Ict e professioni, evoluzione di due mondi che cambiano

155

“Il sistema delle libere professioni costituisce una componente essenziale nel mondo dei servizi alla persona, all’impresa, alla Pubblica Amministrazione e alle organizzazioni di qualunque genere. Indipendentemente dalla categoria di appartenenza, il ruolo principale di ciascun professionista è quello di rispondere a esigenze informative dell’utente – cittadino o organizzazione – al fine di offrire valore tecnico e funzionale ed economico, ovvero tutelarne o garantirne diritti e interessi” è quanto emerge dallo studio commissionato da AdEPP alla Luiss con l’obiettivo di “identificare i trend e le dinamiche del cambiamento tecnologico che incidono con maggiore vis trasformativa su contenuti, competenze, organizzazione e mercato delle professioni ordinistiche, al fine di proporre una base di conoscenza comune e condivisa sui cambiamenti da affrontare, evidenziando le principali implicazioni per le policy idonee a disegnare un futuro che mantenga e potenzi il ruolo dei professionisti nel nostro Paese e nel più ampio contesto Europeo e internazionale”.

Ogni professione è dunque detentrice di un set di conoscenze e competenze specifiche poste al servizio della collettività in un contesto mutevole e sfidante: ne consegue la necessità di far corrispondere all’evoluzione dei contesti economici e sociali, un progresso almeno equivalente nell’erogazione dei servizi professionali”

“La ricerca su Transizioni Tecnologiche e Trasformazione delle Professioni” si propone di esplorare con rigore scientifico e orientamento agentivo le evoluzioni tecnologiche che determinano le trasformazioni delle professioni ordinistiche, al fine di identificare prospettive condivise (probabili oltre che possibili) e fornire contributi utili al cambiamento inevitabile. Il tutto con la consapevolezza che solo una gestione attiva delle evoluzioni tecnologiche potrà offrire percorsi e opzioni idonei a mantenere e rafforzare la centralità del professionista”