Disponibile online il report del seminario ESIP sulla sostenibilità e adeguatezza dei sistemi pensionistici nelle società che invecchiano

43

Il 27 marzo AdEPP ha partecipato all’evento ESIP dal titolo “Sostenibilità e adeguatezza dei sistemi pensionistici in una società che invecchia”. I relatori hanno affrontato il tema dell’impatto dell’invecchiamento della popolazione europea sulla sostenibilità a lungo termine dei sistemi pensionistici, garantendo al contempo che tutti i lavoratori, compresi quelli con un impiego non standard, ricevano prestazioni pensionistiche sufficienti.

Tutti i relatori hanno condiviso la contestualizzazione di Zofia Czepulis-Rutkowska, presidente del Comitato permanente pensioni dell’ESIP. Nella sua introduzione al workshop ha sottolineato che l’invecchiamento della popolazione è una sfida fondamentale in tutta Europa. Il tasso di fertilità in diversi Stati membri dell’UE è di circa 0,7 figli per donna, mentre la popolazione di individui che raggiungono gli 80, 90 o addirittura 100 anni di età continua ad aumentare. Inoltre, si prevede che la popolazione diminuirà in diversi Stati membri dell’UE. Quest’ultimo sviluppo non solo rappresenta una seria sfida per la sostenibilità e la stabilità dei sistemi pensionistici nazionali (nei prossimi 20-30 anni), ma anche per il settore dell’assistenza a lungo termine, come sottolineato da Zofia Czepulis-Rutkowska, ricercatrice senior dell’Istituto di studi sociali e del lavoro dell’ente di previdenza polacco, ZUS.

Di conseguenza, un numero crescente di persone esce dal mercato del lavoro, dove i cosiddetti baby boomer hanno già iniziato a raggiungere l’età della pensione, come spiega l’esperienza nazionale in Austria, citata da Verena Zwinger, consulente speciale dell’assicurazione pensionistica austriaca, PV, o in Polonia, come sottolineato da Paulina Jarmuż-Zawadzka, specialista allo ZUS. Tuttavia, nonostante l’esistenza di politiche e misure che promuovono una maggiore partecipazione al mercato del lavoro, queste non sono sufficienti a soddisfare pienamente i requisiti finanziari del sistema pensionistico.

Inoltre, la migrazione ha un impatto significativo sui cambiamenti demografici, ma i suoi effetti variano. I Paesi dell’Europa meridionale, ad esempio, sperimentano una fuga di cervelli, poiché molti giovani altamente istruiti si recano all’estero per trovare lavoro, mentre altri Stati membri hanno un gran numero di stranieri provenienti da un altro Stato membro dell’UE o da un Paese terzo. Francesco Verbaro, senior advisor di AdEPP, ha segnalato come afferma che i Paesi del sud Europa, come l’Italia, soffrono della carenza di contributi da parte delle giovani generazioni che incide significativamente sulla stabilità del sistema pensionistico, e non solo, del Paese nel lungo periodo. D’altro canto, i Paesi di stabilimento dei migranti possono ricevere contributi maggiori, a condizione che questi lavoratori partecipino attivamente all’economia formale.

 

L’evoluzione del mondo del lavoro: come includere nel sistema i lavoratori non standard

 

I nostri panel hanno dimostrato che l’evoluzione del mondo del lavoro influisce anche sull’evoluzione dei sistemi pensionistici. Ha un impatto sull’adeguatezza delle pensioni per gli individui che hanno svolto un lavoro non permanente e/o a tempo parziale in qualche momento della loro vita. I percorsi di carriera flessibili e diversificati diventano sempre più comuni. Gli esperti invitati al workshop hanno concordato sul fatto che alcune categorie all’interno di questi gruppi sono state escluse dal sistema generale e, quindi, non hanno partecipato al sistema contributivo pensionistico. Si tratta dei lavoratori delle piattaforme e delle giovani generazioni, che spesso svolgono molti stage non retribuiti o lavori flessibili. Se queste occupazioni hanno una durata limitata, ciò ha un effetto indesiderato sui piani pensionistici degli individui, come sottolineato da alcuni dei membri del panel che rappresentano gli schemi pensionistici nazionali. Questo perché i loro contributi al regime pensionistico iniziano in una fase successiva, il che influisce negativamente sulle loro prestazioni pensionistiche, soprattutto in un sistema contributivo.

 

Inoltre, un numero crescente di Paesi sta prendendo in considerazione l’ampliamento della copertura e il miglioramento della sicurezza sociale per i lavoratori autonomi. Secondo Maciej Lis, economista dell’OCSE, sebbene i Paesi dell’UE trattino i lavoratori autonomi in modo molto diverso nei loro sistemi pensionistici, molti di essi cercano di includerli in modo simile ai lavoratori dipendenti. Tuttavia, alcuni Stati membri, come i Paesi Bassi e la Germania, escludono i lavoratori autonomi dall’obbligo di partecipare alla pensione correlata al reddito per vari motivi. In alcuni Paesi, come la Finlandia, come confermato da Aart-Jan Riekhoff, ricercatore dell’Ente di previdenza finlandese ETK, le autorità si informano sul salario potenziale che un lavoratore autonomo potrebbe percepire se lavorasse come dipendente. I contributi sono successivamente stimati sulla base del salario virtuale, ma questo tipo di sistema presenta alcune limiti che stanno spingendo i decisori politici a rafforzare la normativa di riferimento. In alcuni Paesi, tutti i lavoratori autonomi sono tenuti a pagare un importo fisso per partecipare al sistema di protezione sociale. Da segnalare che un numero sempre maggiore di persone ha scelto di avviare un’attività imprenditoriale e di assumere il ruolo di lavoratore autonomo, in parte o completamente, pur partecipando al sistema di occupazione regolare. Questa realtà evidenzia i limiti del sistema pensionistico, che è ancora principalmente incentrato su ipotesi superate di traiettorie di carriera. Il processo di transizione da un sistema all’altro può quindi essere arduo e comportare notevoli responsabilità amministrative, soprattutto per quanto riguarda i contributi pensionistici. Tuttavia, Verena Zwinger ha spiegato come il sistema pensionistico austriaco risponda a queste sfide in quanto consente il trasferimento reciproco dei contributi e dei crediti di entrambi i regimi garantendo i passaggi da lavoro dipendente ad autonomo per poi rientrare nel lavoro dipendente, anche dopo alcuni anni, senza perdere i contributi pensionistici. Inoltre, per coloro che hanno scelto di svolgere sia un’attività lavorativa a tempo parziale che un’attività autonoma a tempo parziale esiste l’opportunità di cumulare i propri contributi, con effetti positivi sulla pensione futura e la sua maggiore adeguatezza.

Aart-Jan Rieckhoff ha anche affrontato il concetto di lavoro autonomo a bassa attività, dimostrato dal principio finlandese dell’“imprenditorialità leggera”. Si tratta di un tipo di lavoro autonomo in cui un individuo agisce come imprenditore ma utilizza un servizio di fatturazione offerto da una società terza per gestire i pagamenti per suo conto. Dal 2017 sono considerati dal sistema pensionistico come lavoratori autonomi, in quanto prima erano classificati come dipendenti della società di fatturazione. Per circa tre quarti degli “imprenditori leggeri” il reddito annuo (derivante solo dalle loro attività imprenditoriali) è inferiore alla soglia di 9.010 euro, il che significa che non è necessario versare alcun contributo pensionistico per le rispettive attività imprenditoriali. La maggior parte di essi è occupata altrove e si dedica all’attività imprenditoriale leggera come secondo lavoro. Il numero di “imprenditori leggeri” è passato da 23.000 nel 2017 a 68.000 nel 2022, diventando così un fenomeno molto diffuso. Questo esempio dimostra l’importanza di attuare strategie innovative per facilitare l’autonomia personale, in particolare di coloro che si discostano dalla normalità lavorativa, per esplorare nuove tipologie occupazionali.

 

Tra le possibili soluzioni, Agnieszka Chłoń-Domińczak, componente del gruppo di alto livello sul Futuro della protezione sociale nell’UE e direttrice dell’Istituto di Statistica e Demografia della Warsaw School of Economics, ha delineato tre approcci principali per affrontare l’impatto dei cambiamenti demografici sui sistemi pensionistici: 1) Ridurre i tassi di pensione futuri; 2) Aumentare l’età di pensionamento; 3) Sfruttare tutte le risorse umane disponibili nel mercato del lavoro. L’attuazione della prima opzione appare impegnativa a causa della probabilità di causare un problema di adeguatezza delle pensioni. La seconda opzione sarà presa in considerazione solo a condizioni specifiche, in quanto si tratta di una scelta politica.

La terza soluzione è considerata all’unanimità da tutti i relatori dell’evento come la priorità principale. Il Portogallo, come sottolineato da Susana Rosa, direttrice dell’Istituto per la sicurezza sociale del Portogallo, ISS, ha implementato un sistema in cui l’età pensionabile è direttamente legata all’aspettativa di vita. Incoraggiare le persone a partecipare più a lungo al mercato del lavoro contribuirà a garantire la stabilità finanziaria a lungo termine e a sostenere soluzioni adeguate per i pensionati di vecchiaia, come ha affermato anche Zofia Czepulis-Rutkowska, che vede sostenibilità e adeguatezza delle pensioni come due facce della stessa medaglia.

 

Partendo dalla prospettiva di Agnieszka Chłoń-Domińczak di riflettere su come affrontare le difficoltà legate all’invecchiamento della popolazione, Maciej Lis ha sollevato la questione del garantire equilibrio tra sostenibilità e adeguatezza dei sistemi pensionistici. Lis ha sottolineato che i finanziamenti garantiti svolgono un ruolo cruciale nell’assicurare sia la sostenibilità che l’adeguatezza delle pensioni nel lungo periodo. Se i decisori politici vogliono offrire maggiori prestazioni, devono garantire maggiori finanziamenti per evitare problemi di sostenibilità a lungo termine. Paulina Jarmuż-Zawadzka ha informato i presenti sulla possibilità per i pensionati polacchi di integrare le prestazioni pensionistiche con un reddito aggiuntivo senza alcun limite, a condizione che abbiano raggiunto l’età pensionabile ufficiale e che il loro contratto di lavoro, iniziato prima del pensionamento, sia formalmente concluso. La pensione di vecchiaia parziale serve come mezzo per estendere il periodo di contribuzione. La pensione parziale ha guadagnato popolarità in Finlandia a causa dell’eliminazione delle opzioni di pensionamento anticipato. A partire dall’età di 61 anni, i lavoratori hanno la possibilità di richiedere il 25% o il 50% della loro pensione.

Maciej Lis ha sostenuto che il solo aumento dell’età pensionabile non rappresenta una soluzione sufficiente a garantire la sostenibilità a lungo termine per molti Paesi. Questo perché si prevede che la popolazione si ridurrà del 10-20 per cento in alcuni di essi. Pertanto, aggiunge, è importante incentivare la partecipazione al sistema pensionistico e la contribuzione da parte di un maggior numero di soggetti. Questo processo comporta l’attivazione del mercato del lavoro e la transizione degli individui dall’economia informale, come i lavoratori delle piattaforme, a quella formale. Ciò conferma, quindi, lo strettissimo legame tra sostenibilità delle pensioni e politiche occupazionali. Secondo Lis, come ha giustamente sottolineato il rappresentante di AdEPP, il mondo del lavoro sta subendo rapide trasformazioni. Pertanto, è fondamentale che i decisori politici monitorino attentamente questi cambiamenti per attuare le politiche occupazionali più appropriate, che in ultima analisi avranno un impatto sul sistema di protezione sociale.

 

Le recenti riforme pensionistiche

Yves Stevens, professore ordinario dell’Università di Leuven (BE), ha colto l’occasione per approfondire le complessità delle dinamiche nelle recenti riforme pensionistiche. Secondo Stevens, esistono due categorie distinte di riforme: le riforme parametriche e le riforme strutturali. La riforma parametrica è una revisione che riguarda un aspetto particolare del sistema, come l’età pensionabile. Dall’altro lato, una riforma strutturale trasforma completamente il sistema pensionistico. Tuttavia, la riforma parametrica può avere un impatto strutturale sul sistema a causa di cambiamenti sostanziali. Il relatore ha illustrato il caso del sistema pensionistico francese nel quale, ogni anno, le parti sociali si riuniscono per determinare collettivamente la valutazione di un punto, poiché il sistema è basato su punti. In queste condizioni, è evidente che la modifica è di natura parametrica. Tuttavia, può avere un impatto significativo sia sull’adeguatezza delle pensioni sia sulla sostenibilità del sistema, incidendo così sull’intera struttura. In definitiva, ogni riforma porta a diversi risultati. Secondo la Matrice di Rumsfeld, la riforma ha ripercussioni note e desiderate, nonché effetti sconosciuti e indesiderati che possono verificarsi soprattutto in presenza di una fase di transizione prolungata o di numerose eccezioni alla regola generale.

In ogni caso, il successo di una riforma pensionistica dipende dalla fiducia dei cittadini nel sistema. A titolo di esempio, la sostenibilità è emersa come la principale preoccupazione in Finlandia. Aart-Jan Riekhoff ha informato i presenti sulla decisione del governo finlandese di ridurre la spesa del sistema pensionistico di 1 miliardo di euro.

Verena Zwinger ha illustrato le misure attuate dall’Austria nel 2024 per raggiungere la sostenibilità a lungo termine. I decisori austriaci hanno introdotto incentivi finanziari per incoraggiare le persone a lavorare per un periodo più lungo. Ciò include l’allineamento delle maggiorazioni con le maggiori detrazioni delle prestazioni pensionistiche quando si posticipa l’età di pensionamento, richiedendo agli individui di contribuire solo per metà dell’importo abituale (fino a tre anni). L’Austria ha deciso di aumentare l’età pensionabile delle donne di 6 mesi dal 2024 al 2033, per allinearla all’attuale età pensionabile maschile di 65 anni.

Susana Ros, infine, ha illustrato le tre riforme significative introdotte in Portogallo negli ultimi 20 anni, che hanno condotto all’attuale sistema a ripartizione. Nel 2002 è stato deciso di includere l’intera carriera nel calcolo dell’importo della pensione di un individuo, anziché solo gli ultimi 10 o 15 anni come avviene nella maggior parte dei Paesi. Nel 2007, il Portogallo ha implementato un nuovo disegno dell’indice per rafforzare e sostituire il sistema del salario minimo, che includeva anche quello della pensione minima. In definitiva, si è deciso di collegare l’età pensionabile legale all’aspettativa di vita della popolazione, come già detto. Di conseguenza, entro il 2025, l’età legale di pensionamento sarà fissata a 66 anni e 7 mesi. Nel complesso, questi miglioramenti hanno influenzato in modo significativo la sostenibilità a lungo termine del sistema, garantendo al contempo prestazioni pensionistiche adeguate, in particolare per gli individui con un reddito basso.

 

Per consultare la documentazione integrale cliccare qui