Ocse. “Politiche straordinarie per la ripresa”

267

“L’impatto sanitario, sociale ed economico dell’epidemia avrebbe potuto essere notevolmente più tragico se non ci fosse stata la straordinaria azione degli operatori della sanità (medici, infermieri) e di tutti gli altri lavoratori essenziali che hanno continuato a offrire i loro serivizi ai cittadini, mettendo a rischio la propria salute” inizia così l’editoriale di Laurence Boone, Capo economista dell’OCSE nel presentare l’ultimo “Economic Outlook” dell’OCSE (10 giugno 2020).

“La diffusione della pandemia Covid-19 ha scosso la vita delle persone in tutto il mondo in modo straordinario, minacciando la salute, interrompendo l’attività economica e danneggiando il benessere e l’occupazione. L’attività economica è crollata in tutti i paesi OCSE durante il blocco delle attività, in alcuni paesi fino al 20-30%; uno shock straordinario. – scrive Boone – I confini sono stati chiusi e il commercio si è fermato. Allo stesso tempo, i governi hanno messo in atto misure di sostegno rapide, ampie e innovative per attutire l’impatto economico, sovvenzionando lavoratori e imprese. Le reti di sicurezza sociale e finanziaria sono state rafforzate a velocità record. Man mano che lo stress finanziario aumentava, le banche centrali hanno intrapreso un’azione energica e tempestiva, implementando una serie di politiche convenzionali e non convenzionali, al di sopra e al di là di quelle utilizzate nella crisi finanziaria globale (ndr del 2009), evitando così che la crisi sanitaria ed economica si trasformasse in crisi anche finanziaria”.

Ma cosa succederà nei prossimi mesi? Le banche, i Governi riusciranno ancora a fronteggiare la pandemia? E se gli Stati si dovessero trovare di fronte ad una seconda ondata della pandemia avranno gli strumenti, sanitari e economici, sufficienti per “non soccombere”? Che cosa dicono i dati?

“Le prospettive economiche sono eccezionalmente incerte – sottolinea l’economista – È probabile che il recupero sia lento e persino interrotto da un altro focolaio di coronavirus, se misure di contenimento mirate non saranno attuate o si dimostreranno inefficaci, in particolare programmi di test, track and trace (TTT).Questa prospettiva economica presenta due scenari altrettanto probabili per ciascun paese ed economia: il primo, in cui esplode un secondo focolaio globale verso la fine di quest’anno e il secondo scenario, alternativo, in cui si evita questa ripresa della pandemia. Nel primo caso, lo scenario del “doppio colpo”, si prevede che quest’anno il PIL globale diminuirà del 7,6% e rimarrà ben al di sotto del livello pre-crisi alla fine del 2021; nello scenario “single-hit”, si prevede che quest’anno il PIL mondiale diminuirà del 6% quest’anno, ma alla fine del 2021 avrà quasi riguadagnato il livello pre-crisi. Ciò nonostante, in molte economie avanzate, l’equivalente di cinque o più anni di crescita del reddito reale pro capite potrebbe andare perso entro il 2021”.
E ancora “La crisi getterà una lunga ombra sul pianeta e sulle economie dell’OCSE. Entro il 2021, il reddito reale pro capite nella maggior parte delle economie OCSE sarà arretrato ai livelli del 2013, se si verificherà lo scenario della ripresa della pandemia, e ai livelli del 2016 nel caso i cui riusciremo a limitare questa tragedia (scenario a singolo colpo). In ogni caso, la crisi economica derivata dalla pandemia potrebbe ridurre in modo permanente la produzione potenziale a causa della demolizione prematura del capitale, che probabilmente accompagnerà i fallimenti più gravi e l’isteresi nei mercati del lavoro, man mano che i tempi della disoccupazione si allungano”.

Che fare?

“Saranno necessarie politiche straordinarie per guidare la ripresa. – sostiene Boone – I governi possono fornire le reti di sicurezza che consentono alle persone e alle imprese di adeguarsi, ma non possono sostenere il settore privato,l’occupazione e i salari per un periodo prolungato. Il capitale e i lavoratori dei settori e delle imprese più colpiti dovranno spostarsi verso i settori in espansione. Tali transizioni sono difficili e raramente avvengono in modo sufficientemente rapido da impedire l’aumento del numero di imprese in crisi e un prolungato periodo di disoccupazione per i lavoratori. I governi dovranno adattare il sostegno e accompagnare la transizione, consentendo rapidi processi di ristrutturazione per le imprese, senza stigmatizzare i fallimenti imprenditoriali, fornendo reddito ai lavoratori nelle transizioni, formazione per i licenziati e transizioni verso nuovi lavori nonché protezione sociale per i più vulnerabili . In precedenza abbiamo chiesto un aumento degli investimenti pubblici nelle tecnologie digitali e verdi per promuovere la crescita sostenibile a lungo termine e aumentare la domanda a breve termine. Ciò è ancora più urgente oggi, con le economie così duramente colpite”.

“Sono necessarie politiche monetarie flessibili e un aumento del debito pubblico che saranno accettati fintanto che l’attività economica e l’inflazione saranno in depressione e la disoccupazione rimarrà su livelli elevati. Tuttavia, la spesa finanziata dal debito dovrebbe essere mirata a sostenere le persone più vulnerabili e gli investimenti necessari per la transizione verso un’economia più solida. Il sostegno pubblico deve essere trasparente ed equo. Il sostegno aziendale da parte dei governi deve arrivare con regole trasparenti, con obbligazioni private e titolari di azioni che subiscono una perdita quando il governo interviene, in modo che i loro premi per l’assunzione di rischi non siano eccessivi. Il miglioramento delle relazioni tra datore di lavoro e lavoratore dovrebbe accompagnare il sostegno pubblico continuo a lavoratori e imprese, aprendo la strada a una più forte coesione sociale e, in definitiva, a una ripresa più forte e sostenibile”.

“I governi devono cogliere questa opportunità per progettare un’economia più equa e sostenibile, rendendo la concorrenza e la regolamentazione più intelligenti, modernizzando le tasse governative, le spese e la protezione sociale. La prosperità deriva dal dialogo e dalla cooperazione. Questo è vero a livello nazionale e globale”.

In allegato la scheda sull’Italia

per leggere o scaricare lo studio cliccare su:

http://oecd.org/economic-outlook?utm_source=Adestra&utm_medium=email&utm_content=CTA%3A%20Full%20Report&utm_campaign=ecooutlookjun2020&utm_term=eco