Covid 19. Ue. Prepararsi per emergenza su larga scala

644

Il meccanismo di protezione civile dell’UE (UCPM) ha sostenuto gli Stati membri a salvare vite umane in mezzo a terremoti, uragani e inondazioni. Ha contribuito a combattere gli incendi boschivi e ad evacuare i cittadini dell’UE – tra cui più di 75.000 cittadini dell’UE durante l’attuale crisi del COVID-19 – coordinando e assistendo negli sforzi di protezione civile. Attrezzature mediche come ventilatori, dispositivi di protezione personale, vaccini e forniture terapeutiche e di laboratorio sono state acquistate anche attraverso rescEU per sostenere i servizi sanitari nazionali durante la pandemia.

Tuttavia, i deputati ritengono che, sebbene il meccanismo di protezione civile dell’UE sia stato utilizzato con successo durante la crisi del COVID-19, ha anche esposto limitazioni nell’attuale configurazione della gestione delle crisi. Quando molti Stati membri sono colpiti contemporaneamente dalla stessa emergenza, non possono fare affidamento sui propri beni e sul sostegno volontario. La RescEU deve quindi essere rafforzata per consentire all’UE di contribuire rapidamente a colmare queste lacune critiche in modo che nessuno sia lasciato solo ad affrontare tali emergenze.

Per prendere in considerazione queste preoccupazioni, la commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare ieri, con 72 voti a favore, 6 e 1 astensione, ha aggiornato la sua posizione adottata il 5 marzo 2020.

Prepararsi per le emergenze su larga scala

La commissione ha ripetuto il suo appello a partire dal 5 marzo affinché si debba assegnare un importo significativamente maggiore alla preparazione, anche per l’acquisto di nuove attrezzature, materiali e risorse necessarie per essere meglio in grado di assistere gli Stati membri quando le capacità nazionali sono sovraccariche. Ciò consentirebbe di rispondere rapidamente ed efficacemente alle emergenze su larga scala o a eventi a bassa probabilità con un impatto elevato, tra cui emergenze mediche come il COVID-19.

Per essere più trasparenti sull’uso dei finanziamenti dell’UE, i deputati ritengono inoltre necessario specificare in che modo il denaro viene stanziato nei tre pilastri del meccanismo “prevenzione, preparazione e risposta”.

Dopo la votazione, il relatore, Nikos ANDROULAKIS (SD, Grecia) ha dichiarato: “C’è bisogno di una maggiore solidarietà dell’UE. Con le nostre proposte proteggiamo e assistiamo meglio i cittadini europei, indipendentemente dallo Stato membro in cui risiedono, poiché aumentiamo il tasso di cofinanziamento al 100%, miglioriamo le azioni di prevenzione e diamo alla Commissione la possibilità di acquisire, affittare o affittare le capacità necessarie. Il Parlamento è pronto ad avviare i negoziati. Vogliamo che il Meccanismo sia pronto ad affrontare non solo una possibile seconda ondata di pandemia o incendi boschivi, ma qualsiasi altro disastro naturale o generato dall’uomo in futuro.”

Passaggi successivi

L’Assemblea si voterà durante la sessione del 14-17 settembre, dopo la quale il Parlamento è pronto ad avviare i negoziati con gli Stati membri per consentire l’entrata in vigore del meccanismo rinnovato entro gennaio 2021.

Priorità bassa

Il meccanismo di protezione civile è stato istituito nel 2013 per aiutare gli Stati membri ad affrontare le catastrofi naturali sempre più frequenti. Fino al 2019, si basava solo su un sistema volontario. Solo nel 2017, il meccanismo è stato utilizzato 18 volte per le emergenze di incendi boschivi in Europa. Portogallo, Italia, Montenegro, Francia e Albania hanno ricevuto assistenza attraverso il Meccanismo per rispondere agli incendi boschivi.

Dal 2019, quando è stato creato il rescEU, l’UE può ora assistere direttamente anche gli Stati membri colpiti da catastrofi quando le capacità nazionali sono sovraccariche.