L’UE lancia il progetto pilota Women TechEU. Le donne in prima linea nella deep tech

209

La Commissione europea ha lanciato Women TechEU, un nuovo programma europeo a sostegno delle start-up nella tecnologia avanzata guidate da donne per aiutarle a diventare le protagoniste della deep tech di domani.

 Il sostegno rientra nel nuovo programma sugli ecosistemi dell’innovazione di Orizzonte Europa ed è stato ulteriormente incentivato dal Consiglio europeo per l’innovazione (CEI).

I dati mostrano che solo il 15% delle start-up innovative è fondato o co-fondato da donne e solo il 6% ha team di sole donne fondatrici. Queste imprese guidate da donne raccolgono meno capitale di rischio rispetto alle loro controparti esclusivamente maschili, compresi gli investimenti vitali nella fase iniziale, inoltre gli importi che raccolgono tendono ad essere inferiori. In Europa solo il 5% circa del capitale di rischio va a team misti e solo il 2% a team tutto al femminile.

Mariya Gabriel, Commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù ha dichiarato “Con “Women TechEU” miriamo ad aumentare il numero di start-up guidate da donne e a creare un ecosistema europeo a tecnologia avanzata più equo e prospero. Siamo convinti che il sostegno fornito oggi alle fondatrici di imprese a tecnologia avanzata aumenterà le loro possibilità di successo e stimolerà l’ecosistema europeo dell’innovazione nel suo complesso, attingendo a un maggior numero di talenti femminili”.

Women TechEU affronta il divario di genere nell’innovazione sostenendo le start-up ad avanzata tecnologia guidate da donne nella fase iniziale e più rischiosa. Il programma offrirà sostegno finanziario alle start-up guidate da donne con sovvenzioni di 75 mila euro e coaching e tutoraggio di prim’ordine attraverso il programma Women Leadership dell’EIC. 

Anche il principale programma Accelerator dell’EIC si rivolge anche alle start-up guidate da donne, ma Women TechEU si contraddistingue perché offre sostegni nella fase iniziale e formativa delle imprese, puntando ad aumentare il numero di donne che decidono di lanciare una propria start-up.

Nell’ambito del primo bando pilota Women TechEU saranno finanziate fino a 50 start-up deep tech provenienti dagli Stati membri dell’UE e paesi associati. Le candidate devono aver fondato o co-fondato una startup di avanzata tecnologia in fase iniziale e ricoprire una posizione di vertice (CEO, CTO o equivalente) nell’azienda. La società deve essere registrata e stabilita in uno Stato membro dell’UE o in un Paese associato, da almeno sei mesi al momento della presentazione. L’invito a presentare proposte scade alle 17:00 (ora di Bruxelles, CET) del 10 novembre 2021. 

Women TechEU rientra tra le misure per promuovere le capacità delle donne innovatrici. All’inizio di questo mese, la Commissione europea ha annunciato di aver ricevuto il numero record di domande per il Premio dell’UE per le donne innovatrici, a testimonianza della necessità di iniziative come queste che celebrano e sostengono le donne innovatrici e imprenditrici.

Perché il sostegno alle start up deep tech

Le opportunità create da nuove tecnologie e innovazioni dirompenti promettono di fornire la ripresa equa e sostenibile di cui l’Europa ha bisogno. Tuttavia, fino a quando metà della popolazione non sarà considerata tra le fonti di innovazione e talento creativo, l’Europa perderà queste opportunità.

Il deep tech rappresenta oltre un quarto dell’ecosistema delle startup europee, con le aziende europee ad avanzata tecnologia  valutate al momento 700 miliardi di euro combinati e in aumento. Tuttavia, le donne rimangono ampiamente sottorappresentate in questo settore.

Fondate sull’innovazione nell’ingegneria e sui progressi nella scienza, le startup deep tech tendono ad avere cicli di ricerca e sviluppo più lunghi e spesso richiedono più tempo e capitale rispetto ad altre startup. La maggior parte potrebbe fallire nei primi anni se non riceve il giusto supporto e investimento nella fase iniziale. Le donne nel deep tech spesso affrontano l’ostacolo aggiuntivo dei pregiudizi e degli stereotipi di genere, particolarmente diffusi in settori scientifici e tecnologici.

Raggiungere un’Unione dell’uguaglianza che promuova l’uguaglianza di genere in ogni ambito è una delle principali priorità della Commissione europea. La Commissione sta lavorando con gli Stati membri e i paesi associati per promuovere le donne nelle posizioni  decisionali e colmare il divario di genere nella tecnologia e nell’innovazione.

 

Link correlati

Candidatura al bando (Portale opportunità di finanziamento e bandi)

Donne TechEU

Premio dell’UE per le donne innovatrici

Parità di genere nella ricerca e nell’innovazione