Comitato delle Regioni. Più fondi al programma Interreg

30

Per discutere su come saranno progettate le politiche dell’UE dopo il 2027, quando l’attuale periodo di programmazione sarà terminato, il Comitato delle Regioni ha organizzato una conferenza sul futuro di Interreg, in collaborazione con INTERACT e la presidenza croata della strategia dell’UE per la regione adriatica e ionica (EUSAIR).

Il programma Interact funge da sportello unico per i programmi Interreg e si concentra sul miglioramento del processo di cooperazione. Si occupa del rafforzamento della capacità di gestione dei programmi Interreg e della governance e attuazione delle strategie macroregionali dell’UE.

L’obiettivo dell’evento, tenutosi nei giorni scorsi, a Šibenik (Croazia), era quello di portare all’attenzione dei decisori – sia a livello comunitario che nazionale – il ruolo cruciale che Interreg svolge per le regioni e le città, nonché per la coesione , l’allargamento e le relazioni con i paesi vicini all’UE.

Le recenti crisi – come la gestione dell’arrivo dei migranti, la pandemia di Covid-19 e l’aggressione russa contro l’Ucraina – hanno portato sfide nuove e senza precedenti a tutte le regioni d’Europa, in particolare alle regioni frontaliere, che sono le più esposte.

In un parere sul futuro della politica di coesione, recentemente adottato all’unanimità, i leader locali e regionali del CdR hanno chiesto un bilancio post-2027 per la politica regionale che sia almeno equivalente a quello 2021-2027 in termini reali, mentre il programma Interreg dovrebbe essere aumentati e rappresentano non meno dell’8% dell’importo totale. Ciò consentirebbe un rafforzamento della cooperazione transfrontaliera, che ha subito un rallentamento a causa delle restrizioni legate al Covid-19 e della guerra della Russia in Ucraina.

Oltre 300 partecipanti alla conferenza hanno esaminato i modi in cui la futura cooperazione territoriale potrebbe rispondere alle esigenze regionali definendo una visione strategica con maggiore flessibilità, sinergia, complementarità e responsabilizzazione locale per azioni rapide. Le proposte contribuiranno al lavoro del CdR su questo tema, in particolare attraverso il parere sul futuro della cooperazione territoriale europea dopo il 2027, attualmente in fase di elaborazione.

Per Stella Arneri, Direttore Generale, Direzione per la Cooperazione Territoriale Europea, Ministero dello Sviluppo Regionale e dei Fondi UE, Repubblica di Croazia “Se ci fermiamo a guardare indietro ai risultati di Interreg, sono fiduciosa che potremo sostenere con fermezza una cooperazione territoriale ancora più forte in il futuro con un aumento del budget Interreg Siamo giusto in tempo per discutere la necessità di perfezionarlo per rispondere meglio alle richieste dei territori.”

Petra Masácová, capo dell’autorità di gestione di INTERACT ha sottolineato come “Un futuro con un Interreg più debole, una politica di coesione più debole, è un futuro in cui le disparità regionali crescono più rapidamente, alimentando il malcontento. I programmi Interreg hanno sostenuto l’empowerment regionale e implementato soluzioni alle sfide che sono più visibili a livello internazionale. confini, che si tratti di ostacoli all’accesso all’assistenza sanitaria, ai trasporti o alla protezione del nostro ambiente comune. Essendo costruiti sulla fiducia acquisita in anni di cooperazione e lavoro insieme, i programmi Interreg sono meccanismi efficaci per fornire risultati che migliorano la vita degli europei.

Sfondo

La cooperazione territoriale europea, denominata Interreg, è uno strumento fondamentale dell’UE per rafforzare la convergenza regionale. Nell’ambito della politica di coesione dell’UE, Interreg costituisce una pietra angolare dell’integrazione europea e della coesione economica, sociale e territoriale, con particolare attenzione alle regioni che soffrono di handicap naturali o demografici e alle aree transfrontaliere. L’attuale bilancio pluriennale dell’UE 2021-2027 stanzia quasi 10 miliardi di euro per Interreg.
Gli 86 programmi Interreg – finanziati dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), dallo strumento di preadesione (IPA) e dallo strumento di vicinato, cooperazione allo sviluppo e cooperazione internazionale (NDICI) – operano oltre i confini dell’UE e oltre i suoi confini esterni, eliminando barriere amministrative, avvicinare gli europei, contribuire a risolvere problemi locali o regionali comuni, facilitare la condivisione di idee e risorse e incoraggiare il lavoro strategico verso obiettivi comuni.

EUSAIR è una delle quattro strategie macroregionali dell’Unione Europea. Abbraccia il bacino del Mar Adriatico e del Mar Ionio e coinvolge 10 paesi: quattro Stati membri dell’UE (Grecia, Croazia, parte dell’Italia, Slovenia), cinque paesi candidati (Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Serbia e Macedonia del Nord) e un paese terzo, San Marino. È l’unica strategia macroregionale che coinvolge i paesi extra-UE. La presidenza di turno dell’EUSAIR ha un mandato di un anno. La Croazia detiene la presidenza dal 1° giugno 2023.