Cassa Forense. Vola il Patrimonio e volano le azioni di Welfare

786

Il patrimonio netto ammonta a 11.894 milioni di euro, in crescita come crescono le azioni di welfare. Numeri, dati, proiezioni che raccontano molto di più, parlano, infatti, di politiche rivolte agli iscritti e alla stessa Cassa di previdenza nonché al Sistema.

Cassa Forense – dichiara il Presidente Nunzio Luciano – sostiene politiche attive per la crescita dell’Avvocatura ed assicura agevolazioni agli iscritti durante l’intera vita professionale sia in ambito previdenziale che assistenziale, sempre nella garanzia della sostenibilità di lungo periodo”.

Un aiuto che, tradotto in numeri per la Cassa, sfiora i 68 milioni di euro, 67,8 per la precisione. Parola d’ordine “welfare strategico”, non più misure di assistenza e frammentarie, quindi, ma azioni mirate e articolate per linee (famiglia, salute, professione e bisogno), che accompagnano l’avvocato nell’intero arco della vita lavorativa.

Prestiti agevolati per gli under 35, per la concessione di mutui ipotecari per l’acquisto della prima casa o dello studio, per l’acquisto di nuovi strumenti informatici, per la formazione (master e alta specializzazione).

E poi c’è la famiglia, la vita privata con i contributi per gli asili nido e la scuola materna, per la maternità/genitorialità, per la Long Term Care o in caso di bisogno individuale. In arrivo anche le borse di studio per i figli universitari.

“Quest’anno vorremmo riuscire a premiare di più la formazione – conclude il Presidente Luciano – in particolare quella adeguata alle nuove richieste di mercato”.

Un mercato del lavoro che cambia a velocità “supersonica”, sempre più globalizzato e “assetato” di nuove e alte professionalità, che presuppone, quindi, investimenti maggiori sia a beneficio delle persone, in questo caso degli iscritti, sia dell’intero Sistema.

Ed è sul Sistema che il Presidente Nunzio Luciano interviene dalle pagine de Il Sole 24 Ore affrontando il tema del progetto che dovrebbe facilitare l’accesso dei professionisti al Fondo di garanzia del Microcredito centrale

“L’operazione congiunta con Cassa depositi e prestiti coinvolge 20 Casse– anticipa Luciano in qualità di Vice presidente vicario dell’AdEPP – ognuna interverrà a innalzare le garanzie sul finanziamento richiesto dal proprio iscritto, abbassandone così i costi. Con 20 milioni di investimento si potrebbero attivare prestiti per un miliardo”.