Newsletter “Professioni in Europa” – Maggio 2020

550

Anche questo Numero di “Professioni in Europa” (n. 35 – aprile 2020) è caratterizzato dall’emergenza da Covid-19 che ha rallentato l’attività pubblica delle istituzioni europee, che operano ormai per lo più in teleconferenza, e al contempo ha contraddistinto le misure adottate a livello UE per contrastare gli effetti economici e sociali dell’epidemia e accompagnare la ripresa nel periodo di allentamento delle misure di distanziamento sociale.

Fanno parte di questo “pacchetto Covid-19” gli emendamenti temporanei alla normativa in tema di aiuti di Stato e Fondo di Solidarietà, nonché l’elaborazione di una strategia di ripresa per l’Unione Europea post-pandemia. Il Consiglio ha infatti approvato un pacchetto di aiuti per l’emergenza in caso di catastrofi destinati a Portogallo, Spagna, Italia ed Austria, al contempo la Commissione ha ricevuto dall’Italia la prima richiesta di approvazione per aiuti di Stato erogati in ambito sanitario a causa dell’emergenza coronavirus. Durante l’assemblea plenaria del 13-15 maggio, inoltre, il Parlamento e la Commissione si sono confrontati in merito alla creazione di un fondo per stimolare la crescita economica nel periodo che seguirà la revoca delle misure di contenimento (Recovery Fund) e sul ruolo del nuovo quadro finanziario pluriennale (QFP) per il settennato 2021-2027.

Il lavoro delle istituzioni è proseguito con le videoconferenze tenute dai Ministri delle finanze, della salute, del mercato interno e degli affari sociali. Durante tali incontri i ministri hanno affrontato le criticità provocate dall’emergenza sanitaria nei rispettivi ambiti ed hanno discusso delle relative strategie di ripresa. Tra le azioni adottate, ad esempio, le modifiche al Regolamento del Fondo per gli aiuti europei agli indigenti (FEAD), la creazione della piattaforma di esperti Fit for Future, che presterà un servizio di consulenza alla Commissione nel periodo post-covid e gli orientamenti della Commissione su come rilanciare il settore turistico europeo.

Durante il mese di maggio, la Commissione ha inoltre presentato un nuovo piano d’azione in materia di lotta al riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo, e ha adottato un secondo pacchetto di misure indirizzate al settore bancario per agevolare l’erogazione di prestiti a famiglie e imprese.

La newsletter si chiude con la posizione del Parlamento Europeo sull’utilizzo delle applicazioni di tracciamento e l’inizio dei negoziati sul Protocollo sull’Irlanda/Irlanda del Nord (UK).