30 anni di mercato unico: il motore di resilienza e innovazione dell’UE

68

Il 7 e l’8 dicembre a Praga si sono tenute rispettivamente una conferenza accademica, che ha riunito i migliori ricercatori provenienti dal mondo accademico e decisori politici delle istituzioni dell’UE e nazionali per presentare risultati di ricerca e approfondimenti politici legati al mercato unico, e una conferenza politica che si è concentrata sullo sviluppo ulteriore del Mercato Unico (Single Market) e sulla visione per i prossimi 30 anni, esaminando le opportunità e i rischi per un’ulteriore integrazione. Un panel è stato dedicato a come possiamo rimuovere ulteriormente le barriere per le PMI nel mercato unico.

Il Programma del Mercato Unico (SMP), con un finanziamento di 4,2 miliardi di euro nel periodo 2021-2027, rappresenta l’investimento chiave per sbloccare il pieno potenziale del mercato unico e garantire la ripresa europea post-COVID-19 sostenendo e rafforzando la sua governance quale pietra angolare per il futuro dell’Unione europea.

Dal suo avvio nel 1993, il Mercato unico europeo ha segnato un tratto distintivo nella storia dell’UE facilitando la vita quotidiana di cittadini e imprese, e promuovendo occupazione e crescita. E’ uno dei maggiori successi dell’Unione e continua a dimostrare la sua rilevanza, fungendo da catalizzatore per affrontare nuove sfide e plasmare il futuro del continente.

Oggi, il Mercato unico si conferma come forza propulsiva dell’UE, un alleato strategico nella lotta contro il cambiamento climatico, nell’instaurare la fornitura di energetica pulita e sicura e nei processi di accelerazione della digitalizzazione dell’economia. La sua flessibilità è stata fondamentale nella pandemia di COVID-19 e nella crisi energetica, agevolando la diversificazione delle catene di approvvigionamento aziendali e aprendo nuove opportunità commerciali.

Il Mercato Unico consente ai cittadini di viaggiare e lavorare in tutta l’UE, oltre a permettere la libera circolazione di beni, servizi e denaro, creando un tessuto integrato che caratterizza la vita europea. Queste libertà offrono ai consumatori un’ampia gamma di prodotti e servizi in tutta l’Unione, facilitando una scelta più variegata. Ad esempio, per le informazioni pratiche, lo strumento “Your Europe” è una risorsa fondamentale.

La chiave del successo di un Mercato unico ben funzionante risiede nella parità di regole per tutti. Questo principio assicura ai consumatori che i prodotti e i servizi acquistati nell’UE siano sicuri e rispettino gli standard concordati, mentre le imprese sono vincolate a seguire normative in materia di lavoro e tutela ambientale. Il Mercato unico diventa così uno strumento per proiettare standard elevati e valori europei a livello globale.

Aziende di tutte le dimensioni, in particolare le piccole e medie imprese, ne traggono vantaggio attraendo investimenti per la crescita su scala europea e mondiale. Il mercato unico protegge le imprese da possibili crisi nelle catene di approvvigionamento, agevolando la ricerca di nuovi fornitori e partner. In questo modo, il mercato unico ha dimostrato la sua resilienza nelle difficoltà, ad esempio, consentendo all’Europa di coordinare la distribuzione di vaccini vitali e guidare la risposta globale alla crisi determinata dal Covid-19.

Il Mercato unico rappresenta la risposta dell’UE agli impatti del cambiamento climatico, promuove una transizione verso un’economia e una società più sostenibili e utilizza appieno le potenzialità offerte dalla rivoluzione digitale. Agevolando l’implementazione di soluzioni innovative su tutto il continente, il Mercato unico aiuta l’Europa ad assicurarsi l’accesso alle nuove tecnologie, alle materie prime cruciali, all’energia pulita e alle competenze necessarie a guidare questa trasformazione.