Molte aziende ora devono affrontare costi di produzione più elevati, specialmente nelle industrie e nelle regioni ad alta intensità energetica che dipendono dalle importazioni di gas naturale e combustibili. Per le famiglie, coloro che vivono nelle regioni fredde spenderanno di più per il riscaldamento quest’inverno e le famiglie più povere subiranno interruzioni relativamente maggiori a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia”

Le disparità economiche regionali rimangono ampie rispetto agli standard storici. Tuttavia, contrariamente alla credenza diffusa, le disparità economiche regionali non sono aumentate nella maggior parte dei paesi durante il primo anno della crisi (2020); semmai si sono lievemente ridotti in una situazione di diffuso declino economico. Le regioni remote e quelle lontane dalle città continuano a rimanere indietro rispetto alle regioni metropolitane in termini di livelli di PIL pro capite e di crescita.

INVESTIMENTI

Gli investimenti esteri diretti nelle economie OCSE rimangono concentrati geograficamente, favorendo principalmente le regioni ad alto PIL.  Inoltre, la produttività nelle regioni migliori rimane quasi doppia rispetto a quella delle regioni meno produttive all’interno dello stesso paese.

CLIMA

I blocchi e le restrizioni della pandemia hanno anche portato a riduzioni senza precedenti delle emissioni globali di gas serra (GHG) nel 2020, sebbene le emissioni siano rimbalzate fortemente quando queste restrizioni sono state revocate. Mentre la maggior parte dei paesi OCSE mira alla neutralità climatica entro il 2050, i progressi sono irregolari e la maggior parte delle regioni e dei paesi dovrà fare di più per raggiungere i propri obiettivi ambiziosi. Le sfide nella riduzione delle emissioni derivanti dalla produzione di elettricità variano da regione a regione perché le fonti energetiche e le infrastrutture per la produzione di elettricità variano sostanzialmente da luogo a luogo. Ad esempio, più di 50 regioni dell’OCSE dipendono principalmente dal carbone (un inquinante pesante) per la produzione di elettricità. Allo stesso modo, 50 regioni europee utilizzano principalmente gas naturale, una fonte più pulita, ma che dipende dalle importazioni e che alla fine dovrà anch’essa essere gradualmente eliminata.

Anche l’urbanizzazione in corso e le tendenze all’invecchiamento hanno contribuito a mantenere forti e persistenti le disparità economiche regionali negli ultimi due decenni

DEMOGRAFIA E ASPETTATIVA DI VITA

Anche se l’invecchiamento è onnipresente, in genere è molto più forte nelle regioni rurali e remote. Ciò sfida ulteriormente la fornitura di servizi. Ad esempio, tenendo conto della popolazione, le tariffe dei posti letto negli ospedali sono inferiori di quasi il 50% nelle regioni lontane dalle aree metropolitane rispetto alle aree metropolitane e questo divario è andato aumentando nel tempo.

Gli aumenti differenziati della mortalità in eccesso nel 2020 hanno determinato diminuzioni diseguali dell’aspettativa di vita tra le regioni. Dal 2018 al 2020, l’aspettativa di vita alla nascita è diminuita in più della metà delle regioni OCSE (TL2), il che, almeno temporaneamente, ha invertito la lunga tendenza pre-pandemia di sei decenni di crescita dell’aspettativa di vita (OCSE, 2021). Le capitali e le grandi regioni metropolitane hanno registrato le maggiori diminuzioni. Ad esempio, a Bruxelles (Belgio), Lombardia (Italia) e Madrid (Spagna), l’aspettativa di vita è diminuita di oltre il 2% (1,6 anni) nel 2020.

CASA/LAVORO

La crescita delle città e delle aree metropolitane, così come i loro vantaggi in termini di produttività e salari, in genere comporta alcuni costi, tra cui una minore accessibilità degli alloggi. Ad esempio, le famiglie in alcune regioni della Finlandia, della Germania, di Israele, dei Paesi Bassi e del Regno Unito spendono in media il 30% o più del loro reddito per l’alloggio. Nelle aree metropolitane, l’acquisto di una casa nel centro della città è in media del 30% più costoso che in una località suburbana.

Come evidente dai cambiamenti geografici nella domanda di alloggi, l’improvviso aumento del lavoro a distanza ha cambiato la portata spaziale dei mercati del lavoro. Mentre i prezzi delle case in tutte le località sono aumentati nell’ultimo decennio, i prezzi nelle grandi aree metropolitane hanno iniziato a crescere più rapidamente nelle periferie rispetto ai quartieri centrali dopo l’inizio della pandemia. Anche le città e le aree metropolitane sono state in grado di adattarsi più rapidamente al lavoro a distanza grazie al tipo di posti di lavoro che vi si trovano, nonché a infrastrutture digitali generalmente migliori. In tutta Europa, tra il 2019 e il 2020, la quota di lavoratori a distanza è aumentata del 70% nelle zone rurali, ma è quasi triplicata nelle città.

DIGITALE

Un’infrastruttura digitale di alta qualità è importante affinché le regioni e le città possano prosperare nelle circostanze attuali. Sebbene gli investimenti nelle infrastrutture digitali stiano contribuendo a colmare alcuni dei divari digitali regionali, molte regioni sono ancora in ritardo. In alcune regioni del Cile, Costa Rica, Israele, Giappone, Messico e Stati Uniti, un quarto o più della popolazione non ha accesso a Internet a banda larga. Anche quando Internet è disponibile, la sua velocità è ancora inferiore del 40% al di fuori delle aree metropolitane che al loro interno. Ad esempio, due terzi dei paesi OCSE hanno una velocità di Internet inferiore alla media OCSE nelle regioni lontane dalle aree metropolitane.

OCCUPAZIONE

Nel 2021, un’ampia ripresa ha seguito il diffuso declino economico delle regioni nell’anno precedente. A giugno 2022, metà delle regioni OCSE aveva raggiunto i livelli occupazionali pre-pandemia. Tuttavia, le donne ei giovani lottano maggiormente nel mercato del lavoro rispetto ad altri gruppi demografici, soprattutto nelle regioni con alti tassi di disoccupazione. Nel 2021, il divario mediano nei tassi di disoccupazione tra i giovani e l’intera popolazione in età lavorativa era di circa 11 punti percentuali nelle regioni OCSE, 2 punti percentuali in più rispetto a prima della pandemia. Analogamente, il tasso di occupazione tra le donne era inferiore di 12 punti percentuali rispetto a quello tra gli uomini nella regione mediana. I tassi di partecipazione più bassi rappresentano una quota significativa della carenza di occupazione femminile, in particolare per le donne immigrate.

FOCUS OCCUPAZIONE

I tassi di disoccupazione sono aumentati in quasi tutte le regioni OCSE sulla scia della pandemia di COVID-19 e delle misure di contenimento ma, poiché le restrizioni sono state allentate in molti luoghi, l’occupazione ha iniziato a riprendersi. All’inizio del 2022, quasi la metà delle regioni era tornata ai livelli pre-crisi. Tuttavia, le disparità di genere e di età nell’occupazione rimangono ampie nella maggior parte delle regioni.

La pandemia di COVID-19 e le relative misure di contenimento hanno portato a sostanziali riduzioni dell’occupazione e aumenti dei tassi di disoccupazione in quasi tutti i paesi e le regioni OCSE nel 2020, anche nei paesi che inizialmente sono riusciti a contenere il numero di contagi. Il tasso di disoccupazione mediano tra le regioni è aumentato di oltre 2 punti percentuali (pp) nella fase iniziale della pandemia, dalla fine del 2019 alla metà del 2020. Il calo medio della partecipazione alla forza lavoro ha superato i 2 punti percentuali in tutte le regioni durante la fase iniziale della pandemia. Anche nelle regioni meno colpite (il 25% più basso dei tassi di occupazione a metà del 2020), i tassi di disoccupazione sono aumentati di 1 punto percentuale, mentre i tassi di disoccupazione nelle regioni più colpite (il 25% più alto a metà del 2020) sono aumentati di oltre 5 punti percentuali Poiché l’aumento della disoccupazione è stato maggiore per le regioni con tassi di disoccupazione pre-pandemia elevati (8% o superiori), le disparità regionali nella disoccupazione sono aumentate. Questo non è stato il caso del confronto tra paesi: ad esempio, alcuni dei paesi con alti tassi di disoccupazione pre-pandemia hanno avuto variazioni di disoccupazione relativamente piccole nel 2020 (ad es. Grecia e Italia) mentre altri hanno registrato aumenti molto ampi nel 2020 (ad es. Colombia e Costa Rica),

SISTEMI SANITARI RESILIENTI

FOCUS

Sebbene le regioni metropolitane siano state le più colpite dal COVID-19, sono le più preparate con un maggiore accesso alle strutture sanitarie e ai letti ospedalieri. L’impatto sulla salute della pandemia di COVID-19 è stato molto disuguale tra le regioni all’interno dello stesso paese. Nel primo anno della pandemia, la mortalità in eccesso nella regione più colpita (TL2) è stata in media di 17 punti percentuali (pp) superiore rispetto alla regione meno colpita dello stesso paese. Una caratteristica comune di molte regioni più colpite è che contengono grandi città. Questo modello è coerente con l’eccesso di mortalità per tipo di piccola regione (TL3). Nel 2020, l’eccesso di mortalità era del 18% nelle regioni metropolitane rispetto al 14% nelle regioni remote (Díaz Ramírez, Veneri e Lembcke, 2022).

La capacità del sistema sanitario è fondamentale per gestire le crisi sanitarie, come la pandemia di COVID-19, e per migliorare i risultati sanitari nelle regioni a basso rendimento. Tuttavia, differisce in modo significativo tra le regioni. I letti ospedalieri per abitante sono un indicatore che cattura la prontezza delle regioni a fornire servizi sanitari ai pazienti ricoverati (OCSE, 2021) e che è stato fortemente associato a una minore mortalità in eccesso durante la pandemia (Díaz Ramírez, Veneri e Lembcke, 2022). Nel 2020, le regioni OCSE avevano in media 4 posti letto ogni 1 000 abitanti ma, all’interno dei paesi, la fornitura di posti letto differiva in media di 3 posti letto ogni 1 000 abitanti. In Giappone e Corea, i divari regionali in questo indicatore sono stati i più elevati a causa di alcune regioni con livelli di fornitura molto elevati (con più di 15 posti letto ospedalieri per 1 000 abitanti). Anche i divari regionali nei posti letto ospedalieri sono significativi tra i tipi di regioni. Per 21 paesi OCSE con dati disponibili per le piccole regioni (TL3), i tassi di posti letto ospedalieri erano quasi il 50% più alti nelle regioni metropolitane rispetto alle regioni lontane dalle aree metropolitane.

Anche un buon accesso alle strutture sanitarie è fondamentale per sistemi sanitari inclusivi e resilienti. Nelle regioni OCSE, in media, tre quarti della popolazione avevano un buon accesso a un ospedale (entro 20 minuti di auto) nel 2022. Tuttavia, solo i due terzi della popolazione nelle regioni lontane da un’area metropolitana avevano una buona accessibilità fisica in un ospedale, determinando le disparità osservate tra i tipi di regioni. Infatti, nel 2022, le regioni metropolitane avevano in media 20 punti percentuali in più di popolazione con un buon accesso a un ospedale rispetto alle regioni lontane da un’area metropolitana. Le differenze regionali nell’accesso agli ospedali sono state le più elevate in Belgio, Colombia, Grecia e Messico, con scarti di circa 30 punti percentuali

SINTESI

La pandemia ha posto grandi sfide sociali, ma ha anche portato alla sperimentazione della digitalizzazione e di nuove modalità di lavoro. I recenti shock nell’approvvigionamento di gas sottolineano l’importanza di perseguire un’effettiva transizione verde, con regioni e città che contribuiscono in base alle rispettive risorse. Le città e le regioni che sono equilibrate e diversificate nei settori economici e demografici saranno probabilmente più resilienti agli shock futuri, locali o globali.