Cambiamenti climatici. L’evento a Bruxelles

41

I membri del Comitato europeo delle regioni hanno preso parte al terzo forum della missione dell’UE sull’adattamento ai cambiamenti climatici, organizzato a Bruxelles il 23 maggio. La missione mira a sostenere le autorità locali e regionali nello sviluppo di soluzioni innovative e nel rafforzare la loro resilienza contro ondate di caldo dirompenti, siccità, inondazioni, incendi e altri eventi meteorologici estremi che stanno colpendo sempre più città e regioni in tutta Europa.

La conferenza è stata aperta dal ministro dell’Ambiente di Bruxelles Alain Maron a nome della presidenza belga del Consiglio dell’UE e dal commissario per il clima Wopke Hoekstra. Come sottolineato dal commissario Hoekstra, l’attuazione delle misure di adattamento ricade in gran parte sugli enti locali e regionali che necessitano del sostegno coordinato dei governi nazionali e dell’UE. Ha sottolineato che un approccio proattivo che anticipa i rischi è un investimento per un futuro più sicuro: il costo dell’inazione supera ampiamente il costo delle misure di prevenzione.

Il presidente del Comitato europeo delle regioni Vasco Alves Cordeiro è intervenuto all’apertura con un videomessaggio: “Gli enti locali e regionali sono tenuti a intensificare gli sforzi di adattamento climatico e le misure di resilienza per proteggere vite umane, infrastrutture e imprese. Ciononostante dobbiamo affrontare diversi ostacoli. Spesso le città e le regioni sono relegate al ruolo di attuatrici di strategie pre-progettate. Questa realtà evidenzia l’attuale insufficiente governance multilivello nel processo decisionale nazionale ed europeo. Riunendo le autorità locali e regionali, gli Stati membri e il livello dell’UE, la missione dell’UE sull’adattamento ai cambiamenti climatici ha dimostrato il potere e l’importanza della collaborazione nel promuovere un efficace adattamento climatico”.

Joško Klisović (AR/PSE), presidente dell’Assemblea della città di Zagabria, ha partecipato a un dibattito in cui ha chiesto maggiore sostegno al livello locale e regionale, compresi i finanziamenti diretti da parte dell’UE.

“L’UE non può permettersi di avere una strategia ambiziosa per il clima e l’energia e allo stesso tempo priva di strumenti di attuazione adeguati. L’attuale regolamento sulla governance sull’azione per il clima e l’unione dell’energia è insufficiente. Chiediamo un nuovo quadro di governance volto a salvaguardare il futuro dell’Europa Un Green Deal con una forte dimensione sociale, che coinvolge attivamente le città e le regioni come attori essenziali nella sua attuazione. I nostri sforzi di mitigazione devono andare di pari passo con l’adattamento. La preparazione a siccità più gravi e ad altri gravi effetti del cambiamento climatico richiederà un adattamento climatico Il diritto e una strategia europea per l’acqua sono tra le massime priorità del prossimo mandato dell’UE”, ha affermato Klisović.

François Decoster (FR/Renew Europe), vicepresidente della regione Hauts-de-France e sindaco di Saint-Omer, ha ricordato che le zone intorno alla sua città sono state colpite da inondazioni ricorrenti e devastanti negli ultimi mesi, con un impatto brutale sugli abitanti . Ha sollecitato una maggiore collaborazione tra tutti i livelli di governo e ha sottolineato la necessità di coinvolgere i cittadini nei processi di monitoraggio e prevenzione. Su richiesta del presidente francese Emmanuel Macron, Decoster ha recentemente redatto un rapporto che analizza le migliori pratiche nella gestione dell’acqua in Belgio e nei Paesi Bassi.