Toscana, ancora misure per i giovani professionisti

471

Dal 16 novembre p.v. i giovani professionisti toscani (anche esercenti il tirocinio o la pratica professionale) potranno richiedere garanzie e contributi in conto interessi sui finanziamenti bancari necessari ad avviare o innovare la propria attività.

La Regione ha infatti attivato due misure:

  • Un apposito fondo di garanzia, con dotazione di 737.000 €, quale strumento di agevolazioni finanziarie per i giovani professionisti e per interventi innovativi proposti da Ordini o Collegi o Associazioni professionali
  • Un contributo in conto interessi, con dotazione di 263.000€ per il 2015, quale intervento di sostegno riservato ai giovani professionisti al fine di agevolare l’accesso al credito e consentire uno sviluppo efficace delle attività professionali.

La garanzia e il contributo possono essere richiesti per:

  • Prestiti d’onore a favore di esercenti la pratica o il tirocinio professionale e appartenenti alle associazioni di professionisti di età non superiore ai 30 anni, per l’acquisto di strumenti informatici
  • Prestiti ai giovani con età inferiore ai 40 anni, finalizzati al supporto delle spese di impianto dei nuovi studi professionali, mediante:
  • Progetti di avvio e sviluppo di studi professionali, con priorità per quelli organizzati in modo associato o intersettoriale tra giovani professionisti;
  • Programmi per l’acquisizione di beni strumentali innovativi e tecnologie per l’attività professionale, in coerenza con le iniziative regionali di sviluppo e standardizzazione delle tecnologie e dell’informazione della conoscenza;
  • Progetti finalizzati a garantire la sicurezza dei locali in cui si svolge l’attività professionale;

La sola garanzia, invece, può essere richiesta per il finanziamento di progetti innovativi proposti da ordini, Collegi o Associazioni.

Le agevolazioni finanziarie possono riguardare prestiti o finanziamenti di durata non inferiore a 18 e non superiore a 60 mesi e per un importo massimo complessivo, al netto del capitale rimborsato, di:

  • 4.500€ per i prestiti d’onore per l’acquisizione di strumenti informatici
  • 13.500€ per prestiti relativi alle spese di impianto di nuovi studi professionali, anche on line
  • Fino a 50.000€, per il finanziamento di progetti innovativi per la migliore strutturazione od organizzazione di Ordini, Collegi o Associazioni
  • Fino a 100.000€ per il cofinanziamento di quote di progetti europei o azioni o attività che innovino i servizi professionali verso gli utenti

I soggetti richiedenti devono richiedere l’apertura di un account all’indirizzo www.toscanamuove.it tramite compilazione del format nell’area “Registrazione” e loggarsi nell’area “Accesso Utenti Registrati” con le credenziali così ottenute.

Fino al 31/12/2015 in via transitoria, la domanda va presentata inviando via PEC all’indirizzo [email protected] la modulistica scaricabile dal sito www.toscanamuove.it.

Successivamente la domanda andrà presentata tramite la piattaforma on line del sito.

Le richieste saranno deliberate entro 10 giorni da Fidi Toscana, capofile del soggetto gestore, in nome e per conto della Regione, secondo l’ordine cronologico.

http://goo.gl/PcnzhQ

 

Si apre invece una seconda fase per i tirocini non curriculari e i praticantati retribuiti finanziati sul Fondo Sociale Europeo nell’ambito del progetto . “Fase in cui alcune delle misure tradizionali del progetto verranno rimodulate e rese ancora più conformi sia ai bisogni dei giovani che alle priorità strategiche della Regione Toscana – ha spiegato il presidente della Regione Enrico Rossi –  Uno dei primi elementi di cambiamento riguarderà il cofinanziamento regionale per i tirocini non curriculari. In questa legislatura daremo vita a una sorta di fase 2 del progetto dove le misure saranno finanziate principalmente dai fondi strutturali”.

Sono inoltre in progress alcune nuove misure che fanno parte delle 25 proposte del Presidente Rossi: gli orti urbani (firmato il protocollo d’intesa) e il progetto 100 band (già uscita la graduatoria). Tra le misure in attivazione nei primi mesi del 2016 uscirà il nuovo bando del Servizio Civile rivolto ai giovani e ci saranno novità per il Fondo di Garanzia per i giovani professionisti.