Innovative Health Initiative. Aperta la call 8

17

Si terranno dal 17 al 21 giugno gli “Innovative Health Initiative Call 8 Day” dedicati alla ottava call del programma . Le iscrizioni per i giorni di chiamata IHI  8 sono ora aperte.

Gli infoday includono sessioni specifiche sui singoli argomenti, oltre a presentare regole e procedure. Inoltre, la piattaforma utilizzata per l’evento include un modulo di networking che consente di trovare partner per il consorzio, inviare messaggi e incontrarsi online.

Nello specifico, le sessioni si articoleranno come segue:

  • 17 giugno, dalle 14:30 alle 15:30: Rules and procedures for two-stage calls;
  • 18 giugno, dalle 10:30 alle 11:30: sessione focalizzata sul topic A city-based approach to reducing cardiovascular mortality in Europe;
  • 19 giugno, dalle 10:30 alle 11:30: sessione focalizzata sull’argomento Novel endpoints for osteoarthritis (OA) by applying big data analytics;
  • 20 giugno, dalle 14:30 alle 15:30: sessione focalizzata sull’argomento Modelling regulatory sandbox mechanisms and enabling their deployment to support breakthrough innovation;
  • 21 giugno, dalle 15:30 alle16:30: sessione focalizzata sul topic Patient-centred clinical-study endpoints derived using digital health technologies.

Per partecipare all’evento, è necessario registrarsi.

I seguenti argomenti sono in esame per l’inclusione nella chiamata IHI 8, un invito in due fasi che verrà lanciato nei prossimi mesi:

DI COSA SI OCCUPA

L’Innovative Health Initiative (IHI) è una partnership pubblico-privato tra l’Unione Europea e le industrie europee delle scienze della vita, rappresentate dalle associazioni: COCIR-Comitato di coordinamento europeo dell’industria informatica radiologica, elettromedicale e sanitaria (imaging medico, radioterapia, industrie sanitarie ICT ed elettromedicali); EFPIA-Federazione Europea delle Industrie e Associazioni Farmaceutiche; EuropaBio (industria delle biotecnologie); MedTech Europe (industria della tecnologia medica) e VaccinesEurope (industria farmaceutica e industria dei vaccini).

IHI intende sostenere progetti realmente intersettoriali che coinvolgano i settori biofarmaceutico, biotecnologico e della tecnologia medica, includendo le aziende attive nell’area digitale. Adottando un approccio integrato e intersettoriale, l’IHI è in una buona posizione per avere un impatto sulla ricerca e sull’assistenza sanitaria. La partnership si propone, inoltre, di lavorare maggiormente sulla prevenzione delle malattie e su una migliore comprensione dei determinanti della salute e delle aree prioritarie delle malattie.

L’iniziativa intende

  • creare un ecosistema di ricerca e innovazione sanitaria a livello dell’UE che faciliti la traduzione delle conoscenze scientifiche in innovazioni
  • promuovere lo sviluppo di innovazioni sicure, efficaci, incentrate sulle persone ed economicamente vantaggiose che rispondano a bisogni strategici di salute pubblica attualmente insoddisfatti
  • spingere l’innovazione intersettoriale per un’industria sanitaria europea competitiva a livello globale.

Riguarderà la prevenzione, la diagnostica, il trattamento e la gestione delle malattie.

La visione: dalla cura della malattia all’assistenza sanitaria

Sostenendo progetti che includono diversi settori della salute, nonché università, piccole e medie imprese (PMI), pazienti, autorità di regolamentazione e altri, IHI mira a creare un nuovo approccio integrato alla ricerca sanitaria, che sposta l’attenzione dalla cura delle malattie all’assistenza sanitaria, partendo dalla prevenzione e coprendo la diagnostica, i trattamenti (personalizzati) e la gestione delle malattie. In ogni fase, i prodotti e i servizi di diversi settori sarebbero perfettamente integrati, rendendo più facile che mai per i pazienti e i loro medici monitorare e gestire la propria salute.

COSA FINANZIA

L’Agenda strategica per la ricerca e l’innovazione – SRIA di IHI sottolinea che il lavoro sostenuto dalla partnership è precompetitivo, il che significa che non fornisce prodotti o servizi direttamente nei sistemi sanitari o nel mercato. Pertanto, i progetti IHI dovrebbero concentrarsi sui seguenti tipi di attività:

  • scoperta di nuove molecole, meccanismi d’azione, processi, tecnologie;
  • sviluppo e test di queste scoperte;
  • sviluppo di metodologie per la valutazione della sicurezza, dei risultati o per la valutazione economico-sanitaria;
  • attività di pre-standardizzazione;
  • contributi alla scienza normativa;
  • progetti pilota/prove di fattibilità, incluse prove in silico (ovvero virtuali).

Focus tematico

L’Agenda strategica per la ricerca e l’innovazione di IHI non elenca un insieme specifico di malattie su cui dovrebbero concentrarsi i progetti IHI. Le idee progettuali che coinvolgono una malattia specifica saranno selezionate in base al peso della malattia per i pazienti/società a causa della sua gravità o del numero di persone colpite, e l’impatto economico della malattia per i pazienti/la società. Le idee di progetto che non si concentrano su una malattia saranno valutate in base alla misura in cui i loro risultati potrebbero avere un impatto trasformativo sui processi di innovazione.

 

CHI PUÒ PARTECIPARE

L’IHI intende riunire diverse parti interessate (università, imprese grandi e piccole e altri stakeholder del settore salute) in progetti di collaborazione che affrontano malattie in cui vi è un onere elevato per i pazienti o la società. Tuttavia, IHI prevede di lanciare una parte di progetti intersettoriali che coinvolgano nuovi stakeholder che rappresentino altri settori industriali.

Qualsiasi organizzazione con sede nell’UE o in un paese associato a Horizon Europe può ricevere finanziamenti da IHI. Il finanziamento sostiene principalmente la partecipazione di università, enti di ricerca, associazioni di pazienti e piccole e medie imprese. A seconda del tipo di call, anche le imprese più grandi possono essere eleggibili a ricevere finanziamenti. I dettagli su chi può ricevere il finanziamento sono esplicitati in ogni bando.

ENTITÀ DEL FINANZIAMENTO

IHI ha un budget totale di 2,4 miliardi di euro per il periodo 2021-2027 ed è finanziato congiuntamente dall’Unione Europea, rappresentata dalla Commissione Europea, e dalle associazioni che rappresentano le industrie europee delle scienze della vita: COCIR, EFPIA / Vaccines Europe, EuropaBio, MedTech Europa.

  • 1,2 miliardi di euro provengono da Horizon Europe
  • 1 miliardo di euro dai partner industriali di IHI
  • 200 milioni di euro da altre industrie o associazioni di scienze della vita che decidano di partecipare a IHI come partner contributori.

Le grandi aziende che fanno parte dei partner industriali di IHI contribuiscono al programma principalmente attraverso contributi “in natura” (ad esempio il tempo dei loro ricercatori, laboratori, dati). Possono, tuttavia, anche versare contributi in denaro. I partner “contributori” forniscono risorse allo stesso modo.

Almeno il 45% del budget di ciascun progetto deve provenire da contributi di partner industriali/contributori (in casi eccezionali, può essere consentita una percentuale inferiore).

 

COME ACCEDERE AL FINANZIAMENTO

IHI pubblica inviti a presentare proposte, aperti e competitivi.

 

Per ulteriori informazioni visitare il sito IHI a questo LINK.