Ocse. Come hanno risposto i Governi alla Pandemia? Quali politiche per mettere i giovani al centro della ripresa

576

“I governi dei Paesi dell’OCSE stanno investendo risorse significative per affrontare gli effetti immediati e a lungo termine della pandemia di COVID-19. Dato che la crisi ha colpito diverse fasce di età in modo diverso e che le sue ripercussioni saranno avvertite da molti nei decenni a venire, è fondamentale adottare un approccio integrato di governance pubblica alla risposta al COVID-19 e agli sforzi di ripresa”  è quanto si legge nell’abstract dell’ OECD Policy Responses to Coronavirus (COVID-19) – “Delivering for youth: How governments can put young people at the centre of the recovery” il documento politico, pubblicato nei giorni scorsi, nel quale si sono raccolte “le opinioni di un campione non rappresentativo di 151 organizzazioni giovanili di 72 paesi, comprese 100 organizzazioni giovanili con sede in 36 paesi dell’OCSE” sulle politiche messe in campo dai Governi.

Lo studio è integrato da un’analisi delle misure adottate in 34 paesi dell’OCSE e fornisce raccomandazioni su come fornire una ripresa equa, inclusiva e resiliente per i giovani attraverso una serie di approcci di governance pubblica.

Che cosa sottolinea in sintesi il documento?

Le organizzazioni giovanili sono maggiormente preoccupate per l’impatto della crisi COVID-19 sulla salute mentale, seguito dal suo impatto sui risultati in materia di istruzione e occupazione, relazioni familiari e amicizie, nonché per la limitazione delle libertà individuali.

Più della metà delle organizzazioni giovanili con sede nell’OCSE dichiara che i propri membri sono soddisfatti del modo in cui il governo del proprio paese ha utilizzato le prove scientifiche per mitigare la pandemia (53%) e ha comunicato i rischi della pandemia ai propri cittadini (54 %).

D’altra parte, le organizzazioni giovanili con sede nell’OCSE intervistate sono piuttosto insoddisfatte del modo in cui i governi hanno fornito servizi pubblici ai giovani durante la crisi del COVID-19, in particolare nel settore dello sport, della cultura e del tempo libero (63%), istruzione (60 %), alloggi (56%) e occupazione (56%) e, in misura minore, sanità (46%), trasporti e mobilità (36%) e giustizia (33%).

Al di là dei suoi impatti diretti sul benessere dei giovani, le organizzazioni giovanili esprimono preoccupazione per gli effetti sociali più ampi della crisi COVID-19. Le organizzazioni giovanili con sede nell’OCSE sono più preoccupate per l’impatto della crisi sui diritti dei giovani (72%), le disuguaglianze tra le fasce di età (69%), la diffusione della disinformazione (67%), la discriminazione razziale (61%) e la polarizzazione politica ( 56%). Il 59% è preoccupato che la crisi possa distogliere l’attenzione del governo dalla lotta ai cambiamenti climatici. Il 45% esprime preoccupazione per il benessere degli anziani e il 31% si dichiara preoccupato per il debito pubblico.

Le organizzazioni giovanili con sede nell’OCSE esprimono preoccupazione per la mancanza di opportunità per i giovani di definire misure di risposta e ripresa. Solo il 15% ritiene che il proprio governo abbia tenuto conto delle opinioni dei giovani quando adotta misure di blocco e confinamento. Più della metà ritiene che i regimi di sostegno finanziario (56%) e le risposte agli investimenti in infrastrutture (54%) non abbiano recepito le opinioni dei giovani.

Più di un’organizzazione giovanile su tre con sede nell’OCSE (38%) stima che la fiducia dei propri membri nel governo sia diminuita dall’inizio della crisi del COVID-19, mentre solo il 16% segnala un aumento. Allo stesso modo, il 31% afferma che la soddisfazione dei propri membri per i processi democratici è diminuita nello stesso periodo, mentre solo il 15% segnala un aumento.

29 dei 32 paesi OCSE con una risposta nazionale comparabile e un piano di ripresa in atto includono politiche, programmi o altri impegni specifici per i giovani nei loro piani, con 10 di loro anche elabora in che modo i giovani sono stati consultati nel processo.

24 dei 32 paesi OCSE con una risposta nazionale comparabile e un piano di ripresa in atto hanno messo in atto misure per sostenere i giovani in circostanze vulnerabili.

Sebbene quasi tutte le organizzazioni giovanili con sede nell’OCSE intervistate abbiano contribuito a mitigare gli impatti del COVID-19, ad esempio organizzando seminari (online) e conducendo campagne di informazione, inclusi gruppi in circostanze svantaggiate, meno di un terzo dei paesi OCSE ha risposto e piano di recupero spiegare come i giovani possono impegnarsi nell’attuazione delle misure di recupero.

Cosa dovrebbero fare i Governi?

Per garantire meglio la realizzazione di una ripresa equa, inclusiva e resiliente per i giovani, i governi possono prendere in considerazione una serie di approcci di governance pubblica, tra cui:

Adottare un approccio integrato per sostenere i giovani in tutti i settori pertinenti, sia attraverso politiche settoriali specifiche che strategie integrate per i giovani al livello o ai livelli di governo appropriati, sensibilizzare i dipendenti pubblici sull’impatto della crisi sui giovani e creare meccanismi di cooperazione intersettoriale.

Integrare le prospettive di tutte le fasce d’età nelle misure di risposta e di recupero, anche nell’identificazione delle priorità politiche, nella progettazione di politiche, servizi e programmi (di sostegno), nell’allocazione delle risorse pubbliche.

Coinvolgere i giovani e le organizzazioni giovanili nella costruzione della coesione sociale e nell’attuazione degli sforzi di recupero promuovendo servizi di volontariato e attività giovanili significativi attraverso leggi, strategie e programmi adeguatamente finanziati.

Valutare e anticipare gli impatti a lungo termine della crisi su diversi gruppi di età migliorando la raccolta, l’uso e la condivisione di dati e prove disaggregati per età e tutte le altre identità a cui i giovani si associano, nonché le loro intersezioni, compreso lo stato socioeconomico e area geografica, genere, razza ed etnia, indigenza, status di migrante, status di (dis)abilità.

Costruire capacità e competenze istituzionali, amministrative e tecniche tra i responsabili politici per fornire una ripresa equa, inclusiva e resiliente per i giovani in linea con le raccomandazioni di cui sopra.

https://www.oecd.org/coronavirus/policy-responses/delivering-for-youth-how-governments-can-put-young-people-at-the-centre-of-the-recovery-92c9d060/