Ci sarà un V-Day Europeo? Si parte il 27 dicembre

241

Ad annunciarlo è Ursula von der Leyen  spiegando che l’atteso V-Day europeo in realtà sarà spalmato su tre giorni, dal 27 al 29 dicembre.

“E’ il momento dell’Europa – ha affermato la presidente della Commissione europea – proteggiamo i nostri cittadini, noi siamo più forti insieme”.

“Il 27 dicembre sarà un bel giorno per l’Italia e per l’Europa – è il commento del ministro della Salute, Roberto Speranza –  Serve ancora prudenza e il percorso non sarà breve. Ma con l’inizio delle vaccinazioni finalmente siamo sulla strada giusta”.

L’appello lanciato dai ministri della Salute di Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Olanda, Spagna e Svizzera, è stato quindi accolto.

La stessa Angela Merkel, presidente di turno del Consiglio Ue, aveva dichiarato che i “vaccini contro Covid-19 dovranno arrivare nello stesso momento in tutti i Paesi Ue. Non so se poi le vaccinazioni verranno fatte esattamente alla stessa ora, ma l’obiettivo è avere accesso ai vaccini nello stesso momento”, e il nostro Presidente del consiglio Conte aveva riportato che “Nella riunione virtuale (ndr il 16 dicembre scorso) abbiamo sottolineato l’importanza di un approccio coordinato sui vaccini. Se ci riusciremo cercheremo di organizzare il Vaccino-Day per dimostrare che l’Europa parte insieme”.

Il Presidente del Parlamento Europeo, Davide Sassoli, attraverso twitter rilancia “Ho apprezzato che la presidente @vonderleyen abbia accolto la mia proposta al Consiglio Europeo di iniziare la distribuzione del vaccino in tutti gli Stati UE nello stesso giorno. La lotta al COVID si fa insieme”.

LE TAPPE

Il via libera dell’Autorità europea del farmaco (Ema) al primo vaccino, quello di Pfizer, dovrebbe arrivare il  21 mentre il 23 dicembre la Commissione europea dovrebbe dare l’ok. Nei giorni successivi, vista la dichiarazione della Commissaria si ipotizza il 26, le prime fiale lasceranno gli stabilimenti belgi per raggiungere, contemporaneamente, tutti i paesi dell’Unione.

Anche l’Italia partirà con le prime vaccinazioni al personale sanitario il 27 come deciso dopo una riunione tra il ministro della Salute Roberto Speranza e il Commissario straordinario all’emergenza Domenico Arcuri.

I VACCINI ACQUISTATI

Finora la Commissione ha autorizzato 6 contratti, per quasi 2 miliardi di dosi di potenziali vaccini:

un accordo con BioNTech-Pfizer per l’acquisto iniziale di 200 milioni di dosi per conto di tutti gli Stati membri dell’UE, oltre a un’opzione per l’acquisto fino ad altri 100 milioni di dosi;

un accordo con AstraZeneca per l’acquisto di 300 milioni di dosi del vaccino, con la possibilità di acquistarne altri 100 milioni, per conto degli Stati membri dell’UE;

un accordo con Sanofi-GSK per l’acquisto di 300 milioni di dosi, per conto di tutti gli Stati membri dell’UE;

un accordo con Johnson e Johnson per l’acquisto iniziale di 200 milioni di dosi per conto di tutti gli Stati membri dell’UE e potrebbe ulteriormente acquistare fino a 200 milioni aggiuntivi;

un accordo con CureVac per l’acquisto iniziale di 225 milioni di dosi per conto di tutti gli Stati membri dell’UE;

un accordo con Moderna per l’acquisto iniziale di 80 milioni di dosi per conto di tutti gli Stati membri dell’UE, più la possibilità di richiedere fino ad altri 80 milioni di dosi.